LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scoperte Archeologiche: Tutte le strade portano a Roma. Antica
di DAVIDE DESARIO
Il messaggero, 11 LUGLIO2005

Una strada in basolato di cui si ignorava lesistenza, un ...



Una strada in basolato di cui si ignorava lesistenza, un mausoleo del II secolo dopo Cristo circondato da innumerevoli tombe e un acquedotto, probabilmente del I secolo, che portava lacqua da Malafede chiss a quale agglomerato urbano fuori dalle mura della Citt Eterna. Sono venuti alla luce durante lavori di scavo da parte dellAcea che sta curando lilluminazione della via del Mare. Sono subito intervenuti gli esperti della Sovrintendenza archeologica di Ostia Antica. Attualmente, per, entrambi i cantieri sono fermi: lAcea aspetta il via libera della Soprintendenza e questultima i fondi (circa 70 mila euro) per completare gli studi.
I reperti sono stati trovati circa due mesi fa allaltezza di Casale di Malafede, circa al 15 chilometro: prima delle opere murarie di epoca tarda, poi il mausoleo. Ogni resto stato minuziosamente fotografato, repertato e trasferito agli scavi di Ostia Antica.



Dovevano illuminare la via del Mare, una delle strade pi pericolose dItalia. Hanno fatto luce su uno spicchio di Roma Antica rimasto sottoterra per duemila anni: una spettacolare strada di basalto, forse una consolare di cui si ignorava lesistenza e che disegna nuovi scenari urbanistici, un mausoleo del secondo secolo dopo Cristo circondato da innumerevoli tombe meno pregiate e un acquedotto ancor pi antico, probabilmente del primo secolo, che portava lacqua da Malafede chiss a quale agglomerato urbano fuori dalle mura della Citt Eterna.
La scoperta dei tecnici dellAcea ai quali il Comune di Roma ha affidato il delicato intervento di illuminazione della strada statale 8, la via del Mare che collega Roma con Ostia. Gli scavi e gli approfondimenti, invece, sono stati realizzati dagli esperti della Sovrintendenza archeologica di Ostia Antica, diretta da Anna Gallina Zevi. Attualmente, per, entrambi sono fermi: i primi devono ottenere il via libera degli archeologi che, a loro volta, attendono che lazienda comunale stanzi i fondi, circa 70mila euro secondo una prima relazione, per completare gli scavi e gli studi. E intanto larea circondata da lattine di birra, pacchetti di sigarette, roulotte in disuso e sanitari abbandonati.
I primi reperti sono stati trovati circa due mesi. Le ruspe dellAcea stavano realizzando uno solco nel quale far passare i cavi di alimentazione dei lampioni che dovranno illuminare la via del Mare. Allaltezza di Casale di Malafede, circa al 15 chilometro, sono emersi dei reperti archeologici sul lato destro della carreggiata in direzione Ostia. I responsabili dellAcea hanno subito avvertito la soprintendenza di Ostia Antica che ha inviato sul posto il suo staff.
Quando abbiamo iniziato a scavare non credevamo ai nostri occhi - racconta Angelo Pellegrino, da dieci anni direttore degli Scavi di Ostia Antica - Prima abbiamo rinvenuto delle opere murarie di epoca tarda (IV o V secolo dopo Cristo) probabilmente erano anche pi vecchie ma successivamente sono state riutilizzate. Poi, invece, abbiamo trovato un mausoleo. Non siamo ancora stati in grado di individuare il proprietario, forse un patrizio che possedeva una villa fuori le cinta murarie di Roma. Dentro e fuori il sepolcro abbiamo raccolto i resti di ossa umane e numerose urne cinerarie meno importanti, tutte prive di corredo. E aggiunge: Si spiega cos finalmente anche il mistero dei blocchi marmorei molto pregiati che nel 1928, durante la costruzione della via del Mare, vennero abbandonati sul ciglio della strada e soltanto una decina di anni fa vennero portati allingresso degli scavi: con ogni probabilit erano il rivestimento del mausoleo.
Ogni resto, grazie al lavoro di archeologi, architetti e antropologi, stato minuziosamente fotografato, repertato e trasferito agli scavi di Ostia Antica. Ma non tutto. Anzi. Tra la via del Mare e il vicino letto del Tevere gli archeologi hanno portato alla luce altre due strutture:
un acquedotto (largo 40 centimetri e alto 120) che portava lacqua da Malafede al porto di Ostia e una strada di basalto: E in ottime condizioni - spiega larcheologa Veronica Romoli della cooperativa Archeologia - E larga quattro metri e mezzo, circa come una consolare.
Secondo gli esperti di Ostia Antica la nuova strada non dovrebbe essere lantica via Ostiense ma unaltra importante arteria di collegamento: Resti della via Ostiense, durante gli scavi della galleria di Acilia, sono stati rinvenuto alla sinistra della via del Mare - sottolinea Pellegrino - Questa, invece, scorre alla destra dellattuale statale, lungo il Tevere.
Quindi la nuova scoperta ridisegna la geografia della Roma imperiale: tra la citt e il porto di Ostia probabile che ci fossero una fitta serie di insediamenti (unantica area metropolitana) che spiegherebbero una rete viaria cos fitta e un acquedotto di tali dimensioni.
Ora bisogna assolutamente terminare gli scavi - conclude il direttore di Ostia Antica - Soltanto cos potremmo stabile come poter fare proseguire i lavori di illuminazione della via del Mare che rappresentano, senzaltro unopera di pubblica utilit. Aspettiamo che lAcea stanzi dei fondi per poter proseguire. servono 70mila euro. Forse meno. Ma bisogna far presto. Per proteggere il passato e per mettere in sicurezza il futuro.


Anche la Roma imperiale aveva un hinterland



di MARCO GUIDI

Una strada che corre alla destra della via del Mare, costruita come noto nel 1928, in epoca fascista. E accanto alla strada che dovrebbe risalire al secondo secolo dopo Cristo alcune strutture murarie di et pi tarda, probabilmente del IV o V secolo. La strada non una parte dellantica via Ostiense, che scorre a sinistra della via del Mare. E questo potrebbe significare che la zona era densamente abitata, tanto da doversi dotare di una seconda via di grande comunicazione. Si potrebbe ipotizzare una sorta di area metropolitana ante litteram, che si trovava tra Roma e Ostia Antica. Ostia Antica che era, come noto un grande centro portuale in cui arrivavano le merci destinate a Roma e nei cui pressi sorgevano importanti saline. Fondata, secondo la tradizione di Tito Livio da Anco Marcio risale probabilmente a unepoca pi tarda. Allinizio si tratt di un centro fortificato poi destinato a espandersi per tutti i secoli della pax romana. Un centro che non decadde fino ai saccheggi dei Goti di Alarico nel 410 dopo Cristo e a quelli della Guerra Gotica centodieci anni pi tardi.
Ma la cosa pi interessante che ai bordi della antica via romana sono stati trovati un mausoleo e numerose tombe. Le tombe sono sepolcri assai poveri, a inumazione, con i corpi praticamente privi di corredo. Nel mausoleo invece sono state ritrovate urne cinerarie (che accoglievano le ceneri dei defunti). La scoperta del mausoleo ha permesso di risolvere anche un piccolo enigma. Nel 1928 durante i lavori della via del Mare furono messi in luce i pregevoli marmi che rivestivano proprio il mausoleo. Marmi che furono per lungo tempo abbandonati ai lati della strada fino a che non sono stati portati a Ostia Antica. Ora ecco venuto alla luce anche il mausoleo. Un mausoleo di cui al momento si ignora il proprietario, visto che di iscrizioni al momento non c notizia si sa solo che dovrebbe risalire al II secolo dopo Cristo. A questo punto sorge una domanda: esisteva forse un centro abitato nella zona tra Malafede e Ostia? Come noto i romani seppellivano i loro morti lungo le vie al di fuori del recinto della citt. Il ritrovamento di tombe ai lati della strada, la strada stessa, potrebbero indurlo a pensare.
Terzo ritrovamento infine un acquedotto che scorreva sotterraneo con una luce di 120 centimetri per 40. Un canale interno che consentiva evidentemente una grande portata dacqua (anche se la pressione degli acquedotti antichi non paragonabile a quella dei nostri). Lacquedotto ha origine a Malafede, zona ricca di falde acquifere e va ad Ostia. Si tratta probabilmente dell'acquedotto costruito nel I secolo dopo Cristo, in unepoca che va tra i regni di Tiberio e di Caligola.
Una strada, delle tombe, un acquedotto. Ora ci vorrebbero alcune decine di migliaia di euro per portare a termine gli scavi. E per consentire la ripresa dei lavori Acea. Speriamo che si trovino. Intanto un altro tassello si aggiunto al mosaico della conoscenza del nostro passato.


--------------------


Ostia Antica, solo nel 2004 oltre trecentomila visitatori



Gli scavi archeologici di Ostia Antica nel 2004 sono stati visitati da 300mila persone. Meno della met ha pagato il biglietto per un incasso totale di 471.442 euro. Nel 2003 i visitatori erano stati 40mila in meno. Lincasso pi o meno lo stesso. Cifre imparagonabili agli oltre 3 milionmi di visitatori fatti registrare dal circuito del Colosseo ma inferiori anche ai biglietti staccati a Castl SantAngelo e a Villa Adriana e Villa DEste di Tivoli. Negli ultimi tempi sono decisamente migliorati i servizi al pubblico come la caffetteria, il book shop e la cura del verde che altruimenti rischia di rovinare i reperti. Tra gli stranieri, le comunit pi affezionate agli Scavi di Ostia Antica sono quella tedesca e quella spagnola. Lingresso a Ostia Antica (viale dei Romagnoli, 717). Per informazioni si pu chiamare lo 06/56358099. Il sito web http://www.itnw.roma.it/ostia/scavi. Il prezzo del biglietto di 4 euro (2 ridotto). Larea chiusa al pubblico tutti i luned e nei giorni 1 Gennaio, 1 Maggio, 25 Dicembre.
D.Des.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news