LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Turismo, petrolio del Sud
Intervista al Ministro Luciano Stanca
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO 10-07-2005


INTERVISTA Il ministro: puntare sui cervelli meridionali per un'economia della conoscenze

Stanca: rinnovazione tecnologica per sfruttarlo al meglio.

II turismo il petrolio del Mezzogiorno e l'innovazione tecnologica l'additivo per far correre la macchina meridionale. Parola di ministro! il ministro Lucio Stanca, responsabile del dicastero per l'Innovazione tecnologica.

Le tecnologie moderne sono strategiche per lo sviluppo, ma le imprese lamentano ancora differenze sostanziali tra le infrastnitture immateriali del Sud e quelle del Nord, basta guardare i tempi di connessione alla rete internet.

Noi abbiamu varato l'innovazione di destinare i fondi Cipe non solo a infrastnitture materia li, ai classici capitoli di spesa del passato, ma anche alla ricerca e all'innovazione. Sarebbe davvero un errore se, qualunque sia il governo futuro, questa politica venisse interrotta. Da meridionale insisto nel dire che le due grandi opportunit del Mezzogiorno sono: far leva sulla moderna economia basata sulla conoscenza e l'in-nuvazione tecnologica; puntare sullo straordinario potenziale del turismo che, finora, stato sfruttato poco e anche male. Insomma, inutile rincorrere la vecchia economia fatta con i ca pannoni, perch i capannoni nuovi non si fanno in Italia ma in quei paesi dove produrre costa meno. Il sud deve essere capace, soprattuitto una regione cus dinamica come dimostra di essere la Puglia, di inseguire l'economia moderna.

Turismo inteso nel senso pi ampio, cio non solo fruizione delle bellezze naturali, ma anche servizi, sistemi telematici efficienti, trasporti che funzionano, etc...
Non bisogna puntare solo sullo straniero di turno che fa una settimana in Salento o sul Gargano, ma turismo pieno e completo di tutti i servizi, compreso il turismo residenziale, delle se conde case. Il turista non solo il campeggiatore o chi viene a fermarsi per pochi giorni, ma anche tutto quello che ruota intorno ai raduni, ai congressi. Le possibilit sono quindi enormi, basta vedere la posizione geografica della Puglia, il clima, la storia, le bellezze artistiche e naturali, n turismo il petrolio italiano: quello che nessun paese a) mondo ci potr mai copiare. Dobbiamo essere pi bravi a sfruttarlo, con una logica industriale. Basta con il turismo casereccio, fatto male, di rapina. E in questo fondamentale sfruttare i cervelli, perch ce ne sono e molto qualificati. Bisogna puntare sempre pi sulla e conomia basata sulla conoscenza per produrre innovazione tecnologica e usarla.

Per la Puglia il totale dei fondi per i vari interventi di innovazione tecnologica di oltre 88 milioni di euro, una quantit notevole, ma spesso al fondi assegnati non corrisponde poi una reale capacit di spesa.

Abbiamo anche un monitoraggio sulla capacit di spesa, oltretutto per i meccanismi dei fondi Cipe, se non si spendono i soldi si perdono. Stiamo collaborando attivamente con la regione Puglia, che non in una situazione critica, ma la guardia non va mai abbassata, se no si rischia dopo tanto sforzo di perdere queste risorse.

Insomma, i fondi ci sono bisogna spenderli, e anche bene.
Questa la prima volta che un governo della
Repubblica italiana utilizza i fondi per le aree obiettivo 1 per l'innovazione tecnologica, per la societ dell'informazione, n messaggio politico chiaro: per la crescita delle aree meno sviluppate il governo ha ritenuto che l'innovazione tecnologica sia uno strumento fondamentale. Sul settore dell'innovazione tecnologica di chiacchiere in Italia se ne fanno tante, questo governo si mosso coerentemente.

Se consideriamo tutti gli Accordi di Programma Quadro e gli interventi fatti per quanto riguarda l'e-commerce arriviamo a fondi per oltre 1 miliardo di euro.

Si dice che gli italiani siano pigri nei rapporto con la tecnologia.
Questo un altro stereotipo che dobbiamo cancellare perch il rapporto degli italiani con la tecnologia enormemente migliorato e non solo per merito del governo, noi abbiamo concorso a questo con alcuni programmi e iniziative. Certa mente per quanto riguarda le tecnologie digitali se non siamo campioni del mondo poco ci manca, soprattutto per la telefonia mobile. Oltre il 60% delle famiglie italiane ha almeno un personal computer, ben al di sopra della media europea dell'Ile a 15. Abbiamo tra i 23 e i 25 milioni di utenti internet (dopo Germania e Gran Bretagna). Gli italiani hanno cambiato il mix della loro spesa, dei loro consumi, dando molto pi peso alle tecnologie moderne rispetto ad altri consumi pi tradizionali, che ha ridotto. Attenti alle conclusioni affettate, il processo avviato e procede a grande velocit.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news