LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Kapoor: Che spreco la mia opera abbandonata a Pozzuoli
Stefano de Stefano
Corriere del Mezzogiorno 28/6/2016

Anish Kapoor lartista al quale stata commissionata la stazione della metropolitana di Monte SantAngelo: Un lavoro ultimato una decina di anni fa, in parte gi pagato, che ora langue in una situazione a dir poco assurda. Una parte delle opere a Pozzuoli, unaltra nella fabbrica tedesca che attende di essere pagata.

A Napoli mi sento a casa. ’ una citt cos simile alla mia Bombay, o Mumbai se preferite, come la chiamano oggi in contrasto con la precedente denominazione coloniale. Ricca di storia, di contraddizioni fra vecchio e nuovo, fra ricchezza ed estrema povert. E poi il mare, la gente cordiale e brulicante, con un’attitudine naturale al caos creativo e un tratto comune, qui ancor pi evidente che in India, ovvero una naturale allergia al riconoscimento di un’autorit superiore. Una sorta di insofferenza a essere guidati e comandati dall’alto, che in alcuni casi si trasforma in vera e propria intolleranza a essere governati. Seduto al tavolo di un ristorante di via Partenope, lartista angloindiano Anish Kapoor parla volentieri del suo rapporto forte con la citt del Golfo, dove espose per la prima volta nel 2000 il suo celebre Taratantara, una sorta di gigantesco papillon rosso aperto sui due estremi, collocato in un lato di piazza Plebiscito. Eppure insieme ai tanti e felici eventi espositivi seguiti a quella istallazione c un grande buco nero e non di quelli intorno ai quali generalmente lei realizza le sue opere. vero, si riferisce al lavoro fatto per i due ingressi della metropolitana di Monte SantAngelo, quello in acciaio corten per laccesso interno alluniversit e quello in alluminio previsto per luscita di Rione Traiano. Un lavoro commissionato nel 2003, ultimato una decina di anni fa, in parte gi pagato, che ora langue in una situazione a dir poco assurda.

Dove sono finite le due grandi sculture, pensate come morbidi cuscini bucati al centro e pronti ad accogliere i viaggiatori al loro interno?

La prima abbandonata in pezzi sul molo caligoliano a Pozzuoli, laltra ancora nella fabbrica tedesca che lha realizzata, in attesa di essere saldata dall’ente richiedente.

Non le viene voglia di andarla a riprendere e caso mai montarla altrove?

Certo la tentazione c, ma quella ‘spiaggiata a Pozzuoli ormai di propriet della Regione e quindi lunico modo per riappropriarsene sarebbe quello di appellarsi giuridicamente a un passaggio del contratto che prevede il suo montaggio nella sede a cui destinata. Cosa che invece non accaduta. Ma significherebbe fare causa e dichiarare una guerra alle istituzioni napoletane, cosa che non nelle mie intenzioni. Per ora preferisco attendere ancora un po, anche se c il rischio che il corten cos ammassato possa assumere colorazioni disomogenee difformi dallidea originaria del progetto.

Come spiega quello che accaduto?

Non credo che sia un problema economico. Quella stazione nel suo complesso costa 17 milioni di euro, una bella cifra, ma di soldi gi stanziati (e in parte spesi) e comunque non irraggiungibile per un ente pubblico. Credo piuttosto che sia un problema soprattutto politico. Quel progetto lha chiesto la sinistra, bene allora noi che subentriamo siamo di destra e lo blocchiamo. Solo che ora ho saputo che c di nuovo la sinistra al governo della Campania, ma ancora non ho ricevuto alcun segnale. Dopo la mia lettera al Corriere della Sera” di due anni fa in cui denunciavo laccaduto, lallora assessore ai trasporti mi assicur che sarebbe intervenuto, ma sono ancora qui ad aspettare.

Come giudica questa vicenda e sarebbe possibile qualcosa di simile in Gran Bretagna o altrove?

Penso che sia un vero peccato, uno spreco assurdo, pagare unopera cos imponente, alta 12 metri e lunga 40, e poi non utilizzarla. Da noi diverso, difficile ricevere il finanziamento, ma una volta ottenuto e realizzato loggetto dello stesso, lo si utilizza e come. un fatto di pragmatismo e di ottimizzazione delle risorse. Allora viva lInghilterra! Non direi proprio. In queste ultime ore sto decidendo se chieder asilo a Napoli o alla Scozia. Perch non riesco a sopportare lidea di quel che successo con Brexit. Siamo in un mondo sempre pi globalizzato, economicamente e culturalmente e i vecchi inglesi che fanno? Ci cacciano dallEuropa. Una vergogna, in cui c unidea superatissima di economia protetta che ci riporta a un lontano passato, ma soprattutto a un atto di egoismo e di sfida ai pi giovani ai quali negare un futuro di integrazione a cui ormai sono abituati da anni.

E a Napoli non teme che possano ripetersi episodi come quello di Monte SantAngelo?

Non lo so. Ma so che questa vicenda non va assolutamente confusa con il mio amore per la citt e per la gente, non a caso, quasi ogni anno vengo a Capri e ogni volta mi fermo a Napoli e me la godo. E comunque le altre esperienze fatte, dalla mostra del Museo Archeologico del 2003, allacquisizione da parte del Madre nel 2007 di Dark brother (quel tappeto scuro steso a terra che galleggia fra pieno e vuoto, ndr) e infine nel 2013 lopera esposta per lapertura della galleria Casamadre, sono tutte conferme che qui si pu lavorare e bene.

E la mostra che inaugura stasera (19.30) proprio nella galleria diretta da Eduardo Cicelyn?

Si colloca su questa scia virtuosa e comprende un ciclo di sei sculture e quattro disegni. Con al centro lidea della rotazione intorno ad una spatola che crea piatti, forme botaniche e rocchetti in cera, o opere in silicone e pigmento rosso come Keriah 2 , o infine il grande specchio dell’ultima sala, lAlluminium Mirror , ed il suo gioco ambiguo fra superfice concava e convessa.



news

19-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news