LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL FONDO DEL BARILE. O la Pedemontana o niente Dpef - La Lega presenta il suo pacchetto 3+1
Il Riformista, 09/07/2005


■ Tre pi uno: questo lo schema delle priorit individuate della Lega per la prossima finanziaria, consegnato marted scorso durante il pranzo da Berlusconi al ministro dell'Economia Siniscalco.

Ed in particolare su quel "pi uno" che il Carroccio pronto a dare battaglia.
Senza l'inserimento dell'autostrada Pedemontana nella lista delle Grandi Opere - annuncia un autorevole esponente di via Bellerio - noi non voteremo il Dpef.

Un "pi uno" irrinunciabile quindi, che accompagna altre tre richieste del Carroccio molto pi mainstream, come il sospirato taglio dell'Irap, l'introduzione del reddito familiare e un intervento sugli oneri impropri che gravano sul costo del lavoro.

Le quattro proposte leghiste per la manovra 2006 verranno discusse sin dall'inizio della prossima settimana con gli alleati della coalizione, a un vertice che verr incastrato tra il ritorno di Siniscalco dall'Ecofin e l'incontro con le parti sociali, quindi tra marted e mercoled.

Sull'Irap la Lega non ci sta, a iniziare in sordina, come vorrebbe qualcuno all'Economia, con un miliardo e
poco pi all'anno.

Il ragionamento che siccome Bruxelles ci ha concesso (dando per scontato il via libera dell'Ecofin di luned alla proposta Almunia) un anno in pi per riportare il deficit entro i parametri europei, bisogna sfruttare questa parentesi per partire subito o con un terzo del pacchetto di sgravi all'anno, quindi con quattro miliardi dal 2006 al 2008, oppure con tutto subito, ergo con dodici miliardi di euro di tagli da concentrare gi tutti nel 2006.

Alternative, non ce ne sono, per noi. L'anno prossimo si parte da un minimo di quattro miliardi, sottolinea l'esponente del Carroccio.
Per, accanto a questa misura, che favorisce soprattutto le aziende "labour intensive", ossia le imprese con molti dipendenti, la Lega non perde di vista le piccole e piccolissime aziende, che rischiano di rimanere a bocca asciutta. Per loro il Carroccio chiede l'eliminazione degli oneri impropri per la maternit, per gli assegni familiari e la malatta che gravano sul costo del lavoro.
Con una riduzione di due punti percentuali, l'onere per il mancato gettito ammonterebbe circa a tre miliardi di euro, calcola la fonte leghista.

C' poi l'annosa questione del reddito familiare, sul quale la Lega pu contare sulla piena sintonia con An e Udc, da sempre sensibili al tema.Il reddito familiare introduce un meccanismo fiscale che consente di pagare le tasse dividendo lo stipendio per i componenti della famiglia. Nel caso, ad esempio, di una famiglia monoreddito di quattro persone, il fisco calcolerebbe l'aliquota non su un reddito, mettiamo, da ottantamila euro, ma su quattro redditi da ventimila. In altre parole, siccome le aliquote fiscali sono progressive, e pi si guadagna, pi si paga, il vantaggio evidente, secondo la Lega, soprattutto se si considera anche che c' la no tax area. Il quoziente familiare era nato come approdo finale della radicale riforma dell'Irpef voluta da Berlusconi, quella delle due aliquote invece che cinque dello studio di Vespa. Oggi, a riforma abortita, la proposta resta comunque, assicura la Lega, ed una priorit del programma di governo.

Infine, l'eterno progetto della Pedemontana, l'autostrada che taglia da est a ovest la Brianza a nord di Milano, inserita nelle Grandi Opere di Berlusconi e mai partita. E' un problema serio, un'opera che riguarda un bacino di otto milioni di persone tra Novara e Brescia - ragiona l'esponente leghista - e abbiamo chiesto quindi al ministero delle Infrastrutture di reinserirlo tra le priorit. Si tratta di un pezzo di autostrada piuttosto costoso, 33 miliardi, met pubblici, met in autofinanziamento con il project financing, ma l'appalto c' gi, non si capisce perch Autostrade non apra i cantieri.

A quanto pare, tra Irap subito, minori contributi per le aziende, quoziente familiare e pedemontana, il Carroccio sembra preparare una finanziaria piuttosto onerosa, ma i soldi da dove proverranno?

Vedremo. Intanto, siamo d'accordo con Siniscalco che bisogna incidere in maniera incisiva e massiccia sulla spesa corrente. Ben vengano quindi blocco del turn-over e altre misure di razionalizzazione dei bilanci, per noi.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news