LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Carbone, gas ed eolico: la Puglia vince la corsa dei no
DI JACOPO GILIBERTO
Il Sole 24 Ore, 10/07/2005


La storia dei "no" comincia a Scanzano Jonico (Matera), attraversa tutta l'Italia e finisce a Bari, sul lungomare Naza-rio Sauro dove ha sede la presidenza della Regione Puglia. La Giunta pugliese ha approvato un progetto di legge che mette nel congelatore i progetti di centrali eoliche.

Si realizza cos la dimostrazione reale e concreta di quanto sia vera quella che viene chiamata la sindrome di Nimby (sigla di "not in my backyard", non nel mio cortile), cio l'opposizione totale ad ogni nuova installazione energetica.

L'energia nucleare avr mille vantaggi ma ha anche mille e uno difetti, primo fra tutti la radioattivit: cos a Scanzano Jonico l'anno scorso una sollevazione ha bloccato la costruzione del deposito di scorie.

Se non il nucleare, si faranno centrali a carbone: le contestazioni dei mesi scorsi contro l'Enel a Civitavecchia sono una riproposizione sbiadita e politically cor-rect delle contestazioni avvenute ancora in Puglia, a Brindisi, quindici anni fa attorno alla centrale Enel di Cerano. Il ritornello dei contestatori: no al carbone, usiamo il metano, pi pulito.
Proviamo allora con il gas? No, perch a Brindisi stato bloccato, ancora una volta, il progetto di un terminale della British Gas per importare metano. iL ritornello: difendiamo il territorio, facciamo l'eolico che non inquina. Come insegna il caso di Varese Ligure (La Spezia), comune eco-certificato che guadagna con l'energia a vento. E invece no. Il verbo "nimbizzare" si coniuga anche con l'eolico: in Puglia i "mulini a vento" disturbano la vista. Pi dei capannoni e dell'edilizia selvaggia. Cos ci teniamo il no agli impianti, i prezzi alti dell'energia, la dipendenza dall'estero e i black-out.
-------------------------
Approvato un disegno di legge regionale che congela i progetti di nuove centrali
La Puglia ferma le pale dell'eolico
BARI ■ Alt all'eolico. L'ordine arriva dalla Puglia, dove ieri la Giunta regionale ha approvato lo schema di disegno di legge regionale che sancisce la moratoria per le procedure di valuta-zione d'impatto ambientale e di autorizzazione per gli impianti di energia eolica. La legge regionale dovr passare in Consiglio per l'approvazione definitiva. Il provvedimento di sospensione colpir tutte le istanze di istallazione di impianti successive al 30 aprile (fatti salvi gli impianti minori) e durer fino al 30 giugno 2006, data entro la quale la Regione cercher di approvare il Piano energetico ambientale regionale.
Stiamo cercando afferma l'assessore
all'Ecologia, Michele Losappio(Rifondazione) di riprendere le redini della programmazione energetica regionale. Questo provvedimento necessario per evitare che di qui all'approvazione ci sia una proliferazione tale di impianti eolici per cui il Piano debba limitarsi solo a
prendere atto dell'esistente.
Al 15 maggio all'assessorato all'Ecologia risultano, espresse pronunce ambientali favorevoli per 27 impianti eolici (500 "ventilatori" per 780 megawatt), ai quali si aggiungono 21 impianti gi installati (230 megawatt). Sono in istruttoria altre 47 istanze (844 turbine per una potenza di 1.424 megawatt).
Il no all'eolico rischia di danneggiare i piani di molti Comuni, in particolare del Subappenino dauno, che hanno gi iscritto nei bilanci le royalties pagate dalle aziende produttrici di energia o che confidano nello sviluppo del settore per promuovere lo sviluppo delle comunit.
lberona (mille abitanti nel Foggiano, zona che detiene il primato nazionale: 284,9 megawatt, secondo la Le-gambiente) uno di questi Comuni Abbiamo individuato le zone destinate agli impianti afferma il sindaco di lberona, Arturo Petti (Forza Italia) e abbiamo evitato il temute sviluppo selvaggio: la legge regionale non ha senso. Ad Alberona, bandiera arancione del Touring, ci sono 6C pale eoliche (36 megawatt) ed prevista la realizzazione di altre 60 (120 megawatt). Per 30 di quest'ultime, la richiesta d'istallazione successiva al 30 aprile. Percorreremmo tutte le vie, legali e politiche afferma Petti per opporci a questo provvedimento che blocca senza motivo lo sviluppo di un settore.
In Sardegna una legge regionale ha bloccato tutti i nuovi progetti eolici, anche gi autorizzati. Inoltre le centrali eoliche sono in Sardegna oggetto di attentati, come l'incendio che in febbraio a Sedini ha distrutto 6 "ventilatori" che stavano per essere istallati. In Sicilia, una norma regionale limita a soli 106 megawatt la potenza eolica ancora installabile. Anche in Basilicata in emissione una legge regionale che introdurr nuovi vincoli. Al contrario, in Calabria l'eolico si pu fare, purch si basi su accordi preventivi con la Regione e vengano rispettate le condizioni di equilibrio e sosteni-bilit ambientale, ha detto l'assessore all'Ambiente della Regione Calabria, Diego Tommasi.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news