LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SVILUPPO: RICERCA ANCE, IN ITALIA SOLO 14% DI CREATIVI
AGI online 05/07/2005


(AGI) - Milano, 5 lug. - E' Roma la prima citta' dei creativi in Italia, li' ce ne sono il 24,62%. Seconda Napoli con il 23,38%, solo terza Milano con 22,87%, seguono Palermo (22,52%) e Torino (19,91%). In generale comunque l'Italia e' in ritardo rispetto agli altri Paesi, con una media di creativi intorno al 14%, contro il 34% dell' Irlanda, il 24% degli Usa ed il 20% della Spagna. Sono alcuni dei dati emersi da una ricerca dell'Ance, Associazione Nazionale Costruttori Edili, realizzata da Ambrosetti, dedicata alle citta' "intese come magneti di talenti creativi" e presentata stamane all'Urban Center di Milano, dal presidente dell'Ance Claudio De Albertis, da Paolo Borzatta senior partner di Ambrosetti e dall'assessore comunale Gianni Verga. La ricerca e' stata condotta attraverso interviste con sindaci, sociologi ed urbanisti, e con analisi sul campo delle citta' internazionali piu' competitive in termini di creativita' (tra cui Austin, Barcellona. Londra, Bilbao) per comprendere come si sviluppano attraendo nuove forze creative e di proporre cosa dovrebbero fare le citta' italiane per essere piu' attrattive. Nel nostro Paese sono state prese in esame Torino, Milano, Roma, Napoli e Palermo. Per creativi si intendono tutti coloro che nel proprio lavoro generano idee e innovazione, trovando soluzioni originali a problemi complessi: per cui rientrano nella definizione non solo gli architetti, i designer, gli stilisti, ma anche gli scienziati, i professori, gli avvocati, per esempio. "Bisogna invertire in parte la rotta - ha detto De Albertis - perche' all'economia dell'industria si sta sostituendo l'economia della creativita', dei creativi, di chi i problemi non li pone ma li risolve. Il nostro Paese, che parte da una posizione di vantaggio non deve subire la colonizzazione culturale e produttiva ma mettere a frutto le potenzialita' che gia' possiede". Cosa dovrebbero fare le citta' italiane per attrarre piu' forze creative? In base ai risultati della ricerca "e' necessaria una leadership forte - continua De Albertis - che sia espressione di una societa' civile che sappia trascinare dietro di se' le sue migliori forze economiche e sociali. E' fondamentale poter contare su una classe creativa che sia almeno il 30% della popolazione". "Occorre - aggiunge Borzatta - una leadership, una classe dirigente che detti il passo; che sulla base di un consenso ampio, sappia ideare una visione innovativa del futuro delle proprie citta' con un totale ripensamento economico e sociale e con un forte accento sulla capacita' di essere multiculturali, multietniche e tolleranti. Questo ripensamento deve poi incarnarsi in una decisa modernizzazione urbanistica: infrastrutture, edifici pubblici e privati, trasporti con una forte identita' che permettano ai creativi di 'sognare' di vivere li'". Citta' vivibili 24 ore su 24, culturalmente dinamiche. La scelta delle citta' al posto delle periferie e' spiegata dal fatto che nelle citta', oggi, si produce piu' del 50% del Pil mondiale e viene consumato il 90% delle risorse prodotte al mondo. Nel 2030, inoltre, si prevede che la popolazione mondiale che vive in citta' salira' al 75%. Tornando alla situazione italiana, a parte le cinque citta' trainanti e che comunque hanno vari ostacoli da superare, il vero problema e' "che e' un Paese che per 20 anni non si e' modernizzato" ha spiegato Borzatta portando un esempio significativo: "il numero degli studenti stranieri che viene in Italia a fare un dottorato di ricerca e' meno dell'1%. In Spagna e' il 12%, in America del Nord del 30%. I nostri punti forti sono il clima, il patrimonio artistico e paesaggistico. Ma se non creiamo le condizioni oggettive, la gente non si sposta solo per il clima".


I risultati della ricerca saranno anche al centro di un forum, in programma alla Triennale di Milano, il 12 luglio prossimo, a cui parteciperanno tra gli altri il premio Nobel per l'economia Edward Prescott e Richard Florida professore e autore di libri sull'argomento.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news