LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La storia aiuter la Valle - Cividate: le vestigia romane un richiamo turistico e culturale
Enrico Mirani
GIORNALE DI BRESCIA, 1 APR 2003



Inaugurati i restauri di teatro e anfiteatro - Cividate, ecco il Parco romano



Inaugurato il Parco archeologico con anfiteatro e teatro risalenti al I secolo d. C.





L'anfiteatro d Cividate era del tipo a struttura piena, meno costoso rispetto a quello su arcate ed inoltre poteva sfruttare la pendenza del terreno. Costruito nel I secolo d. C., massimo all'inizio del II, ha forma ellittica: l'asse maggiore misura 73 metri, quello minore 65. La parte a monte stata realizzata sfruttando il pendio della collina su cui poggiano le gradinate, mentre quella in corrispondenza dell'asse maggiore era in muratura. Aveva due aperture principali sull'asse maggiore e tre aperture di servizio una di esse immetteva ad un locale per i gladiatori e un'altra ad un ambiente per le bestie feroci.


I gladiatori uscivano dalla caserma, facevano pochi metri ed entravano nel sacello addossato all'anfiteatro. Davanti alla nicchia degli dei, gi bardati per il combattimento si raccomandavano ad Ercole, a Diana o a Marte, affinch mandassero il coraggio e la vittoria. Altri pochi passi ed entravano nell'arena, accolti dal boato dei Cives camuni. Lottavano fra loro, oppure contro le bestie feroci che, attraverso i corridoi, dalle gabbie esterne entravano nel circo. Per la gioia dei cittadini i quali, in alternativa (ma gli spettacoli di sangue avevano ben altro gradimento...) potevano assistere a tragedie o commedie nel vicino teatro. Oppure chiacchierare nelle terme, quasi a ridosso dei due edifici pubblici.
Era il I secolo d. C. I camuni erano stati sottomessi dalie legioni romane di Publio Silio nel 16 a. C. Il sacello uno dei luoghi pi suggestivi del Parco archeologico romano di Cividate inaugurato ieri pomeriggio. Una tettoia sovrasta il locale, cos come un'altra simile struttura conserva le gradinate dell'anfiteatro scampate alla distruzione dei secoli. Due protezioni tutt'altro che invasive, come ha riconosciuto il ministro dei beni culturali, Giuliano Urbani, ospite per l'occasione davvero importante: non solo per Cividate, ma per tutta la Valcamonica.

Non a caso all'inaugurazione del Parco ha partecipato uno stuolo di autorit. In prima fila, giustamente, i rappresentanti degli enti artefici di questa perla archeologica: accanto al ministro Urbani il sindaco Francesco Gelfi, l'assessore regionale alle Culture Autonomie e Identit, Ettore Albertoni, il presidente della Provincia, Alberto Cavalli, il presidente della Comunit montana, Giampie-ro De Toni, il collega del Bim, Edoardo Mensi. E poi un camuno doc come il cardinale Giovan Battista Re, il prefetto Annamaria Cancellieri, i sindaci della Valle, parlamentari, assessori provinciali, consiglieri regionali, amministratori. Insieme per ammirare il lavoro compiuto dai tecnici della Soprintendenza (guidati daUa dott. Valerla Mariotti) e per dirsi che, da ieri, la Valcamonica ha uno strumento in pi per il suo rilancio.

L'ha marcato bene il sindaco Gelfi: Il Parco un'occasione irripetibile a favore di tutta la nostra Valle, soprattutto in questi momenti di difficolt economica. L'offerta turistica un'alternativa valida, coerente con la vocazione del territorio. Un'opportunit da cogliere tutti insieme, per: Bisogna lasciar perdere le ambizioni localistiche e di campanile In questo senso vanno Cividate, Breno, Berzo Inferiore e Bienno che hanno sottoscritto un accordo di programma con Regione, Provincia, Ministero, Bim, Comunit montana per valorizzare l'intera zona: con il nuovo Museo archeologico a Cividate, il castello e il Parco della Minerva a Breno, il Museo del ferro a Bienno, la miniera di Piazzalunga a Berzo, gli itinerari storici e i percorsi ciclopedonali. Lanciamo un messaggio di speranza ai giovani - ha affermato il sindaco - perch si colmino le distanze con altre aree pi ricche del Bresciano.

Che si debba continuare su questa strada convinto anche Giuliano Urbani: Se no, perch avremmo realizzato tutto questo? Dobbiamo pensare al futuro, a completare quanto iniziato. Innanzitutto il Parco Va arricchito con nuovi pannelli didattici, con pi notizie sulla vita collettiva quotidiana di quel tempo. Bisogner, poi, realizzare gli accordi che si riferiscono agli altri progetti.

Il Parco testimonia l'importanza storica di queste valli operose, piene di bellezze paesaggistiche, ad alta vocazione turistica. In Italia, ovun-que sono state valorizzate le scoperte archeologiche - ha detto Urbani -si sono registrate positive ripercussioni sul turismo. Un tasto toccato anche da Alberto Cavalli: La Valcamonica pu rinnovare la sua vitalit economica partendo dalle ricchezze culturali, n presidente della Provincia ha ricordato i corsi universitari di Edolo e Capo di Ponte, il Festival Crucifixus, gli istituti scolastici superiori, le iniziative oggetto degli accordi di programma.

Su questi ultimi ha insistito l'assessore regionale Ettore Albertoni, indicando il Parco di Cividate come esempio felice di collaborazione fra gli enti locali. Questo - ha ribadito anch'egli - solo l'avvio dell'integrazione dei quattro Comuni per lo sviluppo e il recupero del patrimonio storico, monumentale e morale. E di patrimonio morale ha parlato anche mons. Giovan Battista Re. Cividate ha grandi tradizioni religiose. Ora il paese sta facendo un notevole sforzo di modernizzazione: mi auguro che il progresso sia congiunto alla custodia dei valori di questa terra per costruire un avvenire degno di persone umane.

Da ieri, dunque, Cividate offre ai bresciani, in particolare agli studenti, uno straordinario sito ricco di anni e suggestione. Venire quass per visitarlo vale davvero la pena. L'anfiteatro, il teatro, ma anche le tracce perimetrali di alcuni ambienti di servizio e delle terme costituiscono una lezione originale e diretta di storia romana. Il Parco sar gestito dalla Soprintendenza, che ne curer l'apertura e la manutenzione, il Comune dovr pensare alle attivit e alla didattica, con la possibilit di ' promuovere manifestazioni e spettacoli. Laddove, duemila anni fa, la Civitas comunnorum acclamava i gladiatori.
II teatro risale alla fine del I secolo d. C. Della struttura originale rimasto un terzo. In particolare visibile la cavea, appoggiata alla collina nella parte centrale, mentre le ali sono costituite da due grandi terrapieni contenuti dai muri perimetrali. Riconoscibile anche l'adito, vale a dire il passaggio che collegava l'orchestra (lo spazio fra la scena e ie gradinate) alla versura (i moderni foyers) e permetteva l'accesso alla parte bassa della -cavea e dei suoi sedili II teatro venne costruito in pietre spaccate e malta con paramento in pietre.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news