LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA: Abusi in riva al mare, 9 indagati
GIULIANO FOSCHINI
GIOVED 7 LUGLIO 2005 LA REPUBBLICA BARI

Un dossier nelle mani del magistrato: accessi negati e cemento fra Molfettae Barletta


II dossier del perito nominato dalla Procura di Trani da una svolta all'inchiesta sugli abusi tra Moffetta e Barletta
Scempio delle spiagge, nove indagati
Cemento e accessi negati, nei mai i titolari di lidi e ristoranti

HANNO chiuso le spiagge. Buttato cemento sulla costa. Ora sono indagatici alla Procura di Trani per aver distrutto le bellezze naturali delle spiagge pugliesi. Nove persone, titolari di lidi e ristoranti nella zona traMolfetta e Barletta, sono coinvolte nell'inchiesta aperta dal pm Achille Bianchi sugli accessi negati al mare sul litorale a nord di Bari. Le situazioni individuate sono nove. Si va dal Lido Colonna a Trani alla frequentatis-sima spiaggia di Salsello a Biscglie. A Barletta, per esempio, il titolare di un lido avrebbe abusato delle concessioni demaniali realizzando opere in cemento in luogo delle strutture amovibili previste dalle autorizzazioni. Le situazioni pi critiche si sarebbero verifi-cate per a Molfetta. Da una parte alcuni ristoratori hanno realizzato vari abusi sulla costa. Dall'altra i gestori dei lidi hanno iniziato a cementificare e distruggere la scogliera.
I casi pi eclatanti riguardano lo "Scoglio Lido d'Inghilterra" e lido "Marina Piccola". Quest'ultimo fa parte di una seconda inchiesta della Procura di Trani, condotta dal sostituto procuratore Carla Spagnuolo, che ha portato al sequestro probatorio della struttura (ora dissequestrata) la scorsa settimana. Gli inquirenti hanno accertato che i proprie tari della struttura avevano sbancato gli scogli e costruito una piattaforma di cemento in riva al mare. Al lido "Scoglio d'Inghilterra" invece i problemi riguarderebbero alcuni lavori illegittimi effettuati sulla scogliera: la spiaggia, tra le altre cose, sarebbe stata pavimentata con le piastrelle. Tutte le situazioni sono documentate in un dossier che stato depositato ieri alla Procura di Trani da un ingegnere nominato dal pm Achille Bianchi.
L'inchiesta era nata lo scorso anno dopo un'inchiesta di Repubblica che aveva raccontato lo stato di emergenza delle coste nella provincia di Bari. Acquisito l'articolo, le indagini so -no andate avanti per un anno. Il Roan della Guardia di Finanza ha battuto il territorio, con riprese navali e aeree. Le associazioni ambientaliste - dal Wwf a Legambiente - hanno prodotto fotografie e documentazioni. Ora, dopo la consegna della perizia tecnica e l'iscrizione nel registro degli indagati dei nove presunti responsabili degli abusi, l'inchiesta al giro di boa. Due i fronti: da una parte si analizzano gli abusi edilizi. Dall'altra si analizzano, cartine alla mano, gli accessi pubblici al mare. Proprio ieri il circolo Legambiente di Trani e il gruppo consiliare dei Verdi hanno presentato un esposto alla Procura di Trani - che confluito nel fascicolo del pm Bianchi -per denunciare la situazione dei due chilometri di costa tra Trani e Bisceglie. Secondo il partito e l'associazione ambientalista Trani ha da molti anni il triste primato pugliese di percentuale di costa inaccessibile e, quindi non fruibile perla balneazione, calcolata in funzione dei circa sedici chilometri di costa totale.
In particolare, a nord della citt ci sono quattro chilometri deturpati dagli apporti illegali dei resti della lavorazione della pietra che per decenni hanno riversato le segherie poste lungo la costa e che nonostante siano state condannate con sentenze definitive a risarcire i danni ambientali, non vi hanno ancora provveduto. A sud invece le ville hanno di fatto privatizzato il litorale verso Bisceglie, impedendo secondo Verdi e Legambiente l'accesso dei cittadini alla costa. Su questo argomento intervenuto ieri anche il consigliere regionale del partito ambientalista, Domenico Lomelo, con un'interrogazione agli assessori regionali al Demanio e all'Ambiente. La situazione di Trani drammatica - scrive Lomelo - A partire dal cosiddetto lido "Matinelle" sino al confine della citt di Bisceglie, lungo la statale 16, accade che stato reso impossibile, ormai da tanti anni, l'accesso al mare. Lomelo spiega poi come tutte le strade che perpendicolarmente collegano la statale 16 con il mare in quel tratto di costa, sono state chiuse con cancelli di ferro sui quali appostala dicitura Strada privata.
Vista la situazione secondo il consigliere dei Verdi, un dovere delle pubbliche amministrazioni, ognuna per la sua
competenza, adottare i provvedimenti pi opportuni ed urgenti e per questo chiede inoltre che sia attivata immediatamente l'agenzia del Demanio con provvedimenti urgenti per ridare a tutti i cittadini il mare rubato.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news