LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'assalto a Castel del Monte sequestrato un altro edificio
(g.fosc.)
la Repubblica, 07/07/2005, ed. BARI

All'interno di un ristorante sulla collina. Si allarga lo scandalo dei Por

ANCORA cemento abusivo a trasfigurare la meraviglia. Cinque giorni dopo, ancora sigilli a Castel del Monte. Ieri i carabinieri del Noe, su ordine del sostituto procuratore del tribunale di Trani Antonio Savasta, hanno sequestrato una struttura di 80 metri quadri all'interno del ristorante "Taverna Sforza", uno dei pi famosi locali che si trovano sulla collina dominata dal castello di Federico IL Secondo quanto accertato dagliinquirenti,iproprie-tari del ristorante avevano chiesto le autorizzazioni edilizie per l'ordinaria e la straordinaria manutenzione della struttura ma non avevano i permessi in regola per la realizzazione di un nuovo manufatto. In particolare mancava la valutazione d'impatto ambientale e il parere dell'Ente parco, obbligatorio dall' istituzione dell'area protetta dell'Alta Murgia. Il sequestro arriva cinque giorni dopo quello dell'"Ostello di Federico", un altro ristorante che stava realizzando lavori senza aver chiesto i permessi al Parco.
Il fenomeno sarebbe assai diffuso. Per questo motivo gli inquirenti stanno passando al setaccio tutte autorizzazioni ricevute dai proprietari di ville o ristoranti che si trovano sulla collina di Castel del Monte. Il sospetto che molti, quasi tutti, non siano in regola con le rigide norme imposte a tutela della zona dopo la nascita del Parco dell'Alta Murgia. Pur essendo il parco ancora "di carta" come da tempo lamentano le associazioni ambientaliste, le regole delle aree naturali protette sono in vigore gi da un anno. Per realizzare una qualsiasi nuova struttura, dunque, c' bisogno della valutazione d'impatto ambientale e del parere dell'Ente parco che mancherebbe in quasi tutte le situazioni.
Per questo, dopo il primo sequestro, c' stata una corsa dei proprietari delle strutture sulla collina di Castel del Monte considerata dall'Unesco, al pari del maniero, patrimonio dell'umanit - a richiedere i lasciapassare al Parco e a chiarire tutte le pendenze burocratiche. Quello del cemento non l'unico assalto che ha vissuto e continua a subire Castel del Monte.
Contemporaneamente a questo filone d'inchiesta, il pm Savasta sta valutando i finanziamenti
concessi dalla Regione tramite i Por ai proprietari di fondi sulla Murgia negli ultimi anni. Nelle scorse settimane sono state acquisite carte negli uffici regionali: gli inquirenti mantengono il massimo riserbo ma, da una prima analisi dell'incartamento, starebbe emergendo che nella maggior parte dei casi non venivano richieste le necessarie autorizzazioni ambientali e paesaggistiche per la concessione degli stanziamenti. Non si tratterebbe di dimenticanze. I Por, nella maggior parte dei casi, venivano concessi per aiutare l'attivit agricola. Attivit che inevitabilmente va a stravolgere la morfologia del territorio. E dunque vietata. Una sentenza della Cassazione ha infatti sancito il divieto a qualsiasi attivit - nelle aree naturali protette- che vada a cambiare lo stato preesistente del territorio. Pi di venti persone sono indagate: sono i proprietari dei fondi che dal 2001 al 2004 hanno usufruito dei Por.
Secondo il pm Antonio Savasta, per ottenere i fondi europei avrebbero spacciato per coltivabili zone da sempre aride. Lo dimostrerebbe il fatto che una volta abbozzate le piantagioni, intascati i finanziamenti, i campi sono stati abbandonati creando cos ingenti danni all'assetto idrogeologico della zona. Il caso pi clamoroso, proprio sulla collina di Castel del Monte: due persone, dopo aver intascato i finanziamenti europei, avevano distrutto 15mila metri quadrati di bosco a pochi metri dal castello per realizzare un ciliegeto. Non lo potevano fare. Eper questo, sullabase di una legge sulla tutela del paesaggio applicata per la prima volta in Italia, sono stati arrestati. La truffa non sarebbe l'unico aspetto del malaffare.
Come spiegano alcune perizie geologiche gi agli atti della Procura di Trani, sulla Murgia sarebbe in corso un processo di desertificazione dovuto proprio al massiccio spietramento (pratica diffusa da molti anni) che nel tempo ha provocato gravi danni all'ecosistema. Gli agenti atmosferici non trovano pi ostacoli: a rischio cos sono le falde sotterranee. E in caso di alluvioni in pericolo sono anche i centri abitati della Murgia.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news