LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La beffa del maxi concorso - Mille posti ai Beni culturali, sospetti sulle graduatorie
Massimo Lorello
GIOVED 7 LUGLIO La Repubblica, ed. Palermo, 07/07/2005

Nella selezione degli operatori tecnici il 60 per cento viene da Siracusa, il 38 per cento da Palermo e Agrigento

Bufera sul concorso da mille posti bandito cinque anni fa dall'assessorato regionale ai Beni culturali. Centomila le domande presentate, solo 132 i posti assegnati (ma in molti hanno gi presentato ricorso) e una graduatoria per gli operatori tecnici nella quale il 60 per cento dei disoccupati ai primi posti della provincia di Siracusa, la citt dell'ex assessore ai Beni culturali Fabio Granata. Il Consiglio comunale di Modica proprio su questo eccesso sospetto di siracusani ha approvato una mozione e scritto una lettera con richiesta di chiarimenti al presidente della Regione Cuffaro. La Cgil accusa: L'esame delle domande viene effettuato solo da 15 impiegati.


QUANDO questo concorso finir, probabilmente, il telefono che sto utilizzando sar diventato antico, avr valore storico, dunque diventer materia del mio stesso lavoro. Si affida al sarcasmo uno dei partecipanti al concorso bandito cinque anni fa dall'assessorato regionale ai Beni culturali. Su mille posti da ricoprire, ne sono stati assegnati appena 132 e su questi stessi pendono decine di ricorsi.
L'ultima grana scoppiata due giorni fa quando il consiglio comunale di Modica ha approvato una mozione-esposto, spedita immediatamente dopo al presidente della Regione Salvatore
Cuffaro, maunarichiestadichia-rimenti stata inviata anche all'assessore al Lavoro Francesco Scoma, che chiede di fermare la parte del concorso dedicata alla copertura di 260 posti da operatore tecnico. Su centomila do-
nienti da tutta la Sicilia afferma il consigliere Giovanni Rosa sono stati selezionati, nella misura del 98 per cento, lavoratori della provincia di Siracusa [citt del da poco ex assessore regionale ai Beni culturali Fabio Granata) della provincia di Agrigento, cara al presidente Cuffaro, e di Palermo. Com' possibile che gli uffici di collocamento delle altre province non abbiano trovato disoccupati adeguati al ruolo richiesto?.
Un ruolo per il quale, tra l'altro, necessaria una preparazione non particolarmente specialistica. Per effetto di un parere del Consiglio di giustizia amministrativa, la Regione nel 2001 fu obbligata a reperire gli
aventi diritto scorrendo le liste dei disoccupati. Centomila le domande pervenute fra coloro che
avevano i titoli richiesti e coloro che potevano ugualmente concorrere con titoli equivalenti. Ma nel febbraio scorso la Commissione regionale per l'impiego ha modificato con una delibera i titoli richiesti, sebbene le gradua-
torie provvisorie fossero gi state formulate, beffando quindi decine di migliaia di disoccupati.
Ma il risultato di questa scrematura che insospettisce gli autori dell'esposto. Su 566 disoccupati distribuiti nelle otto graduatorie (ciascuna riferita a un profilo diverso), risulta che 342, cio oltre il 60 per cento, risiedono nella sola provincia di Siracusa, e il 98 per cento tra Siracusa, Palermo e Agrigento. Per il profilo di operatore tecnico distributore,
su 48 selezionati, 44 sono della provincia di Siracusa, per quello di operatore tecnico per il restauro di materiale librario, su 17 selezionati, sette sono di Palermo e cinque di Siracusa. Per l'operatore di manufatti ceramici e vitrei,
su 76 prescelti, 36 sono di Siracusa, 11 di Agrigento e sette di Palermo. Numeri simili per gli operatori di restauri murali: 107 selezionati, 63 di Siracusa, 14 di Palermo e altrettanti di Agrigento.
chiaro che qualcosa non quadradice Teodoro La Monica, segretario regionale della Cgil Funzione pubblica a meno che non si scopra davvero che Siracusa abbonda di operatori tecnici per i Beni culturali mentre in molte altre province non ce n' nemmeno l'ombra. Mi sembra molto improbabile per questo necessario fare chiarezza. La verit che questo concorso, infinito e ancora aperto, rende prigionieri migliaia di disoccupati ai quali i politici offriranno aiuto chiedendo qualcosa in cambio alle prossime elezioni regionali, naturalmente.
Di sicuro, dal concorso per mille posti, sono state elaborate le graduatorie definitive solo per i direttori tecnici: 70 archeologi, un chimico, due fisici, 17 geologi, tre paleografi, 39 storici dell'arte. Ma non sar facile ricoprire nemmeno questi posti perch gli interessati avevano aderito al bando aspirando a un posto da dirigente solo che in corso d'opera, con l'entrata in vigore della legge sul pubblico impiego, a ciascuno dei vincitori del concorso stato riservato di fatto il ruolo di basso funzionario.
Ancora pi inestricabile la selezione degli assistenti tecnici. Su 83 posti disponibili per addetto al laboratorio di informatica sono state presentate 54.741 domande, su 120 posti per aiuto bibliotecario e documentarista i candidati sono 123.108. E 107.193 sono gli aspiranti assistenti archeologi, architetti, etnonaturalisti, storici dell'arte su 100 posti messi in concorso. I geometri e i disegnatori sono 31.747 su 50 posti e 10.394 sono i restauratori su97 posti. In base ai rilievi della Cgil funzione pubblica, non pi del dieci per cento delle domande sarebbe stato esaminato, e al lavoro sarebbero costantemente non oltre quindici dipendenti dell'assessorato ai Beni culturali. E questo nonostante le difficolt di analisi e le molteplici variabili riscontrate, sul piano valutativo dei titoli pos-seduti dai partecipanti, che la stessa Regione ha riscontrato spulciando le documentazioni.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news