LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzina cinese, tornano gli arredi del re vasi e dipinti restituiscono il look originale
PAOLA NICITA
25 maggio 2016 LA REPUBBLICA





Recuperati dai magazzini, restaurati e ricollocati nelle loro posizioni originarie: gli arredi della Palazzina cinese rappresentano un importante arricchimento del percorso museale della dimora di Ferdinando e Carolina di Borbone, che da Napoli fuggirono per trovare riparo a Palermo. Il risultato dei lavori condotti dalla Soprintendenza regionale che ha realizzato il nuovo allestimento della Casina sar presentato oggi alle 17, 30 dall'assessore ai Beni culturali Carlo Vermiglio e dalla Soprintendente Maria Elena Volpes.

Chiusi nei magazzini negli anni Ottanta, ecco di nuovo visibili sessantatr stampe inglesi provenienti dalla Royal Academy of Art, venticinque quadretti cinesi che re Ferdinando acquist da un mercante d'arte orientale nel Settecento, due dipinti ovali, quattro vasi in alabastro e porcellana, posizionati su due tavoli da parete, "mezzine", anch'essi recuperati, e due

guridons, ovvero tavolini bassi su capitello, preziosissimi per i materiali adoperati, come pietre e legno fossili, dorature e tarsie, rari per la bellezza dei materiali e a cui il sovrano era particolarmente legato, realizzati dalla Regia ebanisteria di Napoli.

La storia di questi arredi, rimasti nascosti per tanto tempo, affascinante: decisi a fuggire verso Palermo, Ferdinando e Carolina scelgono di portare con loro un cospicuo numero di oggetti preziosi, opere e arredi provenienti da Villa Favorita di Ercolano: sono 167 le casse spedite da Napoli che giungono sul molo di Palermo per essere trasportati alla Casina cinese, che venne inaugurata il 4 ottobre del 1799, per festeggiare l'onomastico del figlio Francesco.

Abbiamo trovato la descrizione di tutto il contenuto delle casse all'Archivio di Napoli- racconta Maddalena De Luca, curatrice del volume che si presenta oggi e anche informazioni sulla collocazione originaria degli arredi, che ci hanno permesso una ricostruzione dell'allestimento quanto pi fedele all'originale basata su due inventari del 1807.

Pregevole omaggio all'origine dei proprietari la "Camera all'Ercolana", realizzata da Vincenzo Riolo tra il 1805 e il 1808, una camera che reca dodici pitture ad olio posizionate sulle pareti, intervallate da eleganti pitture- cameo in bianco e nero, omaggio agli scavi napoletani di quegli anni.

Le stampe, che costituiscono una piccola antologia della pittura inglese del Settecento, hanno vari soggetti, dal ritratto alla scena domestica al paesaggio, e sono state posizionate su una intera parete nella sala da ballo; nell'inventario stato trovato anche il contratto con il falegname palermitano incaricato di realizzare le cornici. I quadretti cinesi dedicati ai lavori porcellana, riso, t, seta, lavori maschili e femminili nell'ottica confucianesima- sono stati ricollocati nella saletta del piano nobile, dalle pareti in tessuto di seta. Nel bagno - caratterizzato da una grande vasca di marmo dai rubinetti a forma di delfino - sono stati collocati come in origine due dipinti in ovale, Baccante e Amorino, mentre altri dipinti trovano posto nel mezzanino dove il re dormiva, visto che la camera da letto, al primo piano e sontuosa, era adoperata per rappresentanza. Nella sala da pranzo sono state aggiunte dodici sedie impagliate, anche queste settecentesche e appena restaurate.



news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news