LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Eolico, 'alternativa inesauribile' al petrolio. Legambiente: E' la fonte energetica pi conveniente perch non inquina ed pi economica
Sabrina Carreras
IL GIORNALE D'ITALIA, 6 luglio 2005




Chi semina vento raccoglie energia. Mentre il G8 riunito a Gleneagles, in Scozia, si prepara ad affrontare il nodo dei cambiamenti climatici prodotti dall'inquinamento, entro i nostri confini si rianima il dibattito sulla capacit del Bel paese di investire nelle energie rinnovabili. A tastare il polso della situazione italiana intervenuta ieri Legambiente attraverso un convegno organizzato nella Capitale in collaborazione con l'Anev (Associazione Nazionale Energia del Vento), dedicato agli impianti eolici. L'eolico infatti conviene non solo dal punto di vista ambientale, in termini di mancate emissioni di gas ad effetto serra, ma anche da uno economico rappresentando un'alternativa 'inesauribile' all'ormai endemica dipendenza del nostro paese dalle importazioni di petrolio dall'estero. Non a caso, sottolinea l'associazione ambientalista, l'eolico rappresenta oggi la fonte energetica col maggior tasso di crescita a livello mondiale con un aumento della potenza installata pari al 20% nel 2004, per una capacit totale di 43.317 megawatt. Che le energie pulite facciano bene non solo all'ambiente, ma anche al portafoglio, sembra insomma un dato di fatto generalmente riconosciuto. Eppure l'Italia registra un estremo ritardo nel campo delle energie rinnovabili in generate e di quella del vento in particolare. Sebbene, infatti, gli impianti eolici nel nostro paese abbiano raggiunto la quota significativa di 1.400 Mw installati -sottolinea Legambiente- rimane evidente il gap rispetto ad altri paesi europei come Spagna, Germania e Danimarca (in quest'ultimo, ad esempio, l'energia del vento soddisfa il fabbisogno elettrico gi per il 20%). Il punto che pi di qualcuno vi si oppone per paura che la costruzione d nuovi impianti possa deturpare il paesaggio e di conseguenza danneggiare quelle economie che basano il loro sviluppo sul turismo eco-solidale. "Finora hanno pesato pregiudizi sociali e un certo provincialismo culturale - ha aggiunto il presidente dell'Anev, Oreste Vigorito - Il problema che si passati dal dibattito su come fare l'eolico a quello se farlo o no". A fare qualche conto intervenuto il ministro dell'Ambiente Altero Matteoli: secondo il quale l'Italia potrebbe risparmiare circa un miliardo di euro da qui al 2007 se puntasse senza esitazioni sullo sviluppo delle energie alternative, a patto che ovviamente "non sia compromessa la bellezza del nostro Paese" Dunque, una "bolletta molto salata" quella che gli italiani rischiano di dover pagare se "non si preme l'acceleratore sulle energie alternative", ha proseguito il ministro. Da parte sua, intanto, il ministero sta completando il pacchetto dei decreti e delle direttive che consentiranno di applicare pienamente il decreto legislativo del 29 dicembre 2003 (n.38) che prevede in questo campo delle linee guida per l'installazioni degli impianti. Il futuro dell'eolico si giocher quindi sul campo della compatibilit con il paesaggio: la ricetta semplice, basta "riflettere attentamente sul 'dove' impiantare i mulini eolici e su come individuare i siti migliori", ha spiegato Matteoli. E' proprio questo uno degli obiettivi prioritari del rinnovo del protocollo, giunto al suo terzo anno di vita, tra Legambiente e l'Anev, con l'obiettivo di proporre un modello si sviluppo eolico adatto al territorio italiano. Un accordo che il vice ministro ai Beni culturali Antonio Martusciello ha definito "un buon punto di partenza".



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news