LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Svelato uno dei misteri di Stonehenge: scoperta la cava delle pietre blu
Cinzia Dal Maso
la Repubblica, 5/7/2005

ROMA C' chi dice che furono portate via terra e chi via mare, chi ipotizza un fantomatico scivolare a valle con i ghiacciai e chi proprio non crede che le misteriose "pietre blu" di Stonehenge vengano dalle Prescelly Mountains del Galles. Sono a ben 385 chilometri di distanza dal famoso monumento: non c' da stupirsi che il trasporto da cos lontano di ottanta pietre di 1,5 tonnellate ciascuna sia parso a molti solo un mito, una bella storia di magia. Eppure quello il giacimento principale di dolerite di cui sono fatte le pietre blu. E ora l'archeologo Tim Darvill della Bournemouth University ha finalmente individuato la cava precisa da dove furono prese.
Una vera caverna di Aladino di pilastri fatti su misura per aspiranti costruttori di circoli in pietra - dice entusiasta - Non serviva neppure estrarli perch sono gi staccati naturalmente, o al massimo si staccano dalla roccia madre con leggere pressioni. Ne sono stati portati via tantissimi e alcuni ancora in loco hanno evidenti tracce di lavorazione. La cava un promontorio scosceso a circa 300 metri di altezza, un luogo molto particolare e remoto a cui sicuramente gli uomini preistorici attribuivano un significato speciale - continua Darvill -. Per questo vollero prendere le pietre per la sacra Stonehenge proprio da l. S vede anche a occhio nudo che quelle rocce hanno la stessa composizione delle pietre blu, lo stesso identico colore e le stesse caratteristiche macchie bianche. E le analisi chimiche e geologiche lo hanno confermato.
La scoperta di Darvill, resa pubblica nel numero di luglio-agosto della rivista British Archaeology, il frutto di tre lunghi anni trascorsi a setacciare le montagne del Galles assieme al collega Geoff Wainwright. E giunge a solo un anno dalla prima grande rivelazione sulle pietre blu, il ritrovamento casuale (per la posa di una condotta) di una "banda di fratelli" gallesi sepolti tutti assieme a Boscombe Down non lontano da Stonehenge. Tre adulti, un ragazzo e tre bambini: l'analisi chimica dello smalto dei denti ha dimostrato chiaramente la loro origine. Sono quelli che hanno trasportato le pietre blu, si subito detto. Furono sepolti nel 2300 a. C, le pietre blu giunsero a Stonehenge verso il 2500 a. C. ma furono risistemate quattro o forse cinque volte nel corso di mezzo millennio, e molti sospettano che furono anche trasportate in tempi diversi. La costruzione del misterioso monumento ha cominciato insomma a prendere vita, si sono immaginati i fratelli portare le pietre dai monti del Galles fino alla costa, poi su zattere via mare fino alla foce del fiume Avon, e ancora risalire l'Avon fino allo sbocco dell'Avenue, l'ampia via preistorica che collega Stonehenge al fiume. Infine accompagnare le pietre con sacri riti lungo l'Avenue fin dove sarebbero state erette. Una tesi con cui concorda a grandi linee anche Darvill. Ma c' chi dubita che fiume e Avenue fossero la via migliore per trasportare pietre, e li crede invece luoghi di processioni funebri. Mike Parker-Pearson della Sheffield University convinto infatti che Stonehenge fosse l'edifcio pi importante di un enorme complesso per gli antenati i cui contraltari erano i circoli di legno di Durrington Walls e Woodhenge. L, tra il vivo legno, si svolgevano le prime cerimonie funebri ancora in parte legate al mondo dei vivi. Poi il defunto scendeva in barca lungo il fiume Avon (un percorso di circa due ore) e raggiungeva Stonehenge, la casa di pietra garante della vita eterna. una tesi affascinante e azzardata che Parker-Pearson sta testando da due anni sul terreno, alla ricerca di vie simili alla Avenue anche a Durrington Walls e di testimonianze di riti per gli antenati. Divertendosi nel frattempo a scardinare certezze come i riti di Stonehenge al solstizio d'estate. In realt lui sta trovando solo ossa dei maialetti che a quei tempi si facevano nascere in primavera per
ucciderli in inverno. Un duro colpo per i druidi moderni, che proprio quest'anno celebrano i cent'anni dalla loro prima riunione estiva a Stonehenge. Avrebbero sempre sbagliato.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news