LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Venere di Pompei emersa dalle acque
Stella Cervasio
la Repubblica, Napoli, 5/7/2005

Cercando l'antico porto della citt sepolta stato trovato un tempio con la "Madonna di Portosalvo"

Cercavano il porto ancora di misteriosa collocazione a Pompei. Hanno trovato la "madonna di Portosalvo" di antichi e ricchi mercanti, il faro di una civilt spenta dall'eruzione dell'inesorabile vulcano. Una "patrona" pagana delle acque e delle lagune un po' speciale, nel cui tempio venivano compiuti anche rituali di iniziazione alla prostituzione sacra, con sacrifici di piccoli animali e offerte votive. Affacciato su quello che potrebbe venire alla luce in un futuro scavo, c'era un tempio ellenizzante, costoso ed elegante, il pi grande di Pompei. Architettura "griffata" del passato, che nel 130 d.C. si presentava imponente, con due alte terrazze e due cortili laterali con giochi d'acqua. Lo scavo, iniziato l'anno scorso a Pompei in una zona molto battuta dai turisti, vicino all'antiquarium, portato avanti dalla Scuola di specializzazione in Archeologia di Matera dell'Universit della Basilicata. stato finanziato con i fondi del progetto ministeriale "Rientro dei cervelli": lo dirige Emmanuele Curti, che insegna al Birkbeck College dell'Universit di Londra e rester tre anni in Italia per finire il lavoro, sebbene la cifra sia esigua (80 mila euro complessivi). Troppo poco per arrivare nella direzione a cui lo scavo tende: individuare il porto perduto di Pompei.
Dopo aver trovato il luogo di culto esattamente un anno fa, Curti ha scavato per otto settimane tra maggio e giugno, effettuando saggi ancora pi in profondit. E ha scoperto che quel tempio interrato occupa una fetta di Pompei riservata probabilmente da sempre a un santuario: si pensava che la parte pi antica risalisse all'et di Silla, invece, stando ai recenti risultati dello scavo bisogna andare indietro ancora di due secoli, fino al VI a.C.
Per un tempio di quel genere, cos imponente e monumentale, costruito secondo una tradizione vicina a quella di cui troviamo traccia a Terracina, Palestrina o Gabi, quello di Pompei risulta essere la struttura pi a Sud d'Italia. Una esibizione di grandezza non casuale. Roma conquistava il Mediterraneo - spiega Curti - e questo monumento doveva essere la carta di presentazione per ogni mercante straniero che metteva la prua verso le rive di Pompei, che andava a rappresentare la potenza economica e commerciale di Roma. Dopo la dea delle acque e della fertilit nella quale sembrato di vedere l'italica Mefite o Herentas, di cui si trovarono tracce nel 2004 in pitture murarie, gli archeologi quest'anno hanno tirato fuori dai resti del tempio la raffigurazione di Eros ermafrodito dipinta su un frammento di terracotta. A conferma che in quel posto si facevano sacrifici, apparsa una grande quantit di reperti, come ossa di maialini, frammenti di cereali e di frutta carbonizzati, piccolissimi vasi e una testina d'avorio di pregevole fattura con tracce di colore d'oro sui capelli. La ricostruzione virtuale del santuario di epoca repubblicana, quando ci sar, risulter sorprendente. La struttura era spettacolare, la pi grande che troviamo a Pompei: a doppia terrazza e sorretta da un muro alto quindici metri. Sulla sommit stava il tempio, circondato da portici, mentre la terrazza inferiore ospitava una piattaforma circondata da una corte con canalette laterali, le fontane. Negli anni intorno al30 d.C. spiega l'archeologo autore dello scavo il tempio venne completamente ristrutturato: la moda italica che si rifaceva al modello ellenico apparteneva ormai al passato. L'et imperiale impose al suo posto il proprio modello. Cancellate nel periodo Giulio-Claudio le corti laterali, il tempio diventa centrale. Curti ha invitato a partecipare alle ricerche un pool di archeobotanici (Girolamo Fiorentino, Universitdi Lecce), archeozoologi (Alison Carnell, Universit di Southampton), petrografi (Claudio Mazzoli, Universit di Padova), geologi e geofisici come Marco Mucciarelli e Marcello Schiattarella dell'Universit della Basilicata. E con questi ha potuto studiare le varie fasi di costruzione del tempio. Accertando che dopo i frequenti terremoti che dal 62 d.C. avevano scosso Pompei erano stati adottati criteri di ingegneria antisismica che sono gli stessi usati anche da noi, fino agli anni Settanta del XX secolo. In et Flavia il santuario venne ristrutturato completamente: per sicurezza la piattaforma di cemento fu interrata di cinque metri. I lavori proseguirono fino al 79 dopo Cristo. Quando il Vesuvio mise la parola fine alla storia e alle ambizioni della citt.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news