LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - «Condoni bloccati dal Sovrintendente»
di Mauro Lissia
20 aprile 2016 LA NUOVA SARDEGNA

CAGLIARI L'eterno conflitto tra la Regione e lo Stato sulla competenza in materia di paesaggio ritorna in un'interrogazione firmata da Pierpaolo Vargiu di Scelta Civica in cui il parlamentare cagliaritano contesta la scelta adottata dall'attuale sovrintendente ai beni architettonici e paesaggistici di Cagliari e Oristano Fausto Martino di bloccare tutti i condoni edilizi concessi in base alla legge regionale del 26 febbraio 2004, che riguardano anche interventi in aree vincolate. Nell'atto inviato al Ministero dei Beni culturali il deputato sardo sostiene che l'interpretazione delle norme seguita da Martino ha paralizzato attività edilizie già avviate, in molti casi anche concluse, provocando confusione e grandi difficoltà alle imprese in una fase storica già segnata dalla crisi economica. Citate le leggi di riferimento sulla tutela del paesaggio e richiamata la norma statale - recepita dalla Regione - sui criteri per la concessione dei condoni, Vargiu chiede al governo di intervenire sulla sovrintendenza sarda per «fornire un'interpretazione autentica della disciplina, che dia certezza del diritto agli operatori del settore» e che comunque «non leda, attraverso disposizioni retroattive, i diritti acquisiti del cittadino». Il testo dell'interrogazione presentata a marzo scorso è stato trasmesso alla sovrintendenza di Cagliari e Oristano oltre che alla direzione generale Belle arti e paesaggio, la risposta è attesa per le prossime settimane. La questione, nella sua complessità tecnica, è questa: la tutela del paesaggio è prevista nella Costituzione e il Codice del paesaggio (o Codice Urbani) conferma come sia lo Stato a regolare la materia e a vigilare sull'osservanza delle norme. Nella sua interrogazione Vargiu fa riferimento al decreto legge del 30 settembre 2003, col quale il governo Berlusconi emanò un condono edilizio molto ampio ma non esteso agli abusi commessi in aree di particolare pregio, protette da vincoli. A superare anche la barriera di quei vincoli è stata la Regione, con la norma del 9 giugno 2004 che recepisce il decreto sul condono, applicabile nell'isola anche in zone di particolare delicatezza e di valore paesaggistico. Il parlamentare cagliaritano scrive nella sua interrogazione che fino ad agosto 2015 - quando Martino è diventato sovrintendente - le imprese e i privati hanno potuto godere liberamente di questo beneficio, estraneo alle altre regioni d'Italia. Da quando è arrivato Martino la festa è finita: il nuovo sovrintendente ha applicato rigorosamente le norme statali, quelle del Codice Urbani, nella convinzione che la competenza sul paesaggio - come affermato da diverse sentenze del Consiglio di Stato - sia dello Stato e non delle regioni, comprese quelle a statuto speciale. Da qui il blocco dei cantieri aperti, quelli che Martino considera illegittimi. I cantieri che Vargiu vorrebbe difendere. Ora si attende l'intervento del Ministero dei Beni culturali, che attraverso l'ufficio legislativo dovrebbe stabilire chi ha ragione. Ma non è detto che il Mibac abbia l'ultima parola, perché qualsiasi decisione potrà essere impugnata davanti all'organo giurisdizionale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news