LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verde e niente auto per piazza Castello i modelli sono Louvre e Amsterdam
ALESSIA GALLIONE
20 aprile 2016 LA REPUBBLICA

LA CACCIA alle idee è partita. Con Milano che chiama gli architetti di tutto il mondo per ridisegnare piazza Castello. Gli ingredienti di base, però, ci sono già. È giocando con verde e alberi, pezzi di arredo e pavimenti al posto dell'asfalto, che i progettisti dovranno dare una nuova identità a quei 45mila metri quadrati da dedicare ancora principalmente ai pedoni. Guardando a Parigi e ad Amsterdam come modelli. Perché sono queste, per Palazzo Marino, le cartoline con vista torre del Filarete da spedire dal futuro. «Ci dobbiamo immaginare una sistemazione simile a quella dello spazio verde davanti al Louvre o all'ingresso del Rijksmuseum», dice l'assessore all'Urbanistica Alessandro Balducci.
Mondi diversi, eppure uniti da elementi comuni da far incontrare anche a Milano. Un monumento che è anche un indirizzo culturale fondamentale e la possibilità di raggiungerlo a piedi, passando tra giardini, magari, o l'ombra di una pianta. Per il Louvre, il Comune non pensa tanto alla piazza con la piramide di vetro, ma all'area antistante. Nel caso del Rijksmuseum di Amsterdam, poi, dove un tempo c'era una strada che entrava nella corte, oggi i visitatori camminano tra file di alberi, erba e acqua. «Dobbiamo cambiare l'immagine oggi molto povera della piazza», continua Balducci. Serve un riordino. «E anche con poco i risultati possono essere straordinari». Si possono ridisegnare i pavimenti e i chioschi, aggiungere panchine, lavorare con il verde. Perché la piazza è immaginata come un «boulevard paesaggistico », una porta di ingresso al Castello, appunto, e al parco Sempione. E linee guida dovranno arrivare anche per gli 85mila metri quadrati di Foro Buonaparte. La politica si è già divisa su un elemento cardine come quello della «priorità pedonale». Ma Valeria Bottelli, la presidente dell'Ordine degli Architetti che sta collaborando con il Comune con la piattaforma informatica «Concorrimi», non ha dubbi: «Non si può tornare indietro: l'intuizione di far diventare la piazza uno spazio di vita è un punto di partenza imprescindibile per rendere le attività del Castello e del parco più permeabili. Prima c'era una cesura creata dal traffico che in un luogo così significativo era svilente ». La sfida, continua, è interessante. E gli architetti risponderanno: «Me ne aspetto almeno 400, anche grossi nomi, visto che per i precedenti concorsi, dalla riqualificazione del cavalcavia Bussa fino alle idee per piazza Scala è arrivata una media di 300-400 proposte. E mi aspetto progetti innovativi, che rendano gli spazi flessibili per eventi temporanei e usi spontanei della gente». Il budget, 12 milioni. Con linee guida del concorso - a cominciare dalla necessità di non far nascere altre costruzioni o di considerare gli Expo Gate a termine - nascono anche da una collaborazione con la Sovrintendenza. E per la responsabile delle Belle arti e del paesaggio Antonella Ranaldi la sperimentazione pedonale ha funzionato: «Quello che abbiamo visto in questo periodo è un ottimo risultato soprattutto perché lo spazio è diventato frequentato. Quello è il fulcro dell'asse che dal Castello arriva a corso Sempione: è già vivo; adesso bisogna capirne il significato e senza snaturarlo renderlo ancora più attrattivo. Non si tratta di aggiungere, ma di sistemare quello che c'è facendolo diventare più percepibile».
Per Claudio De Albertis, però, il presidente della Triennale che ha lavorato al concorso per gli Expo Gate e alle idee per le installazioni temporanee durante il semestre, il punto non è quello: «Il tema prevalente è il progetto perché alla pedonalizzazione la gente si è abbastanza abituata. Io farei un concorso aperto che possa prevedere o meno il ritorno delle auto». L'importante, dice, «è risolvere quello spazio e farlo velocemente. Non vorrei che una volta tolti gli Expo Gate, lì tornasse il disordine di prima».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news