LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Prg, Morassut: non ci sono deroghe Che fine ha fatto il Piano?
di Mariagrazia Gerina
05/07/2005, L'Unit



Interrogativi ambientalisti su edilizia economica e piani speciali

AMBIENTALISTI E PRC: discutiamo subitoolurbanistica sfuggir di mano.

Morassut: con una politica trasparente e regole certe nonc subalternit ai poteri forti

Con le temperature roventi dellestate, si riaccende lo scontro sul nuovo piano regolatore. Che fine ha fatto?, chiedono allarmati ambientalisti (Legambiente, Italia Nostra, etc.) e Verdi, insieme a Rifondazione comunista, che ieri si sono dati appuntamento nella sala Protomoteca del Campidoglio per incalzare la giunta a riaprire pubblicamente la discussione sul prossimo futuro urbanistico della citt. Il timore che, dopo ladozione in consiglio comunale (era il 20 marzo 2003), la gioiosa macchina del piano si sia inceppata. Subito in consiglio comunale le osservazioni al nuovo prg, domandano, allora. consiglieri di Prc e Verdi, insieme ai rappresentanti di tutte le principali associazioni ambientaliste. Abbiamo lavorato a tempi di record, in 18 mesi abbiamo analizzato 11mila osservazioni, quando per analizzare le 650 osservazioni alla variante delle certezze ci vollero 4 anni, risponde lassessore allurbanistica Roberto Morassut, che propone di avviare prima della pausa estiva un seminario di discussione interno alla maggioranza .

SUL TAPPETO, tanto per dirne una, c la questione dellemergenza abitativa. I costruttori chiedono di sacrificare l1% delle aree che il prg destina a verde (1290 ettari) per costruire nuove case. Legambiente, invece, chiede che si destini allemergenza abitativa l1% del costruito e che invece le previsioni del prg siano ritoccate al ribasso. Entrambe le proposte sono state messe nero su bianco nelle osservazioni.Ma il timore sollevato da ambientalisti, verdi e Prc, che, su questo e su altri fronti, come quello dei progetti speciali (parcheggi e quantaltro), si stia tornando, a scapito del confronto democratico, al pianificar facendo. Ovvero? Che, nellattesa che passino al vaglio del consiglio comunale le proposte di modifica al prg presentate da associazioni, costruttori, comitati di quartiere, lamministrazione proceda anticipando o anche derogando a quanto fissato nel piano stesso. un bene che si rilanci il confronto - osserva il coordinatore della maggioranza Silvio Di Francia - il consiglio comunale in ogni caso non ha approvato n approver alcuno stravolgimento. E lassessore allurbanistica: Non abbiamo presentato nemmeno una delibera in deroga al prg, dice Morassut, pronto a garantire una corrispondenza al 99% tra gli indirizzi del piano e le delibere attuative, anche se, quando abbiamo approvato il prg lemergenza abitativa non era ancora scoppiata in tutta la sua drammaticit: In ogni caso - aggiunge Morassut - se ci saranno provvedimenti non perfettamente corrispondenti alle previsioni, siamo pronti a discuterne . Patrizia Sentinelli, capogruppo del Prc, intanto, a sostegno dei timori sollevati, cita due esempi. Il primo, di stringente attualit, la delibera sul progetto di lottizzazione a Tor Pagnotta, che ieri tornato a scaldare il consiglio comunale. Ridotte le cubature (da 4,5mln di mc a 1mln), approvata la lottizzazione, in questomomento sul tavolo c la realizzazione di un tram su gomma da Trigoria alla stazione Laurentina. Costo dellopera: 27 milioni di euro. Spese che dovranno essere coperte per il 10,87% dallo stesso consorzioTor Pagnotta Due e per il resto invece dalle risorse per Roma Capitale. Contrari An, da una parte (con leccezione di un consigliere, Ettore Germini), Prc dallaltra. Fortemente contraria Legambiente perch cos si caricano sul bilancio pubblico gli oneri di una lottizzazione privata. Il secondo esempio fornito dal capogruppo del Prc riguarda le nuove centralit - ovvero servizi e infrastrutture per le periferie. Nella delibera approvata dalla giunta - spiega Sentinelli - si dice esplicitamente che le previsioni insediative del piano sono sottodimensionate. Un terzo esempio, invece, fornito da Legambiente. E riguarda proprio lemergenza abitativa. Il 23 marzo scorso - spiega Umberto Veronesi - la giunta ha approvato una delibera che individua le aree da destinare alledilizia economica . Si tratta dellultimo pezzo dello storico piano per rispondere al bisogno di case, in affitto o in vendita a riscatto, a costi contenuti. In tutto, 7-8mila alloggi, che - spiega Veronesi - si traducono circa 2 milioni di metri cubi da costruire su una superficie di 276 ettari. Dei 276 ettari, secondo Veronesi 54, circa il 20% del totale, sono individuati dalla delibera allinterno di aree perimetrate in vista della trasformazione a parco, sia nella zona di Valle Aniene che in quella di Arrone Ponte Galeria. Che fine far allora il progetto del parco?. Lassessore Morassut smentisce: Quelle sono aree di riserva a trasformabilit vincolata. Ovvero, aree edificabili. Si pu discutere delle localizzazioni, ma la delibera di cui parla Veronesi - replica Morassut - non sacrifica il verde, sposta solo cubature gi previste. Prima ancora, in aula intervendo nel dibattito su Tor Pagnotta, aveva rassicurato: Questa unamministrazione forte con i poteri forti, ricordando i milioni di cubature cancellati. E ancora, fuori dallaula, ha replicato alla Sentinelli: La realizzazione di nuove centralit nelle periferie il cuore del prg, la realitiva delibera approvata un provvedimento di sinistra, riformista in senso radicale, che contempla qualit, partecipazione, pianificazione e impone a chi realizzer le nuove centralit di pagare anche i costi del trasporto pubblico. Ben vengano le discussioni e il confronto, dice, comunque, a proposito delliniziativa promossa da Verdi e Prc.



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news