LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FRIULI - RI-COSTRUZIONE
di GIAN CAMILLO CUSTOZA
09 aprile 2016 IL MESSAGGERO VENETO




Si blasona d'azzurro, l'aquila dal volo abbassato d'oro, armata, lampassata e rostrata di rosso: è la bandiera del Friuli. Le sue origini risalgono all'epoca del Patriarcato di Aquileia. L'aquila d'oro in campo azzurro, linguata e zampata di rosso, volta a sinistra, con le ali spiegate: è lo stemma del principato aquileiese. Quest'aquila è già presente sulle monete patriarcali di Bertoldo di Andechs, di Volchero, di Ottobono e di Bertrando di San Genesio, campeggia sul prezioso drappo di seta azzurra, oggi conservato nel Museo del Duomo di Udine, un tempo cucito sul camice funerario del Patriarca oriundo francese. Azzurro, oro, rosso, sono colori araldici, smalti e metalli, d'antica memoria. L'aquila patriarcale li utilizza tutti. Questa figura araldica presenta notevoli analogie, non solo iconografiche e cromatiche, ma anche, e soprattutto, semantiche, con l'araba fenice, il favoloso uccello sacro, caro al mito greco, capace di rinascere dalle proprie ceneri dopo la morte. Ab immemorabili simbolo archetipo di morte e resurrezione, raffigurato con la corona di Atef, o effigiato con l'emblema del disco solare, il Bennu dell'antico Egitto, talvolta simile a un passero, altre volte somigliante a un airone cenerino, è documentato nella Bibbia, nel libro dell'Esodo, un testo databile al VI -V secolo avanti Cristo; attraverso una metamorfosi figurativa, ma non semantica, questo uccello è divenuto, nell'iconografia relativa al mito greco, un'aquila reale. In tali sembianze è citato, a esempio, da Erodoto, il primo che colloca il nido dell'animale in terra d'Arabia, di qui, infatti, viene alla Fenice l'appellativo di araba. Il piumaggio dell'araba fenice, proprio al mito classico, è variamente colorato; il collo è d'oro, le piume del corpo sono rosse, la coda è azzurra. Dotata di un lungo becco affusolato e di lunghe zampe, il mitico animale presenta alcune penne rosee, le ali sono in parte d'oro e in parte di porpora, due lunghe piume, una rosa e una azzurra, scivolano morbidamente dalla testa del volatile; altre volte, queste sono erette sulla sommità del capo; infine tre lunghe piume pendono dalla coda piumata, una è rosea, una è azzurra, la terza è di colore rosso-fuoco. "Post fata resurgo, dopo la morte torno a alzarmi", come l'araba fenice, fedele al relativo motto latino, e in linea di continuità semantica con questo, il Friuli del dopo terremoto, si è dimostrato perfetta effigie del proprio antico archetipo iconografico, ha saputo ri-nascere dalle proprie ceneri, ri-costruendo una dimensione culturale prima che materiale; oggi, nel quarantennale del terremoto del maggio settembre 1976, è opportuno ricordare la tragedia, e insieme a ciò, celebrare la stagione della rinascita, dando a quest'ultima, continuità, entro una prospettiva futura capace di strutturare virtuosamente la valorizzazione e la gestione sostenibile del ricchissimo patrimonio storico, artistico, architettonico, etno-antropologico, paesaggistico, e archeologico, regionale, finalizzando l'azione allo sviluppo delle innumerevoli potenzialità di cui il nostro Friuli è ricco.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news