LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna. La crisi dei musei e i poteri della Regione
Antonello Mattone
Nuova Sardegna, 2 luglio 2005

Lo Statuto speciale per la Sardegna prevede la potest legislativa della Regione, per quanto riguarda i beni culturali, soltanto in materia di biblioteche e musei di enti locali. A differenza dello Statuto siciliano che prevede una competenza primaria sui beni culturali e ambientali, quello sardo si limita soltanto all'emanazione di norme di integrazione e di attuazione in materia di antichit e belle arti. Troppo poco. Lo Statuto sardo risale al lontano 1948 e cinquantasette anni non passano invano.
Ora il gruppo di giuristi sassaresi che sta lavorando alla legge costituzionale di riforma dello Statuto ha previsto una particolare capacit legislativa della Regione autonoma su tutto quel complesso di tematiche riguardano l'identit, dall'ambiente alle tradizioni popolari, dai beni culturali alla lingua, e via dicendo.
In Sardegna vi sono 160 musei, di cui ben 129 comunali. In genere si tratta di musei archeologici o etnoantropologici. Di recente la Corte dei Conti ha compiuto una ricognizione sulla gestione e sul funzionamento dei musei locali. In sostanza le critiche dei guidici contabili si concentrano su tre punti: 1) eccessiva dispersione delle risorse e spesso realt museali troppo piccole che vivono di vita precaria; 2) mancanza di un sistema a rete dei possibili percorsi culturali e museali; 3) mancanza di personale e musei molto spesso chiusi o di difficile accesso. Si tratta di rilievi ampiamente condivisibili. D'altra parte la stessa giunta regionale si sta attivando per dare una nuova organizzazione ai musei sardi, investendo 3 milioni di euro nella formazione del personale, altri 3 milioni nella creazione della tanto sospirata rete. Sui fondi Por sono stati stanziati altri 40 milioni di euro per l'intero sistema museale della Sardegna. Un decreto del 2001 del ministero per i Beni e le attivit culturali fissa i requisiti minimi per essere considerati musei di interesse pubblico, di cui ovviamente la Regione deve tener conto.
In vetta alla classifica dei musei (statali e comunali) c' ovviamente Cagliari con un museo archeologico di rilievo mediterraneo con le testimonianze neolitiche, nuragiche, fenicie, puniche e romane, con una Pinacoteca Nazionale che conserva i retabli sardo-catalani, e, soprattutto, con un Museo civico che, grazie al dono Ingrao, ha una delle pi belle collezioni di quadri del Novecento italiano, oltre il tradizionale fondo di artisti sardi del secolo passato. Cagliari inoltre l'unica citt sarda dotata di una effettiva rete museale urbana che collega anche gli altri centri espositivi come l'Exm, il Lazzaretto e il Castello di San Michele.
Al secondo posto c' Nuora che dispone non solo di un Museo etnografico di straordinario interesse ma anche del Man (Museo Arte Nuorese provinciale), attivissimo nel campo dell'arte contemporanea con mostre e rassegne, che pubblica anche una rivista elettronica Exibart.
Segue in modo contradditorio Sassari dove c' il Museo archeologico G.A. Sanna (ma perch la collezione etnografica Clemente, smantellata negli anni passati, non stata mai ripristinata?) che avrebbe bisogno di un discreto maquillage. E' stata finanziata dalla Regione l'istituzione, nei locali dell'ex convento del Carmelo, di un Museo di arte contemporanea che dovrebbe accorpare le collezioni Biasi, Delitala e Sironi (quest'ultima di propriet del
Banco di Sardegna). Langue invece l'iter per la formazione della Pinacoteca Nazionale sia per l'umidit dell'ex Collegio Canopoleno, sia per la mancanza di accordo tra il Ministero dei beni culturali, la Regione e il comune di Sassari.
Oristano dispone dell'Antiquarium Arborense che conserva reperti provenienti da Tharros (gli altri si possono vedere al British Museum) e 01-bia del nuovo museo, con le preziose navi romane, il cui allestimento dovrebbe essere concluso entro il 2007.
Fra i musei non urbani si distingue nonostante gli ulivi espiantati il Compendio garibaldino di Caprera, il museo pi visitato in Sardegna con oltre lOmila persone all'anno.
Si attende ora l'approvazione della nuova legge che, superando quello stato di episodicit e di frammentazione, stigmatizzato dalla Corte dei Conti, potrebbe dare un assetto stabile al sistema museale della Sardegna.
Non dimentichiamo che la creazione di itinerari turistici alternativi al mare estivo e alle coste, tesi a valorizzare anche le zone non litoranee, passa attraverso l'archeologia nuragica, le chiese romaniche, le miniere ottocentesche e un sistema museale conosciuto e facilmente fruibile. Un investimento quindi anche sul piano economico, per rivitalizzare molti centri tagliati fuori dal gran tour vacanziero di mezza estate.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news