LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PESCARA - La Soprintendenza blocca la strage dei pini
di Andrea Bene
06 aprile 2016 IL CENTRO

La strage dei pini in viale Regina Margherita si è fermata, almeno per ora. Ma a bloccare l'abbattimento degli alberi, definiti pericolosi, non è stato il presidio organizzato ieri dagli ambientalisti. È stata invece la Soprintendenza alle belle arti e al paesaggio d'Abruzzo che ha ordinato al Comune l'immediata sospensione del taglio delle piante. Finora ne sono state abbattute 6, su un totale di 19 segnalate come pericolose. Il provvedimento, arrivato come un fulmine a ciel sereno, è stato firmato dalla stessa responsabile della Soprintendenza Maria Giulia Picchione, già famosa a Pescara per aver bloccato altre opere, tra cui il Ponte del cielo, il nuovo stadio e il museo dell'imprenditore Venceslao Di Persio. Stavolta, però, il Comune ha dichiarato guerra alla Soprintendente. Nel pomeriggio, il sindaco Marco Alessandrini ha annunciato che l'ente presenterà ricorso al Tar contro l'ordinanza. Nel frattempo tutti i lavori, compresi quelli per realizzazione della pista ciclabile, verranno sospesi e viale Regina Margherita verrà riaperta al traffico in attesa della decisione del Tar. Decisione che non arriverà prima di qualche settimana. Stop alla strage dei pini. È stato il consigliere di Pescara futura, nonché coordinatore provinciale di Forza Italia, Carlo Masci a richiedere l'intervento della Soprintendenza. Masci, alle 6,14 di mattina, ha inviato un sms ad un funzionario dell'ente facendo presente ciò che stava accadendo già da lunedì scorso in viale Regina Margherita, conosciuta dai pescaresi anche come viale dei Pini. Alle 11,30, mentre era in corso il presidio degli ambientalisti per difendere gli alberi e bloccare il lavoro di abbattimento, alcuni ispettori della Soprintendenza si sono presentati sul posto per verificare le condizioni dei pini. L'ordinanza blocca tutto. Poi, in mezz'ora, la Picchione ha firmato l'ordinanza con la quale ha bloccato tutto. La responsabile sostiene nel provvedimento, inviato anche al comando dei carabinieri, che il viale rientra tra i beni tutelati e che «gli interventi non sono stati sottoposti alla preventiva autorizzazione di questa Soprintendenza». Da qui, la decisione di sospendere i lavori di abbattimento dei pini con effetto immediato. Così, gli operai sono stati subito fermati. Le decine di ambientalisti, che hanno dato vita al presidio, hanno accolto la notizia con grande soddisfazione. L'ira del sindaco. Invece, in Comune si è scatenato un putiferio. Alessandrini, appena ricevuta l'ordinanza, ha subito chiamato nel suo ufficio i legali dell'ente per esaminare la questione. Poi, nel pomeriggio ha convocato una conferenza stampa in cui ha annunciato il ricorso al Tar contro l'ordinanza. «Noi non siamo degli insopportabili Attila», ha detto, «ci addolora abbattere degli alberi, ma il nostro interesse primario è quello di tutelare l'incolumità delle persone, perché quegli alberi, 19 su 240 presenti nel viale, sono stati giudicati da un agronomo pericolosi. Quelli abbattuti verranno sostituiti». E poi ha aggiunto: «Non è la prima volta che non andiamo d'accordo con la Soprintendenza. Contestiamo l'aver applicato il vincolo paesaggistico su viale Regina Margherita, cosa che i nostri uffici hanno vagliato e scartato. A Pescara ci sono solo 6 alberi monumentali e non lì». «Anche per noi», ha aggiunto l'assessore al verde Laura Di Pietro, «è stato un duro colpo quel taglio dei pini. Se fossero stati sani, sarei stata la prima ad incatenarmi alle piante». Le reazioni. Persino l'associazione dei Ciclisti anonimi pescaresi si è schierata contro l'abbattimento dei pini. «Nessun albero sano o sanabile deve essere abbattuto per fare la pista ciclabile», ha avvertito l'associazione in una nota. Al fronte del no si è aggiunto anche il Movimento 5 Stelle. «L'abbattimento è una pratica drastica che si dovrebbe evitare», ha affermato il deputato Gianluca Vacca, «soprattutto in una città che ha svenduto abbondantemente il territorio al cemento». «Gli ambientalisti trovano il nostro sostegno», ha continuato il consigliere Massimiliano Di Pillo. Critiche, infine, da Confesercenti e Confcommercio per la chiusura della strada per lavori e per il mancato coinvolgimento delle associazioni di categoria in questa decisione.

http://ricerca.gelocal.it/ilcentro/archivio/ilcentro/2016/04/06/nazionale-la-soprintendenza-blocca-la-strage-dei-pini-16.html?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news