LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Privati avari con la cultura finanziano solo lo 0,08%
Maurizio Tropeano
Stampa Torino, 2 luglio 2005

RAPPORTO IRES: 293 MILIONI SU 360 DAGLI ENTI PUBBLICI, IL RESTO DELLE FONDAZIONI


Duecentottancinquemila euro. Lo 0,08 per cento dei 360 milioni di euro spesi in Piemonte per teatro, musica, musei ed eventi, pi o meno grandi. E' questa la quota che istituzioni e imprese private hanno donato al sistema culturale subalpino nel corso del 2003 pubblicata nella relazione annuale dell'Osservatorio di settore illustrato ieri nella sede dell'Ires. Certo a questi fondi scarsi, e in costante decremento nel corso degli anni, si devono aggiungere i 66,8 milioni messi a disposizione dalla Fondazioni bancarie ma, in qualche modo, si tratta di fondi che possono essere classificati come istituzionali. A reggere l'organizzazione del sistema culturale piemontese sono i 293 milioni di euro che Regione, Comuni e Province hanno speso, soprattutto le risorse tirate fuori dai comuni sopra i 15 mila abitanti (149 milioni) e dalla Regione (88 milioni).
Secondo l'Osservatorio gli occupati a diverso titolo nel macro-settore cultura in Piemonte sono stimati in 40/44 mila unit. Una stima, appunto, ferma al 2003 che si base su alcune, certezze: gli occupati stabilmente nel settore museale e delle collezioni sono 1130, quelli dell'editoria libraria e del multimediale raggiungono i 2550 addetti e sono in calo. In diminuzione anche i dipendenti che lavorano nel campo della produzione audiovisiva e cinematografica che sono 825 contro i 1016 del 2002, mentre le persone che si occupano di spettacoli dal vivo sono 1450.
E' questa la fotografia che l'Osservatorio e l'Ires hanno scattato e consegnato alla discussione dei politici. Con la segnalazione di alcuni nodi problematici. Uno su tutti: Si pu dire che a buon punto l'infrastruttura di base e che il prossimo futuro richiede la costruzione vera e propria di un'offerta culturale allargata a residenti e a utenze extraregionali. Dunque non si tratta solo di terminare i restauri ma di organizzare le modalit di fruizione... ci implica 0 mantenimento di investimenti consistenti per far conoscere e far apprezzare questa offerta, per guidare il processo di posizionamento del Piemonte nelle possibili nuove geografie culturali.
Una riflessione che tocca in primo luogo ai politici ma a cui non si sono sottratti i rappresentanti delle fondazioni bancarie. Ieri mattina era presente solo l'assessore alla Cultura del Comune. Fiorenzo Alfieri ribadisce la necessit di non fermarsi in mezzo al guado e di completare il processo che ha portato ad una strutturazione dell'offerta culturale su livelli pi alti rispetto al passato. L'assessore prende spunto dalla destinazione ad uso culturale di importante strutture recuperate o realizzate ex novo per i Giochi Olimpici invernali - da Torino Esposizione al palazzetto di Isozaki - per ribadire il concetto che la cultura una delle leve su cui innestare il cambiamento della citt.
Dunque gli investimenti in campo culturale vanno avanti ma secondo Piero Gastaldo, segretario generale della Compagnia di San Paolo, esiste la necessit che gli investimenti debbano rispettare il principio della sostenibilit economica soprattutto in un momento dove le risorse disponibili sono sempre di meno. Gastaldo chiede anche ai ricercatori un sforzo ulteriore che arrivi ad analizzare nel dettaglio la domanda di cultura, soprattutto che permetta di capire chi viene escluso dai circuiti che sempre pi sono ristretti. Maria Leddi, segretario generale della Fondazione Crt, sottolinea la necessit di recuperare il ruolo delle imprese. Certo non pi il tempo dei grandi mecenati ma visto che possibile portare in deduzione dal pagamento delle tasse le donazioni in campo culturale necessaria una campagna di stimolo anche per i piccoli e medi imprenditori.
Resta da capire che cosa far la Regione. L'assessore Gianni Oliva, ieri assente, ha presentato alla commissione Cultura del Consiglio regionale gli obiettivi di medio termine. Nessuna indicazione sulle disponibilit economiche ma si individua nella Regione un ente che non si limita ad erogare i finanziamenti per le diverse attivit ma che stimola le iniziative dei singoli in una prospettiva coerente, propulsiva e correlata. La presidente, Mercedes Bresso, intervenendo al Forum del terzo Settore, spiegava: Per le amministrazioni locali il 2005 si annuncia come un anno orribile e credo che anche i prossimi saranno anni bui. C' la necessit di sfrondare il superfluo, individuare le priorit e allargare, soprattutto in campo culturale, la platea dei destinatali coinvolgendo anche le fasce mediobasse della popolazione. Dunque per la presidente evidente la necessit di ridefinire tutte le politiche sui giovani, la cultura, il welfare partendo da un'attenta analisi dei flussi finanziari e dei loro effetti. Si vedr.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news