LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Un po' di Roma in valle"
Emanuele Torelli
Bresciaoggi, 1 APR 2003




II cardinal Re ha accompagnato il ministro nella visita: il sito un investimento per il futuro dei camuni


Cavalli: "Grazie al patrimonio culturale si potr rilanciare anche l'intera economia"


Un evento oggi, una grande occasione domani e negli anni a venire. La cerimonia di inaugurazione del Parco di Cividate camuno ha confermato che la Valcamonica ha tutti i numeri per brillare nel firmamento dei siti archeologici europei. Lo hanno ribadito all unisono gli amministratori locali, il ministro Giuliano Urbani, i politici. Tutti d'accordo su un punto: si tratta di una scommessa per l'intera valle.

Il turismo storico gi una realt, come dimostrano le migliaia di visitatori delle incisioni rupestri, e l'attenzione del pubblico in continua crescita. Ora, unendo preistoria, et imperiale e medioevo, la Valcamonica pu fare il salto di qualit ed entrare a pieno titolo nel circuito nazionale e internazionale della cultura.

Nessuno ha voluto mancare all'inaugurazione di ieri, il cardinale Giovanbattista del Re ha fatto gli onori di casa, guidando il ministro Urbani fra i camminamenti del sito romano. C' stato spazio anche per una battuta. Avvicinandosi all'entrata dell'anfiteatro, il porporato ha sospirato: Finalmente un po' di Roma anche in Valcamonica.

Nel corteo che ha visitato in anteprima il parco c'erano tutti i volti noti della politica provinciale: i consiglieri regionali Germano Pezzoni e Margherita Peroni, gli assessori provinciali ErmesBuffoli e Corrado Scolari, il presidente Alberto Cavalli, i due parlamentari del collegio camuno, ildeputato Davide Caparmi e il senatore Guglielmo Castagnetti, il prefetto di Brescia Annamaria Cancellieri.

E ancora, insieme a alcuni sindaci della zona, lassessore alle Culture e Identit della Regione, Ettore Albertoni, il Soprintendente archeologico dottar Ardovino, il presidente della Comunit montana Giampiero De Toni e quello del Bim Edoardo Mensi.

Durante la visita al sito, il ministro non ha nascosto gli elogi agli architetti che hanno curato i lavori di restauro. Guardando le due tettoie che coprono alcuni dei resti si complimentato per la delicatezza del me-do con cui si lavorato e i materiali discretissimi utilizzati. Poi, una volta completato il giro, ha aggiunto: Quando le testimonianze star iene vengono conservate bene e riportate alla luce in questo modo - ha spiegato Urbani - diventa molto pi semplice promuoverle e farle conoscere alla gente. In luoghi come questi facile sbagliare. Invece quel che vediamo denota una grande cura di tutti coloro che hanno partecipato a questo recupero.

Ammirato dalla grandezza del passato imperiale, Urbani non ha rinunciato a qualche mea culpa collettivo: Guardando questo sito - ha sottolineato - si capisce che i Romani erano davvero un popolo dalle grandi capacit. Quando pioveva su queste strutture, in poche ' ore erano completamente a posto grazie al sistema
di drenaggio perfetto. Noi non siamo sempre cos, basta pensare agli stadi italiani. Dall'archeologia possiamo cogliere elementi fondamentali anche per l'attualit.

Quanto alla dimensione futura, il ministro ha precisato: Sono certo che nel giro di un paio d'anni questa apertura si ripercuoter in maniera positiva sul turismo e sugli abitanti. Questo il mio augurio alla gente di Cividate.

Siamo tutti convinti - ha aggiunto il cardinale Giovanbattista Re - che il mondo cominciato con noi senza pensare a quel che c' stato prima, ma oggi abbiamo potuto fare un salto a ritroso di 2000 anni, quando Cividate aveva un'importanza fondamentale per tutta la valle. Ora questo paese moderno e tende a un rinnovamento ma il mio invito quello di basarsi sempre ) sui valori autentici che hu i no segnato il passato.

Alberto Cavalli, presidente della Provincia, ha analizzato l'apertura del parco nella sua globalit: La valle - ha detto - ha bisogno di rinnovare la sua vitalit economica ed in grado di ripartire dal suo patrimonio culturale. Forte delle sue tradizioni, la Valcamonica pu tornare a essere una delle capitali dell'economia italiana.

Il concetto, sottolineato anche da Francesco Gelfi, ha praticamente messo d'accordo tutti e strappato qualche rassicurazione in pi. Ad esempio quella dell'assessore Ettore Albertoni, che ha chiuso il suo saluto dicendo: Su questa strada la Regione con voi e non vi lascer mai soli. Ogni promessa debito.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news