LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Come trovare i soldi per la biblioteca di Babele
Pierluigi Panza
Corriere Economia, 4 luglio 2005

ALESSANDRIA D'EGITTO Una struttura di 85mila metri quadrati, visitata da 750 mila persone ogni anno. Parla il direttore, Ismail Serageldin
Il governo egiziano ha versato 130 milioni di dollari. Donazioni internazionali per 110. Unesco e governi arabi hanno dato il resto

Ismail Serageldin (nato a Guiza nel 1944) il direttore della Bibliotheca Alexandrina, Distinguished Professor alla Wageningen University ed stato vicepresidente per lo Sviluppo sostenibile ambientale e sociale della World Bank dal 1992 al 1998, e dei Programmi speciali dal 1998 al 2000.
La nuova Biblioteca di Alessandria un colosso di 85mila metri quadrati con una sala di lettura ipostile per 2mila persone e depositi che possono contenere sino ad 8 milioni di volumi. Ogni anno 750mila la visitano, ha spiegato a margine di un convegno sull'Innovazione organizzato dalla Camera di commercio di Milano.
Professor Serageldin, a Milano vorremmo costruire la Biblioteca di informazione e cultura: nata una Fondazione per realizzarla, ma i costi sono ingenti: 236 milioni di euro, pi 18 ogni anno per la gestione. Voi come avete fatto a trovare i finanziamenti per quella di Alessandria?
Ci sono voluti 235-240 milioni di dollari per realizzarla. La nostra non solo una biblioteca: un complesso con sette istituti di ricerca, tre musei, sei gallerie d'arte, sei librerie specializzate e diversi labora-tori.
Come avvenuto il reperimento dei fondi?
Il governo egiziano ha contribuito con 125-130 milioni di dollari. Poi abbiamo ricevuto donazioni dal resto del mondo per circa 110 milioni di dollari. Avevamo svolto opera di sensibilizzazione e di ricerca dei finanziamenti. L'Unesco allora dichiar che la biblioteca di Alessandria era una delle pi importanti del mondo. Bisogna coinvolgere pi Paesi e pi istituzioni nel sostegno.
Avete ricevuto finanziamenti dall'Unesco?
S. Ma hanno contribuito anche i governi dell'Arabia Saudita, degli Emirati Arabi e di altri 27 Paesi. La biblioteca di Alessandria ha ricevuto un aiuto anche dall'Italia: un milione di dollari per i nostri musei e la formazione di otto egiziani, che in Italia hanno seguito un corso di restauro di libri antichi. Una biblioteca di impegno internazionale non pu nascere dallo sforzo di una sola nazione. Ora aperta a tutti, collabo-riamo con centri europei e internazionali, siamo membri della Digital Library Federation.
Quanti anni ci sono voluti per costruirla?
Il cantiere stato aperto nel dicembre 1995 e la biblioteca stata inaugurata nel 2002.
Non ritiene che nell'era dell' e-book spendere soldi per la costruzione di megabiblioteche sia assurdo?
No, assolutamente...! Troppa informazione spesso significa poca informazione. Da un forellino troppo piccolo non riesci a bere, ma neppure da uno troppo grande. Umberto Eco, che fa parte del nostro consiglio direttivo, mi ha detto che ha lanciato una ricerca sul Sacro Graal su Internet... Ci sono 74 siti specifici ma solo 2 di livello sufficiente. L'era dell'informazione ha cambiato i libri, che non sono pi separabili tra loro. Oggi, attraverso per-link, i libri sono collegati, e questo crea un nuovo modo di organizzare il sapere. Cos le biblioteche saranno collegate tra loro e ognuna si specializzer per poter garantire il massimo dell'expertise in un particolare campo. Sar fantastico, perch la quantit di informazioni cresce in modo quasi esponenj-ziale.
II professor Jeanneney, presidente della Biblioteca nazionale di Francia, ha deciso di rispondere alla sfida che Google ha lanciato, a suo dire, contro l'Europa, annunciandoli progetto di Biblioteca universale, of-vero trasformando in formato digitar le e consultanti su Internet 15 milioni di libri. Cosa ne pensa?
La digitalizzazione avviene ancora in modo molto limitato, per via del copyright. Gli editori non rendono disponibili le copie digitali. La nostra biblioteca mette comunque a disposizione diverso materiale online, abbiamo creato la collezione Nasser con 5.500 volumi, ci sono migliaia di articoli del British Foreign Office, migliaia di articoli dello State Department, audiovisivi, ecc., ma si tratta di materiale nostro, non degli editori.
I progetti in corso della vostra biblioteca?
Abbiamo ricvuto anche una delegazione irachena che venuta a chiederci di aiutarli a ristrutturare i loro archivi nazionali, che sono andati parzialmente distrutti durante la guerra. Cos abbiamo fatto venire da noi gruppi di iracheni che seguono dei corsi di formazione da noi per diventare bibliotecari. Poi torneranno in Iraq a lavorare.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news