LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UN SALTO DI QUALIT DAL GOVERNO SULL'AREA DELL'EX ITALSIDER
GIULIO PANE
LA REPUBBLICA 05 aprile 2016





LA vicenda Bagnoli si avvia ad una non limpida conclusione, e soprattutto ad un insieme di decisioni che comporteranno fatalmente altri atti non facilmente controllabili, tali da inficiare anche una conclusione debole come quella prospettata. Mi riferisco al poco che si apprende dalla stampa, visto che la cabina di regia resta imperscrutabile nei passi che ha compiuto e sta compiendo. Nulla di peggio, in una citt nella quale la trasparenza sarebbe d'obbligo, almeno per risarcirla da decenni di decisioni prese al di fuori di ogni processo partecipativo. Ma ben noto che questo esito di crescita partecipativa non tra gli obiettivi delle amministrazioni pubbliche, sia locali che nazionali, nonostante l'adozione della convenzione di Aarhus nel lontano 2001.

Come apprendiamo, si sarebbe deciso di: 1) ridurre le volumetrie previste dal Pua; 2) allocare gli alberghi previsti in prossimit del mare, piuttosto che allineati come blocchi di edilizia popolare all'interno; 3) contenere generalmente l'edificazione prevista; 4) favorire l'insediamento di industrie e centri di formazione nell'elettronica applicata; 5) realizzare un porto turistico; trascuro altri aspetti minori, relativi alla caratterizzazione del parco verde. Di queste opzioni le prime quattro non possono che trovare consenso, visto da un lato l'elefantismo delle previsioni di piano, la cui volumetria raggiunse i 2.600.000 mc e dall'altro l'avventurismo delle realizzazioni del parco. La quinta opzione quella che si scontra da sempre con le posizioni di chi vorrebbe vedere finalmente applicata la legge 582/96 sull'obbligo di "ripristino della morfologia naturale della costa". Nel paese in cui cosa fatta capo ha, in cui gli antichi errori non si correggono ma si inghiottono, fioriscono gli scempi come l'ex Incurabili in piazza Cavour, il palazzo Upim su via Duomo, i palazzi di piazza Mercato, le Vele di Secondigliano, fino ai baffi della scogliera di via Caracciolo ed al mantenimento della colmata dell'Italsider. Un unico filo conduttore, costituito da cecit urbanistica e velleitarismo politico, coniugati insieme per raccogliere consenso, ha mortificato le poche forze consapevoli con decisioni imposte e mai sensibili alle ragioni di una moderna cultura specialistica. Ora ci si mette anche il governo, muovendosi in maniera contraddittoria con la stessa volont del Parlamento.

Quando, con lungimiranza, fu dettato il contenuto della legge, si era capito da subito che la colmata avrebbe potuto essere una testa di ponte per giustificare comunque l'esistente, cancellando cos definitivamente la possibilit stessa del risarcimento ambientale. Quel dettato va difeso a tutti i costi, e non devono esserci alibi di nessun tipo, neppure economici, al rispetto di una legge dello Stato. Come pi volte affermato, il porto turistico - se proprio si vorr farlo, nonostante la vicinanza di quello di Pozzuoli - potr trovare un ottimo insediamento in cala Badessa, cio al di l dell'istmo di Nisida; per realizzarlo potranno essere utilizzate in gran parte le stesse scorie d'altoforno impiegate a suo tempo per la colmata. L'inquinamento infatti prodotto dal percolamento in falda degli idrocarburi un tempo stoccati alle spalle della colmata.

La prossimit all'isola potrebbe inoltre favorirne la progressiva trasformazione in senso turistico, utilizzandone le volumetrie esistenti per un borgo insulare che non avrebbe nulla da invidiare agli aspetti ambientali delle isole del golfo, ma anzi ne costituirebbe un avamposto di terraferma, di cui sono testimonianza i resti archeologici delle ville di Lucullo, di Bruto ed il castello di fondazione angioina, da restaurare e valorizzare.

Ci che si chiede oggi legittimamente al governo un salto di qualit rispetto alle decisioni dell'amministrazione locale. Se l'intervento di Roma dovesse limitarsi ad una replica della parte peggiore delle decisioni che il Comune ha cercato di far passare finora (finta bonifica, porto- canale, impiego e conservazione della colmata, edificazione massiccia) avremmo una prova definitiva che neppure l'amministrazione centrale riesce a mettere ordine nel pasticcio Bagnoli, e che il riscatto di Napoli ha ancora molta strada da percorrere davanti a s.




news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news