LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alleanza Stato-privati per aumentare i fruitori dei tesori del Nordest
di DANIELE MARINI
03 aprile 2016 IL MESSAGGERO VENETO

Avere una ricchezza e non saperla valutare adeguatamente. Accade di possedere qualcosa di valore, ma di non rendercene conto. la nostra "ricchezza estetica": il patrimonio artistico, architettonico e culturale diffuso sul territorio. Disponiamo una fonte di risorse (potenziali), ma non sappiamo utilizzarla in modo fruttuoso. La quotidianit nell'incrociare palazzi, piazze, siti, monumenti andando al lavoro, piuttosto che passeggiando per i centri delle nostre citt, li rende usuali: fanno parte del nostro paesaggio. Ma quando andiamo in un Paese estero che possiamo considerare quanta e qual l'abbondanza di ricchezze diffuse di cui disponiamo. Oppure quando un monumento danneggiato dall'incuria nostra o da visitatori maldestri e maleducati. O ancora quando un turista straniero si meraviglia per la quantit di opere presenti. Per un Paese come l'Italia che non dispone di materie prime pregiate, la storia ci ha lasciato un insieme di "risorse estetiche" che hanno poche eguali al mondo. E che se fossero ben utilizzate, potrebbero generare (e gi oggi lo fanno) una parte significativa del prodotto interno lordo. Tant' che l'ultimo rapporto annuale sul sistema produttivo culturale (Fondazione Symbola e Unioncamere) sottolinea come le imprese delle filiere culturali e creative producano 78,6 miliardi di valore aggiunto e contagino gli altri settori dell'economia fino a mobilitare complessivamente il 15,6 per cento del valore aggiunto nazionale (227 miliardi di euro), con Vicenza, Pordenone e Treviso che si collocano fra le prime dieci province in Italia (rispettivamente al 3, 4 e 5 posto). Le 443 mila 458 imprese del sistema produttivo culturale (di cui 54 mila 539 nel Nord Est, il 12,2 per cento) generano il 5,4 per cento della ricchezza prodotta in Italia, pari a 74,9 miliardi di euro. Se includiamo anche le istituzioni pubbliche e le realt del non profit attive nel settore della cultura, tale cifra raggiunge gli 80 miliardi di euro circa (5,7 per cento della ricchezza nazionale). Insomma, possediamo un giacimento di tesori artistici, storici e culturali che dobbiamo valorizzare in modo sistematico. Quanto tale patrimonio sia frequentato e in che modo esso possa essere utilizzato al meglio l'oggetto della rilevazione svolta presso la popolazione da Community media research. Poco meno della met dei nordestini si pu definire un frequentatore assiduo (45,5 per cento, oltre 4 volte l'anno) di mostre, musei, siti archeologici del nostro Paese, ma che vedono friulani e giuliani guidare nettamente la classifica (76,3 per cento). Mentre una quota analoga manifesta una presenza saltuaria (47 per cento, 1-3 volte l'anno), con una particolare accentuazione fra trentini e alto atesini (72,4 per cento). I pi assidui a queste attivit sono soprattutto le donne, gli studenti e gli adulti (55-64 anni), chi possiede una laurea. Dunque, anche sotto il profilo delle presenze e delle visite non sono pochi quanti dedicano parte del loro tempo libero a gustare le bellezze artistiche, ma sicuramente c' un'area ancora ampia di persone di cui si pu catturare l'interesse. Che ci sia uno spazio potenziale su cui investire non solo in termini di informazione sulle opportunit di visite, ma anche di consapevolezza della necessit di investire nella conoscenza culturale, testimoniata dal fatto che meno dei due terzi dei nordestini (60,5 per cento) ritengano sia giusto pagare un biglietto d'ingresso nei luoghi della cultura, quota che cala drasticamente soprattutto in Trentino Alto Adige (27,6 per cento), mentre per i restanti due quinti (39,5 per cento) si dovrebbe entrare gratuitamente. Inoltre, per il 48,5 per cento il costo del biglietto considerato eccessivo, mentre per il 35,5 per cento adeguato e addirittura per il 16 per cento troppo economico. Sono soprattutto i residenti del Trentino e Alto Adige a sottolineare l'onerosit dei costi (78,7 per cento). Quindi, la maggioranza ritiene necessario pagare per visitare il nostro patrimonio artistico, ma una quota importante calcola tale costo eccessivo. Nel contempo, esiste una minoranza non esigua che valuta i patrimoni culturali del Paese un bene indivisibile e che in tal senso dovrebbero essere disponibili gratuitamente per tutti. Appare evidente l'incongruenza fra le attese di una parte non modesta della popolazione e le disponibilit calanti di risorse pubbliche che rende inattuabile la possibilit di fruire di luoghi culturali liberamente, poich presentano un costo di manutenzione, oltre che di gestione, elevato. Dunque, servono risorse economiche per conservare e far fruttare i nostri beni. In questo senso, negli anni avanzata - in verit con non poche difficolt - la riflessione circa un'apertura ai privati nella gestione del patrimonio artistico e culturale dell'Italia. sufficiente ricordare le polemiche e le difficolt burocratiche che si materializzano quando qualche imprenditore intende intervenire nel restauro di un monumento o s'ipotizza la sua presenza nella gestione di un museo. A fronte di un 18 per cento che vorrebbe lo Stato come amministratore esclusivo, per converso e in misura diversa, si fatta strada l'ipotesi di una compartecipazione dei privati finalizzata a valorizzare e a dare una gestione pi manageriale alle nostre "risorse estetiche". La parte prevalente (65 per cento, soprattutto in Friuli Venezia Giulia: 89,1 per cento) intravede ancora lo Stato quale responsabile principale assieme al privato, mentre un'apertura maggiore alle imprese vede schierati complessivamente il 17 per cento degli interpellati (soprattutto fra i veneti: 18,2 per cento). Insomma, l'85,5 per cento considera auspicabile un'apertura (97,4 per cento in Friuli Venezia Giulia), mentre il 14,5 per cento valuta tale opportunit deprecabile. Quindi, i nordestini vedono favorevolmente l'ingresso dei privati, ma il confronto con il resto dell'Italia restituisce un'immagine mediamente pi restia a un'apertura decisa. E ci paradossalmente se consideriamo la particolare diffusione della cultura imprenditoriale in questi territori. Si auspica una maggiore valorizzazione e managerialit nella gestione del patrimonio culturale, a patto per che lo Stato continui a detenerne la guida e ne permetta una fruizione gratuita. Nel Nord Est l'ambito culturale costituisce una risorsa latente ancora da esplorare e da mettere a frutto in modo strategico. A fianco del sistema produttivo materiale, le "risorse estetiche" e immateriali sono un asset fondamentale, che gi oggi producono una ricchezza sottovalutata. La loro contaminazione rappresenta un vero e proprio acceleratore economico e fa capire che, organizzandola bene, con la cultura si mangia.



news

16-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news