LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Governo del territorio - La riforma amplia i poteri degli enti locali. Regioni pi forti nell'edilizia
Guglielmo Saporito
Il Sole 24 Ore, 4 luglio 2005

Tutela del paesaggio. Il disegno di legge approvato alla Camera e in attesa del s del Senato apre scenari complessi nel rapporto tra Stato e autonomie
Territorio, parola agli enti
I governi locali conquisteranno anche la difesa e la valorizzazione dei beni culturali
Stato e autonomie locali si contendono il governo del territorio: nella Carta costituzionale spetta allo Stato la tutela dell'ambiente e dei beni culturali mentre alle Regioni va il governo del territorio e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali (salvo indirizzi statali).
Le autonomie potranno cambiare il regime delle distanze

ROMA L'autonomia delle Regioni si allarga al governo del territorio. E la delicata (e controversa) materia degli standard urbanistici e delle distanze fra edifici viene in larga misura liberalizzata, grazie al disegno di legge approvato marted scorso dalla Camera e passato ora al Senato per il voto definitivo.
Il provvedimento regola, dopo dieci anni di ripensamenti, le competenze di Stato e autonomie locali in materia di urbanistica, alla luce delle modifiche al Titolo V della Costituzione. Con la norma in discussione, che tiene conto in buona parte delle indicazioni della Corte costituzionale, viene anche affidato alle Regioni il potere sulla valorizzazione dei beni culturali e ambientali (salvo indirizzi dello Stato). Altri aspetti importanti del Ddl sono il maggior peso delle negoziazioni a scapito dei meccanismi autoritativi e la possibilit di derogare agli standard urbanistici, con valutazioni da effettuare su base prestazionale.
Per i numerosi professionisti del settore si apre una stagione di nuove opportunit ma anche di necessit di aggiornamento formativo.
E anche il Fisco far la sua parte, con crediti d'imposta per chi si impegna nei nuovi piani urbanistici.

Nel nuovo Ddl approvato dalla Camera il 28 giugno il governo del territorio continua a far capo alle Regioni ma guadagna terreno, acquisendo la tutela dei beni culturali (che apparteneva saldamente allo Stato). L'articolo 1 comprende nel governo del territorio sia la valorizzazione che la tutela del paesaggio e delle bellezze naturali. Inoltre, fonde la tutela dei beni culturali (che spettava allo Stato) accomunandola alla tutela del paesaggio, mentre nell'articolo 117 della Costituzione la tutela dell'ambiente spettava all'autorit centrale.
■ Pi poteri alle Regioni. I poteri delle Regioni, quindi, aumentano e il disegno di legge allineato, quanto meno sotto il profilo della
tutela monumentale, alla recente sentenza della Corte costituzionale n. 232 del 16 giugno 2005. Con legge regionale 11/2004, il Veneto ha infarti inserito le proprie Ville nei nuovi piani regolatori, prevedendo i valori di tutela, interventi e destinazioni d'uso ammissibili. La legge stata riconosciuta legittima dalla Consulta e questo spazio per i beni culturali nei piani regolatori innovativo perch supera la distinzione (enunciata nella sentenza della Consulta n. 9/2004) tra la tutela, che ha per oggetto la preservazione del bene, e la valorizzazione, che riguarda soprattutto la fruizione.
Con la norma in discussione, mantenendo i poteri di tutela, lo Stato conservava il potere di conformare il diritto di propriet, cio la possibilit di far modificare il bene, di irrogare sanzioni, effettuare controlli. Ora il disegno di legge, sulla linea della sentenza 232/2005, accentua il collegamento tra beni culturali, tutela dell'ambiente e governo del territorio.
Con la futura legge, quindi, ogni Regione, nel configurare i propri strumenti urbanistici, potr e dovr tener conto della tutela degli immobili di pregio storico artistico. Ci conforme al nuovo assetto costituzionale, secondo il quale, allorch il Comune eserciti funzioni urbanistiche, non si sovrappone n si sostituisce alle competenze centrali, ma semmai rafforza le competenze stesse.
Un passo intermedio, che facilita la soluzione attuale, era gi presente nell'articolo 5 del codice Urbani sui beni culturali (42/2004), dove si prevede che gli enti territoriali cooperino con lo Stato nell'esercizio delle funzioni di tutela. A breve, una prima applicazione di questa sinergia tra Stato e Regioni, vi potr essere in tema di sanatoria ambientale (legge 15 dicembre 2004, n. 308), settore in cui la tutela dell'ambiente (dello Stato) sembra contrastare con il governo del territorio (regionale), perch gli enti locali non intendono sanare abusi ambientali che sono invece perdonati dallo Stato.
■ Gli atti negoziali. Il Parlamento, nel Ddl, incentiva per non solo la sussidiariet verticale," eliminando sovrapposizioni tra Regioni, Province e Comuni, ma anche quella orizzontale, cio i rapporti tra pubblico e privato. Si dar infatti la precedenza ad atti negoziali (accordi, convenzioni) in luogo di atti autoritativi (articolo 5), in sede i pianificazione potranno concludersi accordi con i privati (articolo 8) e valutarsi l'esistenza di proposte di pi privati in gara tra loro (confronto concorrenziale).
Si vara poi una nuova sorta di moneta, il "diritto edificatorio", definito come trasferibile e liberamente commerciabile (articolo 9) corrispondente al valore di ci che si perde per la realizzazione di opere ed interventi pubblici nel piano urbanistico. Questa "moneta edilizia" circoler non solo tra ambiti di uno stesso comune, ma anche tra vari comuni, specialmente quando vi sono oneri ambientali da compensare (quali la collocazione di discariche). Di tutto ci vi era gi un preavviso nell'orientamento della Corte costituzionale (179/99) che per bilanciare vincoli urbanistici troppo lunghi auspicava accordi
attuativi di pianificazione.
■ Standard "liberi". Sulla stessa linea va anche vista la "liberalizzazione" degli standard e delle distanze. Dopo circa 40 anni (dal 1968), l'articolo 7 del Ddl rende elastica la dotazione di attrezzature, servizi pubblici e di interesse pubblico. Verde, sport, parcheggi, uffici e servizi pubblici saranno determinabili volta per volta non pi sulla base di proporzioni rispetto ai metri quadrati edificabi-li, bens su base prestazionale. Diventeranno variabili anche le distanze tra costruzioni.
In questo caso, per, la norma in itinere si discosta dagli orientamento della Consulta, che sempre con la sentenza 232/2005 ha ritenuto inderogabile dai piani locali la norma del 1968 sulle distanze minime in zona di completamento (cio a rada edificazione).


IN SINTESI
■ Sinergia Stato-Regioni. Nel governo del territorio concepito dal disegno di legge in discussione la tutela degli immobili storico-artistici affidata alle Regioni, che ne terranno conto nel configurare gli strumenti urbanistici
■ Pi accordi, meno imposizioni. Un aspetto rilevante del Ddl l'accento posto sugli atti negoziali (accordi e
convenzioni), che vengono privilegiati rispetto a quelli autoritativi. Il diritto edificatorio sar liberamente commerciabile
■ Liberalizzazioni. Dopo 40 anni vengono resi elastici il concetto di standard urbanistici, che verranno valutati su base prestazionale, e le regole sulle distanze minime fra edifici



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news