LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caccia alla biblioteca rubata dai tedeschi
Francesco Grignetti
La Stampa 2/7/2005

ROMA. Il cacciatore di libri un signore dai capelli bianchi, gli occhi azzurri e i modi gentili. La sua missione non usuale: insegue una biblioteca che scomparsa da sessant'anni. Dario Tedeschi, avvocato romano, presidente di una commissione mista Stato-Comunit ebraica, sa che l'impresa difficile. Ma non demorde. Quella biblioteca non pu essere svanita nel nulla. Settemila libri rarissimi, manoscritti, incunaboli, cinquecentine, opere prime, testi editi da Aldo Manuzio o da Nathan Soncino. Una raccolta splendida, dal valore inestimabile, indispensabile per gli storici che volessero ricostruire le vicende dell'ebraismo italiano e non solo. Fino a un tragico 11 ottobre 1943, la biblioteca (in verit erano due: una del Collegio rabbinico, l'altra della Comunit israelitica) era il fiore all'occhiello della Sinagoga di Roma. Fino a quando - nella Roma occupata - al portone della Sinagoga si presentarono due ufficiali in divisa da SS e misero i sigilli alle porte. Quello stesso giorno i nazisti si portarono via gii archivi della Comunit. Servirono come base alla razzia degli uomini e delle donne del Ghetto, cinque giorni dopo.
Le persone finirono in un lager. I libri scomparirono letteralmente nel vuoto. Da allora gli studiosi li cercano invano. L'ultimo di questi cacciatori appunto l'avvocato
Dario Tedeschi, che due giorni fa ha avuto la soddisfazione di riportare a casa un rarissimo libricino rilegato in pergamena, un Pentateuco (i primi cinque libri della Bibbia) del 1680. Si tenuta una piccola cerimonia a Palazzo Chigi con Gianni Letta e il rabbino Riccardo Di Segni. tornato a Roma un frammento della biblioteca, rimasto chiss perch in Germania, a Hungen, dove nel dopoguerra funzionava un Ufficio restituzione beni agli ebrei. E che il Pentateuco sia un residuo di quella lontana razzia, lo testimonia
l'etichetta: Biblioteca del Collegio rabbinico di Roma. Ma delle due che si portarono via i nazisti, quella del Collegio rabbinico era la raccolta pi piccola e meno importante, e ha ripreso il suo posto nel 1947. della seconda biblioteca, quella pi preziosa, quella appartenente alla Comunit, che si sono perse le tracce.
Il guaio che dei settemila libri non rimasto neppure un inventario. Ci sono alcune descrizioni. Un repertorio parziale. Di certi testi unici, si trova traccia in saggi degli Anni Trenta. Il resto del racconto dell'avvocato Tedeschi: Una lettera, scritta subito, l'11 ottobre 1943, dai rappresentanti della Comunit al ministero dell'Interno e al ministero dell'Educazione nazionale per avvertire della rapina che si stava per compiere ai danni del Paese, non sort alcun effetto. I nazisti incaricarono una ditta di trasporti, la "Otto & Rosoni", di riempire due
vagoni ferroviari che erano stati portati lungo i binari della circolare nera fin sotto la Sinagoga. I libri furono asportati. Poi furono i nazisti a piombare i vagoni e a curare il trasporto. Dove, non si sa. Ma questo appunto il rompicapo della commissione.
Noi abbiamo formulato due ipotesi. La prima, che gli americani abbiano versato i volumi ritrovati alle pi diverse istituzioni culturali degli Stati Uniti. Siamo in attesa di una risposta da una biblioteca di New York. La seconda, che la biblioteca fosse finita in qualche deposito secondario tra la Polonia e l'Ucraina, passati poi sotto il controllo sovietico, e che ora i libri siano inqualche scantinato in Russia. Siamo in contatto con la signora Ekaterina Genieva, direttrice della Biblioteca di Letteratura internazionale di Mosca.
L'attenzione del cacciatore verso la Russia non casuale. L l'ha indirizzato un anziano ufficiale, Seymour Pomrenze, colonnello in pensione dell'esercito degli Stati Uniti, che nel 1946 ebbe l'incarico di recuperare i beni razziati dai nazisti. A Offenbach, dove erano concentrate la maggior parte delle prede di guerra, la preziosissima biblioteca della Comunit israelitica di Roma non l'hanno mai vista. Non resta che l'ipotesi sovietica. Dario Tedeschi non si sbilancia, ma ci spera. D'altronde la signora Ekaterina Gemeva di recente ha ritrovato un'altra biblioteca razziata. Perch non questa?



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news