LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO: cantiere d'Egitto
Intervista a Elena Vassilika
la Repubblica, cronaca di Torino, 02 luglio 2005

La nuova direttrice, alla vigilia del suo trasloco a Torino, racconta di mummie, dell ' appartamento che sta cercando, degli amici per le figlie

. Per questo non mi volto indietro pensando a quello che lascio, preferisco guardare avanti Vado via da Hildesheim senza rimpianti, ora penso a Torino. passata per qualche giorno di qui Eleni Vassilika, la signora di origine greca e nazionalit inglese che da prossimo ottobre sar alla guide del Museo Egizio, dopo avere diretto per alcuni anni il Roemerunc Pelizaeiis Museum della citt tedesca. venuta per cercare casa e iscrivere le figlie a scuola, per trovare un luogo dove poter suonare l'amato violoncello. E per prendere confidenza con una citt in cu: verr a vivere.

Eleni Vassilika, quali le prime impressioni su Torino?
Molto buone. La gente per \i strada non ha l'aria infelice come in Germania, i tassisti chiacchierano, nei ristoranti i ragazzi stranieri parlano italiano. C' tolleranza e anche una buona integrazione con chi viene da fuori. Si dice che qui la popolazione sia invecchiata noto invece un buon miscuglio tra giovani e vecchi. Queste le prime impressioni, che forse riguardane anche altre citt italiane. Per Torino, devo dire che mi pare orgogliosa di s, delle sue architetture e de: palazzi, bellissimi. Mi colpisce i numero elevato di cantieri di restauro, non solo per singoli edifici ma anche per intere piazze, messe sottosopra per realizzare parcheggi. Ho saputo che qui ci sono numerosi greci, soprattutto all'universit.

Dove vorrebbe abitare?
Alle mie ragazze Alexia e Theodora, che chiamo le principesse perch portano i nomi di due nobili fanciulle bizantine, ho promesso un palazzo, ma naturalmente uno scherzo. Penso a un appartamento in centro, con una perplessit per: tutti quanti suoniamo in casa, non vorremmo assordare i vicini. Potrei optare allora per una casa pi appartata in collina, anche perch le figlie frequenteranno l'International School di Moncalieri.

Loro come vivono l'idea del trasloco?
Sono elettrizzate, pensano gi allo shopping e ai bei ragazzi italiani... In Germania una delle due ha subito una sorta di shock culturale perch andata a scuola senza sapere una parola di tedesco. Qui sar diverso, l'inglese per loro familiare, l'italiano lo impareranno. Cosa che devo fare anch'io, al pi presto. Parto per la Toscana, seguir un corso a Lucca.
Lei ama le sfide, c' per qualcosa che la preoccupa nel nuovo lavoro?
Guardi, prima di tutto il tempo, il poco tempo che manca alle Olimpiadi e le tante cose da fare per quella scadenza. Spero poi di riuscire a instaurare buoni rapporti con le altre persone che lavorano nel museo, di essere accettata. Credo nel lavoro di gruppo, in un buon management come via per il successo. Non vorrei si pensasse che vengo qui per dare ordini e pretendere di essere ascoltata, desidero piuttosto creare una squadra. Mi sono sempre tirata su le maniche per lavorare, senza problemi. Succeder anche qui. A dire il vero, non ho motivo di preoccuparmi troppo, credo che tutto andr per il meglio.

E che cosa la attira di pi?
L'idea di una nuova collezione. come a Natale, sei contento perch ti trovi di colpo tante cose che prima non c'erano. Quando dirigevo il Fitzwilliam Museum di Cambridge, a un certo punto si dovuto trasferire una splendida collezione di oggetti medievali in un nuovo spazio. bastato questo trasloco per far vedere quei reperti con occhi nuovi, fu una sorpresa incredibile, quasi una rivoluzione. Qui per me subito sar tutto inedito: in seguito, nei limiti del possibile, vorrei cambiare di tanto in tanto gli allestimenti, fare vedere i reperti con occhi diversi. Poi, naturalmente, mi attira l'idea del nuovo, grande museo. Si parlava di sfide: ne esistono a breve, medio e lungo termine. Sul lungo termine ci sar il concorso internazionale, prima tanti stadi intermedi. Mi interessano i lavori per il nuovo percorso museale: ho abbastanza occhio per il design, sia a Cambridge che a Hildesheim, dove non c'erano molti soldi a disposizione, ho dovuto io stessa disegnare dei pezzi per gli allestimenti.

Quali le priorit per il suo lavoro?
Convincere le persone che non solo valga la pena visitare il Museo Egizio, ma anche tornarci. Un buon rapporto tra il museo e il pubblico senz'altro uno degli obiettivi che metter al primo posto.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news