LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rotondi, l'eroe dell'arte: "Cos mio padre sfid Hitler"
Wanda Valli
La Repubblica, 01/07/2005


LA "lista di Rotondi", un lungo elenco. Sono 10.000 beni culturali, messi in salvo, a rischio della vita e sfidando i nazisti, da Pasquale Rotondi, storico d'arte, Sovrintendente delle Marche e, nel dopoguerra, di Genova. A lui arriva l'ordine, di provare a sottrarre alla razzia tedesca una parte del nostro patrimonio culturale, da Piero della Francesca a Tiziano, da Caravaggio al Giorgione. Un ordine che la Repubblica di Sal rinnega. Manon Pasquale Rotondi. Con l'aiuto di un furgoncino, di un fidato autista e del Vaticano, riesce in una straordinaria impresa. Descritta in una serie di diari da cui stato tratto il film "Operazione Salvataggio", girato tra il 1989 e il 1990, poco prima che morisse. Sempre lui, poco tempo fa, stato il protagonista di una puntata, in tv, della serie "La storia siamo noi".
Una delle sue due figlie, Giovanna Rotondi Terminiello, stata a lungo Sovrintendente dei Beni Artistici a Genova. Adesso offre del padre un ritratto molto privato, per alcuni aspetti inedito. A partire dai diari. Pasquale Rotondi, ne fece sette copie con la macchina da scrivere, una per ogni nipote. Infondo aggiunse quelle che defin le "falene autobiografiche", appunti della sua fanciullezza. E una dedica: Ricordate sempre il nonno Pasquale. Lo racconta oggi la figlia Giovanna, l'altra, Paola, la maggiore, vive a Roma. I diari, Pasquale Rotondi, li batte a macchina, quando sa di avere un tumore: glielo trovano a Genova. La malattia non lo spaventa. Alla figlia Giovanna, turbata dal responso dei medici, il professor Rotondi dice: Siamo stati allegri tutta la vita, voglio che lo siamo anche adesso. L'unica cosa certa, per tutti, la morte, adesso so come morir, ammesso che morir cos. Quasi una premonizione, perch, in realt, morir travolto da una moto, due anni pi tardi, nel 1991, mentre andava a occuparsi del restauro della Cappella Sistina, come consulente del Vaticano. Aveva 81 anni.
Professoressa Terminiello, pensa a suo padre e che cosa le | viene alla mente?
La tenerezza. Mio padre era un uomo molto tenero. Vedo lui e la mamma, noi dicevamo che erano come le due met di una mela. Mamma era bellissima, molto elegante, di gran portamento, papa non era molto alto, ma aveva un fascino tutto suo, che colpiva anche le giovani allieve. Eppure rest fedele tutta la vita. E poi c' questo grande amore verso di noi, sempre, in ogni momento
Suo padre uomo pubblico, Sovrintendente delle Marche, poi a Genova, direttore a Roma dell'Istituto nazionale del Restauro, docente universitario, era molto diverso?
Aveva una marcia in pi, non voglio farlo passare per santo, non lo mai stato, ma aveva una profonda cultura e rispetto per l'umanit. E il carisma del maestro con gli allievi. Un maestro che sapeva ascoltare e, anche, al momento giusto, far rilevare il suo ruolo. Era un uomo di fede profonda, mai bigotto.
Condividerlo con cos tanta gente, con i suoi impegni, con gli studi, non vi pesato?
No, perch papa sempre stato presente nella nostra vita familiare. Lui fu uno dei protagonisti del recupero delle opere d'arte, dopo l'alluvione di Firenze, eppure lasci tutto per un giorno per venire alla nascita di mia figlia.

Lei assomiglia a suo padre?
Il sapersi mettere in contatto
con l'umanit tutto di mia sorella, anche lei laureata in storia dell'arte. Paola, coni suoi molti talenti, sottoponeva i suoi scritti al giudizio di papa, io non l'ho mai fatto, li vedeva stampati.

Per, a diventare Sovrintendente stata lei?
E ho deciso, agli inizi, di farmi chiamare con il cognome di mio marito, per essere giudicata per quello che ero e non come figlia di Pasquale Rotondi. Ho aggiunto il
mio cognome da nubile, solo quando capit un piccolo, buffo, episodio. Un amico a Roma, incontrando pap gli disse: sai a Genova c' un nuovo sovrintendente, bravo. E chi ? Terminiello. Allora riunii i due cognomi.
Quante opere d'arte ha salvato suo padre?
Circa 10 mila: 6 mila dipinti e sculture e 4000 beni librari e archivistici.
Voi bambine come vivevate quelle avventure?
Stavamo a Urbino, lo vedevamo rientrare la notte, la mamma non cihamai comunicato ansia, si mostrava tranquilla. Quando pap arrivava, suonava pi volte il campanello e faceva un fischio particolare, la mamma mandava avanti noi ragazze. C'era un momento, stupendo, nella nostra vita di allora. All'alba, a Urbino in guerra, mio padre e mia madre impastavano il pane, grosse forme,
che dovevano durare una settimana. E poi facevano la vita di sempre, con gli amici, con i professori che erano arrivati alla Libera Universit di Urbino. Io giocavo con il professor Aiuti, l'immunologo.
Pasquale Rotondi, nato nel 1909 a Arpino, in provincia di Frosinone, si laurea a Roma con una tesi su Pietro Bernini, entra a far parte di un gruppo di studiosi, la scuola "romana" con Giulio Carlo Argan, suo grande amico, Carlo Ludovico Ragghianti, Cesare Gnudi. Nel 1939 viene nominato sovrintendente della Galleria Nazionale delle Marche, a Urbino. Riceve l'incarico di organizzare rifugi per proteggere il Tesoro della Basilica e dell'Accademia di Venezia, la collezione di Brera e di tutti i capolavori del palazzo Ducale di Urbino. Si trova per le mani opere di Raffaello, Piero della Francesca, Tiziano, Caravaggio, Giorgione. Prima le nasconde nella rocca di Sassocorvaro e nella villa dei principi di Carpegna a Carpegna, poi, quando la Repubblica di Sal ordina di consegnare tutto ai nazisti, lui disobbedisce. Si mette d'accordo con il Sovrintendente di Roma, riesce a far ospitare in Vaticano non solo il patrimonio pontificio, ma tutto il resto. Incominciala su impresa fatta di viaggi tra Urbino e Roma, cercando e riuscendo a ingannare i tedeschi.
La storia della "Tempesta" del Giorgione, nascosta sotto il letto?
A Carpegna, mio padre salv i dipinti togliendo le etichette alle casse e mostrando ai nazisti solo una cassa piena di spartiti di Rossini. Poi corse a Sassocorvaro e prese i quadri pi piccoli per trasferirli al palazzo ducale di Urbino. Mia madre, quella notte, aspett la sua auto fuori Urbino per avvertirlo che i tedeschi stavano facendo perquisizioni. Noi eravamo in villeggiatura, poco distante, a Villa Tortorina, papa decise di mettere tutto a casa, per aspettare i due o tre giorni necessari per far andar via i tedeschi. Nascose il Giorgione sotto il letto. Noi bambine non sapevamo nulla, ci stupimmo solo che mamma si fosse ammalata all'improvviso e non lasciasse mai la camera da letto. Per lei e papa fu un momento anche di gioia, il poter guardare, tenere tra le mani, quel capolavoro.
Dopo la guerra, nel 1949, Pasquale Rotondi si trasferisce a Genova, insegna al magistero e al Vittorino da Feltre, all'Arecco.
Una vita del tutto diversa, quella genovese?
S, a incominciare dai soldi. A Genova era tutto pi caro, riprese ainsegnare anchemamma. Tragli allievi di papa nei licei c'erano Titti Oliva, Stefano Zara, e Beppe Pe-ricu. Non avevamo soldi per andare al cinema, papa ci portava in porto a veder partire le navi. E Genova, prima del film, dedic a lui i giardini di Santa Maria in Passione
Pasquale Rotondi e Giulio Carlo Argan, un'amicizia lunga una vita?
Per papa l'amicizia era sacra. Nell'agenda che c' in ogni casa, spesso vicino al telefono, all'inizio di ogni anno, scriveva ogni circostanza della famiglia o degli amici, da ricordare. Argan fu quasi commovente, quando pap mor. Sull'agenda, mio padre aveva segnato di fargli gli auguri il 31 dicembre, perch Argan era laico, e di ripeterli per il nuovo anno, il 1 gennaio. Papa era in coma quel giorno, io, dopo molte esitazioni, telefonai a Argan. Si mise a piangere, non era un fatto comune. E il 2 gennaio, quando mio padre mor, mi disse: " morta la persona pi buona incontrata nella mia vita"



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news