LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cemento sul mare, Sicilia da record
Enrico Bellavia
La Repubblica, 01/07/2005, ed. Palermo

Maglia nera dal rapporto annuale di Legambiente: nel mirino le opere a due passi dallo Zingaro e dalle Saline di Trapani

Dossier di Legambiente: nell'Isola record di abusi sulle coste
la Repubblica
Cresce l'abusivismo sulle coste della Sicilia, che fra ecomostri e scarichi inquinanti conquista l'ennesimo primato nella classifica dello scempio. A stilare il rapporto è Legambiente con il dossier "Mare monstrum". DaU'illegalità non si salvano né isole né aree marine protette. Le costruzioni fuori legge accertate sono 696, il 19 per cento in più rispetto al 2003. Nell'elenco degli abusi censiti la ristrutturazione sospetta del rustico del ministro La Loggia e le 26 ville di una lottizzazione abusiva a due passi dalla riserva dello Zingaro, ma anche le costruzioni nelle Eolie e le 800 case non sanabili di Triscina. Maglia nera all'Autorità portuale di Trapani per le opere a ridosso delle Saline, autorizzate in vista della Coppa America. L'assessore al Territorio Cascio si difende: «Con i rilievi aerofotogrammetrici sarà impossibile sfuggire ai controlli».


ABUSI e orrori sulle coste, colate di cemento, scarichi senza controllo. La Sicilia accresce gli scempi al ritmo del 19 per cento in più all'anno e riconferma il proprio primato nella triste classifica dell'aggressione al mare, stilata annualmente da Legambiente. Il dossier "Mare mon-strum" racconta per cifre e storie il massacro sistematico del litorale.
Entrano nella graduatoria delle illegalità il rustico riadattato del ministro Enrico La Loggia vicino alla riserva dello Zingaro e le 23 ville in verde agricolo realizzate con una lottizzazione abusiva a Castellammare del Golfo. E ancora le 27 ville totalmente abusive tirate su a Scicli. L'aggressione si estende alle aree marine protette: da Ustica a Favignana, fino a Lampedusa. Si moltiplica nei territori delle isole dove la speculazione conosce una stagione mai così florida. Tre fabbricati sono stati messi sotto sequestro a Vulcano, a Lipari è stato bloccato un albergo e inibito l'uso di un garage costruito al di fuori dell'autorizzazione edilizia.
Vizi privati e non solo. Legambiente dedica un intero capitolo ai rischi del ponte sullo Stretto, valutandone l'impatto ambientale e segnalando l'assenza di una analisi di rischio sismico sul lungo
periodo. Assegna una delle 12 bandiere nere dispensate per l'Italia all'autorità portuale di Trapani per il via libera alle opere in programma per la coppa America nella zona di protezione speciale delle Saline. «Opere lontane dagli scopi della manifestazione», spiegano il presidente e il segretario regionale di Legambiente, Mimmo Fontana e Giuseppe Messina.
Nell'elenco complessivo delle malefatte ambientali l'Isola ne conta 3783 con 1485 sequestri e 861 arresti. L'incremento rispetto al 2003 è di oltre il 16 e mezzo per cento. I danni vanno dall'inquinamento, all'edificazione selvaggia fino alla pesca di frodo. La Puglia che pure è seconda per infrazioni ha però il doppio di denunce e arresti e 500 sequestri in più.
L'abusivismo edilizio sul demanio fa registrare 696 casi accertati, il 19 percento in più. Crescono del 120 per cento i sequestri: 253. Cinquecentosettanta-sei le denunce e gli arresti. Numeri da primato assoluto anche tra le regioni meridionali che da sole fanno il 61 per cento degli abusi dell'intero Paese. Numeri cui fanno da contrappeso una impennata dei controlli e delle demolizioni. Che il dossier segnala e ascrive a merito, per esempio, della Capitaneria di porto di Palermo ricordando l'abbattimento di ristoranti e magazzini tra Vergine Maria e Sant'Erasmo e il parziale recupero della costa a Carini.
__________________________
I vecchi scempi si trascinano contenziosi irrisolti nonostante il timido avvio delle demolizioni: per le 700 case della Valle dei Templi non si è provveduto agli espropri e per le ville di Pizzo Sella Legambiente segnala il tentativo di trasformare la zona da agricola in edificabile per aggirare la sentenza che obbliga a demolire.
A Triscina, ai piedi delle rovine di Selinunte, su 5 mila case fuorilegge, 800 non sono condonabili. Ma qui neanche un rumore lontano di ruspe. Così come a capo Rossello, per le case degli ex assessori del comune di Realmonte e per l'albergo abusivo in cima alla Baia dei Turchi o per le 400 case ancora in piedi delle 500 sorte a due passi dall'oasi del Simeto.
Se l'analisi di Legambiente segnala a livello nazionale cinque illeciti ogni due chilometri di coste, la Sicilia ne ha uno ogni due e mezzo, a fronte però di uno sviluppo del litorale di 1500 chilometri, 300 in meno della Sardegna che di infrazioni ne registra meno di mezza ogni chilometro.
Nonostante gli scarichi inquinanti, per i quali la regione conquista ancora il primo posto, e la ridotta capacità di depurazione [inchiodata a Palermo al 21 per cento) lo stato di salute del mare siciliano è ancora buono.
Tuttavia, 27 dei 79 chilometri di costa non balneabili per inquinamento sono nel capoluo-go. E nel dossier è segnalata come monito la storia del mercurio versato nelle fogne del petrolchimico di Priolo, la situazione di Gela e la vicenda Bertolino. Per quest'ultima, Legambiente si intesta il merito del blocco agli impianti, tributa un riconoscimento agli sforzi del funzionario regionale Gioacchino Genchi e denuncia le «protezioni dentro l'amministrazione» di cui ha goduto l'azienda.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news