LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Istanbul, furto al museo Topkapi
Marco Ansaldo
La Repubblica, 01/07/2005

Trafugati nove oggetti preziosi, tra cui un sigillo a forma di uovo di struzzo, ma i ladri hanno lasciato tracce
"Calati dal tetto come nel film"


EANDATO tutto come nel film. Tranne il finale. Perch, almeno nella realt, i ladri finora l'hanno fatta franca. Il Topkapi, uno dei musei pi prestigiosi al mondo, stato violato tre sere fa a Istanbul da una banda di cacciatori di preziosi, che hanno svuotato la sala del tesoro. Nove gli oggetti rubati, tra cui il sigillo di un sultano, un monogramma, un paravento intarsiato in madreperla. Peter Ustinov ne sarebbe stato fiero.
Come nel film (interpretato anche da Melina Mercouri) secondo quanto ha scritto ieri mattina dando la notizia "Ak-am", combattivo quotidiano di centro destra con il favore delle tenebre i ladri si sono aperti la strada camminando sui tetti del palazzo che dominala citt sui due continenti. Qui di giorno si spalanca il panorama pi bello della iurcma, con i ponti sul Bosforo, la Moschea Blu, l'ex Basilica di Santa Sofia, la piazza di Sultanahmet attraversata dal richiamo del muezzin. Ma l'altra sera i trafugatori hanno potuto lavorare indisturbati, nella quiete che cala ogni notte fra l'harem e il serraglio, una volta chiusi i cancelli e fatti uscire gli ultimi turisti, ogni anno pi di un milione.
Scesi nel padiglione centrale, i soliti ignoti hanno disattivato i sistemi di sicurezza e sono riusciti a impossessarsi di un bottino di primordine: il sigillo a forma di uovo di struzzo, impreziosito da smalti, foglie d'oro e diamanti disegnato dal sultano ottomano Mahmud II (1808-1839), il monogramma del sultano Abdulhamitl che regn dal 1774 al 1789, e un paravento di legno con intarsi in madre-perla.
Il grande complesso del Topkapi, ricco di giardini lussureggianti, piante secolari, fauna rara e un eccellente ristorante piazzato in posizione strategica fra Europa e Asia, giace proprio sulla punta del Corno d'Oro. Per quattro secoli, durante il dominio dell'Impero ottomano, stato la residenza dei sultani, ingrandendosi con il passare del tempo e assumendole sembianze diuna citt verae propria, con al suo interno vie e piazze dove si svolgeva la vita ufficiale e di rappresentanza della Sublime Porta. L'harem, oggi meta di lunghe code di vistatori, posto in una parte allora impedita agli sguardi e lontana dal sole. Nel 1924 l'intera struttura fu trasformata in museo daAtaturk, il fondatore della Turchia moderna.
Meraviglia unica al mondo, molte volte i ladri hanno tentato di appropriarsi dei tesori del palazzo. Perch il Topkapi, con i gioielli del tesoro conservati, sempre stato un obiettivo privilegiato di malviventi e di intenditori. Tant' che libri e cinema vi hanno fantasiosamente ambientato decine di rocambolesche vicende criminali.
I ladri hanno lasciato molte tracce ha detto ieri ammettendo il clamoroso furto il direttore del museo Ilber Ortayli, uno pi noti e seri storici turchi l'inchiesta della polizia ancora in corso. Una tesi che sembra far ben sperare nel rientro in possesso del materiale trafugato.
Avviene infatti cos, nella celebre pellicola di Jules Dassin (1964). Una storia ispirata al romanzo di uno scrittore specializzato in trame romanzesche abilmente costruite in Grecia e Turchia, come Eric Ambler. Nel film i trafugatori, raggiunta la cupola della sala, si calano daun
lucernario della volta e riescono a rubare il famoso pugnale con il manico di smeraldo. Il canovaccio dell'opera pare per l'appunto costituire il copione su cui, l'altra notte, i ladri veri hanno portato a termine il loro colpo.
Ma Ustinov e soci alla fine commettono un errore fatale.
Non per forza detto che, questa volta, nella trama che vede il Topkapi come eterno soggetto, la realt ricopi fino in fondo la fantasia.


Un milione di visitatori l'anno tra i tesori le reliquie di Maometto
IL PALAZZO di Topkapi, sulla riva europea di Istanbul, ha ospitato per quattro secoli tutti i sultani ottomani fino al regno di Abdulmecid 1(1839-1860). Contiene tesori di inestimabile valore: i doni che gli ambasciatori dell'impero portavano al sultano, gioielli e gemme di rara bellezza e alcune di grandezza eccezionale, armi preziosamente istoriate, tessuti e ceramiche. Al suo interno anche alcune reliquie del profeta Maometto, tra cui la sua spada e un ciocca dei suoi capelli, nonch alcune tra le prime edizioni miniate del I Corano. L'edificio visitato da oltre un milione di persone all'anno.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news