LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ritrovati i tre quadri di De Nittis rubati
Giovanni Cosmo
Roma, 1/7/2005

Napoli. Non era un furto su commissione: lo avevano confermato gli investigatori ma anche il sovrintendente ai Beni Museali di Napoli Nicola Spinosa. I tre dipinti del pittore ottocentesco Giuseppe De Nittis erano stati trafugati da volgari ladri attirati dal camion fermo nel parcheggio dell'hotel "Domitiana" di viale Kennedy, nel quartiere di Fuorigrotta. I malviventi avevano aperto il cassone del camion ed avevano portato via le prime cose che erano capitate loro sotto mano. La conferma arrivata ieri, quando i carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale hanno ritrovato i tre dipinti, intatti. Non ancora chiaro se i responsabili del furto siano stati identificati e arrestati ma l'operazione stata portata a termine in modo rapido e brillante dai militari dell'Arma, che hanno immediatamente comunicato la notizia al sovrintendente Spinosa, il quale, per non ha confermato, anche se con molta gioia ha girato la lieta notizia ai suoi collaboratori raccomandando loro di non farne parola con nessuno.
Nei prossimi giorni, quindi, "II caff", "Passaggio degli Appennini" e "Casale dei dintorni di Napoli", assicurati per un milione e 700mila euro, ritorneranno al loro posto nel Museo di Capodimonte, da dove erano usciti per essere esposti in due mostre a Roma e a Milano. E proprio da Milano, dalla Fondazione Marzotta, le opere rubate, assieme ad una quarta,
di piccole misure, che non era stata trafugata, provenivano. Erano trasportati a bordo di un camion della societ milanese "York Fine Trasporti", secondo i prescritti standard di sicurezza secondo la polizia e il sovrintendente Spinosa. Una leggerezza pagata cara con il furto delle tre opere d'arte. Come era stato accertato dagli investigatori, i "topi" di opere d'arte avevano tralasciato di trafugare altri dipinti di diversi autori attesi in altre gallerie e musei italiani nazionali. Un colpo non studiato ma piuttosto fortunoso. Quando i malfattori erano entrati in azione era scattato l'allarme satellitare. Erano le 5,20 di venerd 24 giugno, ora in cui dalla ditta milanese era stata fatta una telefonata ai due dipendenti che non avevano affatto sentito l'allarme in quanto dormivano. Circostanza favorevole che aveva consentito ai ladri di portare via i tre quadri, di cui uno di grandi dimensioni. Dal furto alla sua scoperta sono trascorse meno di due ore: tempo servito alla gang di allontanarsi e fare perdere le tracce. Ma una volta letto sui giornali e una volta scattate le indagini i ladruncoli si sono sentiti braccati e questo ha dato l'opportunit alle forze dell'ordine di stringere il cerchio delle ricerche e di recuperare le tre opere. Dopo le formalit di rito le opere saranno restituite al pubblico.



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news