LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Certosa di Padula. Dalla palude al paradiso.
Alfredo Tradico
Famiglia Cristiana 3/7/2005

Chi arriva alla Certosa di Padula percorrendo l'autostrada Salerno-Reggio Calabria, a mezza costa, sul fianco destro della verdissima valle percorsa dal fiume Tanagro, davanti ai monti della Maddalena, pu avere l'impressione di entrare in una dimensione fuori dal tempo. Complice l'aria frizzante, il colore intenso del cielo, e la sensazione tutta letteraria che si prova, superando Eboli, di avere varcato le colonne d'Ercole dell'Italia descritta da Carlo Levi nel suo capolavoro: Cristo si davvero fermato a Eboli, dove la strada e il treno abbandonano la costa di Salerno e il mare, e si addentrano nelle desolate terre di Lucania.
Ma tutto ci non vero. Oggi non pi cos. Si sta scavando per aggiungere la seconda corsia alla terribile Salerno-Reggio Calabria; e un viadotto gi pronto collegher presto Battipaglia alle splendide coste di Marina di Camerata e Palinuro, gioielli di un mare a cinque stelle su cui si affaccia il parco nazionale del Cilento. A pochi chilometri dalle sue coste, orinai facilmente raggiungibile in auto, si apre dunque l'antico e suggestivo Vallo di Diano (uscita Padula-Buonabitacolo), dove la Certosa ci appare adagiata nel fondovalle, come una signora che si appena risvegliata da un lungo sonno, come una citt che emerge dal fondo di un lago (nel pleistocene qui c'era davvero un lago glaciale).
La Certosa di Padula (in dialetto padla significa proprio palude) fu fondata nel 1307 da Sanseverino, conte di Marsico, perch i certosini bonificassero l'antico e paludoso Vallo di Diano, coltivando e amministrando le terre intorno per conto degli Angioini, suoi protettori. Questa splendida reggia dello spirito fior dunque, anche per motivi politici, dal Trecento al Settecento, estendendo i suoi domni fino al golfo di Taranto.
Patrimonio dell'umanit
Finch nel 1807 fu invasa e depredata dalle truppe napoleoniche e tutte le sue opere d'arte sparirono per sempre; nel 1866, poi, i certosini (accusati di essere filoborbonici) vennero soppressi e dovettero rifugiarsi a Serra San Bruno, in Calabria. La certosa di Padula, confiscata dallo Stato, fu dichiarata patrimonio nazionale nel 1888; da allora conobbe abbandono e degrado: rifugio occasionale di uomini e ammali, lazzaretto, carcere, caserma, ospedale, campo di concentramento, orfanotrofio.
Finch i restauri del 1982 le hanno restituito gran parte dell'antico splendore; e l'Unesco, nel 1998, l'ha dichiarata Patrimonio dell'umanit.
Ma una Certosa senza certosini un po' come un'alveare senza api. Occorre dunque uno scatto di fantasia, entrando nel primo grande cortile dei conversi, per immaginare il chiasso e la confusione operosa che accompagnavano le varie attivit che fervevano in quegli spazi: gli scambi tra abitanti del luogo e conversi (zappe e sementi in cambio di uova e verdura), le elemosine concesse ai pi poveri. Nella spezieria si potevano trovare le preziose erbe medicinali che i monaci coltivavano nei loro orti.
L'anima e le ricchezze
Potentissirna la Certosa, e potenti erano i certosini che dobbiamo ora immaginare pensosi e indaffarati, nei chiostri o nelle loro celle. Spesso erano secondogeniti di nobili famiglie che portavano nel monastero, insieme con l'anima, ingenti ricchezze, rendendo questo luogo una vera e propria reggia dello spirito, dove lavoravano i migliori artisti, sposando silenzio e aristocratica bellezza. Tanto che la Certosa di Padula veniva anche chiamata dalla gente del posto "la Duchessa" o "la Contessa".
Visitare la Certosa significa immergersi in una specie di "citt proibita" estesa su un'area di 50.000 metri quadrati (due chilometri di perimetro), divisa in citt bassa (quella dei conversi, dei pellegrini, dei braccianti e degli artigiani) e citt alta, dove i monaci vivevano la Regola di san Brunone, loro fondatore, lontani dalle cure materiali, alternando studio, preghiera e lavoro. Lasciato l'immaginario mercato esterno, gli spazi interni della Certosa ci vengono incontro: chiostri, cappelle, luoghi di rappresentanza, di lavoro e preghiera; ma anche di governo e amministrazione della giustizia, spazi che rispondevano tutti a funzionalit ben precise come il chiostro degli ospiti o dei procuratori.
Vista dall'alto, in un incrocio di linee ortogonali, la pianta della Certosa riproduce il disegno della graticola su cui fu martirizzato san Lorenzo; questa del resto era la tipologia che si ripeteva; dalla Grand Chartreuse francese (fondata da san Brunone), madre di tutte le certose, alle italianissime Serra San Bruno in Calabria, Trisulti presso Fresinone, San Martino a Napoli, San Giacomo a Capri.
I monaci e i conversi
La splendida claustrale chiesa a una navata divisa in due dalla grata: di qua 24 stalli per i conversi, di l 36 per i monaci; gli intarsi lignei sono del '500, le volte affrescate e ornate di stucchi e il pavimento a maioliche del '700 napoletano. L'altare, a intarsi bianchi e neri di scagliola (arte povera ma raffinatissi-ma), evoca disegni di uccelli paradisiaci, putti e fiori di cangianti colori, fronde viola e madrcperla da cui nasce il monogramma CAR di Cartusia: Certosa.
Tutto qui ci parla delle proverbiali doti certosine: il silenzio dei grandi spazi scanditi dalla sobria architettura, la pazienza e la laboriosit che c' in ogni particolare. La pazienza certosina e il culto del bello si vedono non solo nelle opere d'arte, ma anche nella cura per gli orti e i giardini, dove si coltivavano essenze e fiori rari e dove cinguettano ancora oggi - ci assicura il custode - uccelli altrettanto rari, molto simili a quelli riprodotti a intarsio sugli altari. Cos, esterno e interno, arte e natura si completano, evocando per noi una sorta di paradiso ritrovato. Oggi il restauro e la cura degli spazi esterni e interni continuano e, sull'esempio dei certosini, dimostrano che ancora possibile trasformare la palude in un giardino.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news