LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Con 30 mln il premio da Rei (registro dell'eredit immateriale)
Andrea Naselli
MF Sicilia 30/6/2005

Se c' qualcuno che pensa che l'istituzione del Rei, il registro dell'eredit immateriale, annunciato nei giorni scorsi dall'assessore regionale ai beni culturali, Alessandro Pagano, sia soltanto una questione che interessa soprattutto gli etno-antropologi si sbaglia di grosso. Su questa mutazione di paradigma dell'intervento della regione nei vari territori attraverso l'istituzione di cinque libri per la valorizzazione dei saperi, delle celebrazioni, delle espressioni, dei luoghi e del patrimonio umano vivente, si imposteranno con ogni probabilit pezzi importanti della pianificazione strategica del Por Sicilia 2007-2013 per le produzioni tipiche, per il turismo e i beni culturali.
E gi qualcosa dalla nebulosa dell'enfasi culturale e dell'entusiasmo per il nuovo approccio comincia a filtrare. E non si tratta solo di parole ma di soldini. Sul tavolo si trovano i circa 30 milioni di euro della premialit dei beni culturali. Fondi cospicui che, secondo alcune indiscrezioni, potrebbero essere ripartiti attraverso questa riscrittura del Dna dei beni culturali dell'isola. probabile che la nuova strategia di Pagano passi proprio da questa riformulazione del concetto stesso di bene culturale. Nei prossimi giorni, probabilmente venerd prossimo, uscir il decreto istitutivo del Rei e dei cinque libri che racchiudono una prima mappatura dei beni immateriali della regione. Un primo passo nel quale sono stati individuati 45 beni, cinque per ogni provincia e di questi uno per ogni area. Sempre per i prossimi giorni potrebbe essere formata la commissione regionale che avr il compito di includere i beni immateriali nei rispettivi libri e successivamente esaminare altre richieste rispetto a quelle di partenza. Perch una cosa certa, dopo un primo momento di disorientamento rispetto a questo nuovo approccio le amministrazioni locali faranno a gara per iscrivere nel Rei ogni sorta di bene immateriale. Secondo questa impostazione voluta dall'Unesco, dice Beppe De Santis progettista di Medea che per conto dell'assessorato ha curato il progetto, una millenaria ricetta di cucina di un territorio un bene culturale al pari di un tempio. E la capacit degli attori di quel territorio dovr far s che su questo bene immateriale si innestino dei processi produttivi legati al manifatturiero e al turismo.
Il decreto con il quale si istituisce il Rei della regione siciliana stabilisce che, oltre ai cinque libri di partenza, altri ne potranno essere aperti per attivit che costituiscono patrimonio immateriale siciliano e che trovano classificazione nelle cinque aree create con il decreto.
Potranno fare richiesta di iscrizione in un'attivit del Rei, i soggetti pubblici o privati senza scopo di lucro, i potenziali candidati all'iscrizione nel Libro del Patrimonio umano vivente e i membri dell'apposita commissione in fase di costituzione. La richiesta di iscrizione, dopo essere stata accolta dall'assessorato, verr istruita dalla commissione che, nel caso di parere positivo, passa l'esito all'assessore per il relativo provvedimento. Da sottolineare che entro 90 giorni dall'entrata in vigore del decreto, l'assessorato beni culturali stabilir gli obiettivi e le linee di attuazione del Programma regionale del patrimonio immateriale della regione siciliana. Al Rei potranno accedere sia singoli individui che detengono particolari conoscenze e abilit sia intere collettivit sia gruppi di persone. Tra gli indirizzi del Programma, che dovr essere articolato entro 90 giorni, si trovano diversi obiettivi come, per esempio, quelli legati alla preservazione e promozione di minoranze linguistiche e diversit culturali, alle reti tra enti pubblici, alla internazionalizzazione del patrimonio immateriale, attivit di ricerca e documentazione, festival ed eventi artistici e culturali, collegamento con le scuole per l'inserimento di nuovi elementi localistici di insegnamento, riconoscimento formale delle minoranze linguistiche, creazione di reti di comunit che parlano la stessa lingua, realizzazione di manuali relativi alle minoranze linguistiche.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news