LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tornano "Le notti dell'archeologia"
Claudia Renzi
Giornale della Toscana, 28/06/2005

Metti insieme le parole "kouros" "gratuito" "al tramonto", aggiungi come testimonial l'archeologa dello Zelig che decifra la fantomatica lingua tuscolana (ossia Alessandro Fullin) e otterrai «Le notti dell'archeologia». Giunta al quinto anno di vita, e presentata ieri dalla soprintendente Carlotta Cianferoni e dall'assessore regionale Mariella Zoppi, interrogate pubblicamente all'Archeologica di Firenze dalla succitata prof, la settimana di aperture straordinarie di musei e siti archeologici si affaccia alla nuova edizione con tutta l'intenzione di capitalizzare il successo dello scorso anno: 30mila visitatori contro i 7.500 di quattro anni fa. Le strutture interessate alla manifestazione oggi sono salite a 109 - equivalenti al 30% dei comuni toscani - per un totale di 400 iniziative, incluse 14 mostre, numerose degustazioni, spettacoli e laboratori per bambini. Quest'anno sarà dal 3 al 10 luglio a tema «Sapori dell'Etruria». E ce già chi si deve porre la questione delle proroghe, come il comune di Firenze, che ha esaurito in mezz'ora le prenotazioni alle visite degli scavi romani e medievali di Palazzo Vecchio (info tel.055-2625955). Ciascun programma per siti e musei sparsi sul territorio varia giorno e notte secondo la disponibilità di soprintendenze archeologiche, enti locali e associazione archeologica toscana, ma vale ad ogni modo per tutti l'apertura notturna di sabato 9 fino alla mezzanotte (informazione complete su Archeologiatoscana.it). Sondando le proposte, partiamo da quella più temeraria. Quindi dall'itinerario subacqueo alla scoperta dei resti dell'antica città di Cosa, l'odierna Ansedonia, con ritrovo a Tagliata (il 9 e il 10, tel. 0564-860447). Non fanno eccezione il trekking a Villa Ossia a Cortona (tel. 0575-637252) e l'escursione notturna a Cavriglia (tel. 055-967544), per dirne due. Mentre ci si sollazza con un menù antico romano a lume di lanterna nel Museo delle Miniere Montecatini Val di Cecina (tel. 0588-31026). Ancora zaino in spalla per la visita alla Grotta Lattaia e alla Tomba La Ghianda a Cetona (tel. 0578-237632) e agli scavi in corso della città etruisca di Gonfienti a Prato (tel. 0574-615025). Il posto a sedere è invece garantito a Cortona in occasione della lettura dei Dialoghi con Leucò della grande Galatea Ranzi (tel. 0575-637252). Di notevole interesse per i maniaci della materia, la prima apertura pubblica della tomba a tholos del tumulo di Montefortini a Carmignano (tei. 055-8750232), la visita alla tomba Cavaceppi di Pitigliano (tel. 0574-614074) e alla Tomba della quadriga infernale a Sarteano (tel. 0578-269261). Giornata in onore del Sommo Poeta a Firenze con l'inaugurazione della Casa di Dante nel suo allestimento tutto rinnovato e con il conferimento del Fiorino d'Oro a Vittorio Sermonti che sarà presente in entrambe le occasioni. Dopo i restauri inaugurati pochi mesi fa, ora è la volta dell'allestimento vero e proprio che significa la riapertura del museo della Casa di Dante dopo circa tre anni di chiusura. Nella nuova sistemazione trovano spazio, sia le opere che ricordano le vicende legate alla politica e l'esilio dell'autore della Divina Commedia, sia immagini, plastici e ricostruzioni della Firenze vissuta da Dante. All'inaugurazione (ore 12) interverrà dunque anche il dantista Vittorio Sermonti che alle ore 17 riceverà il Fiorino d'Oro della città di Firenze da parte del sindaco Leonardo Domenici nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Il Fiorino viene conferito a Sermonti proprio per la sua opera intellettuale di commentatore e divulgatore di Dante che, con le sue letture dantesche nel Cenacolo di Santa Croce, ha appassionato migliaia di persone. Autore culto o grande bluff, il vecchio Charles Bukowski fa sempre presa. Forse perché tra sbronze, libido da galera e attacchi all'altrui narrativa, ha sentenziato per la gioia di centinaia di onanisti mentali «scrivere poesie non è difficile, è difficile viverle». Un energico Alessandro Haber lo propone stasera al Castello dell'Acciaiolo di Scandicci nell'ambito di Open City Due (alle 21.30). Ma Bukoskianamente Haber, questo il titolo del reading, mette in gioco anche pagine di Pasolini, Garcia Lorca e Neruda. Si parlerà quindi d'amore e solitudine, lavori saltuari e poca voglia di svoltare, pensieri sull'orlo di un boccale di birra e abbuffate di musica, fedele compagna di viaggio. Sul palco l'attore è affiancato da Andrea Aulli al pianoforte e da Silvio Angiolucci al contrabbasso. Una piccola parentesi di note e parole sotto le stelle in compagnia di un grande interprete della scena italiana, che spunta in zona con un monologo intimo e conviviale dopo il successo a Siracusa dei solenni cori dei Sette contro Tebe di Eschilo.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news