LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pomice, si insegue l'accordo
Mario Di Paola
Gazzetta del Sud – Messina, 28/06/2005

LIPARI - Ora a chiedere l'intervento del prefetto sono proprio tutti: sindacati, comune di Lipari e Assindustria. Il direttore dell'Associazione degli industriali Giovanni Grasso, in una nota, ha fatto presente al prefetto Scammacca che «approssimandosi la data del 30 giugno, in cui scadrà l'autorizzazione alla coltivazione delle cave di pomice fornita a seguito dell'incontro in Prefettura dello scorso aprile, si riproporranno le condizioni di emergenza, tenuto conto che il tavolo insediato presso l'assessorato all'Industria non ha prodotto in maniera completa l'esito sperato».
Il dott. Scammaca nelle prossime ore verosimilmente contatterà l'assessore all'Industria, Antonio d'Aquino, per concordare un ulteriore incontro. Se non dovessero verificarsi nelle prossime ore fatti nuovi, la Pumex potrebbe infatti interrompere ogni attività, mandando a casa una sessantina di addetti, proprio quel personale che dovrebbe essere progressivamente impiegato nel piano di bonifica e riconversione delle aree pomicifere voluto dall'Unesco.
Il tavolo ristretto regionale ha sin qui assemblato solo documenti ed entro giovedì bisognerà stabilire il da farsi. I tempi non saranno certo brevi se dai progetti di massima si dovrà passare a quelli esecutivi, individuando le fonti di finanziamento e inserendoli negli strumenti urbanistici vigenti (e il Prg solo in questi giorni è all'attenzione del Consiglio), anche perché l'Unesco ha richiesto esplicitamente un documento in merito entro il 17 luglio.
Cosa potrebbe dunque accadere giovedì 30? Lo abbiamo chiesto al dott. Angelo Merenda, direttore generale della Pumex, titolare della concessione per la coltivazione delle cave pomicifere.
«Il 30 prossimo - ci ha risposto - scadrà la proroga temporanea concessa dal Distretto minerario di Catania, grazie alla mediazione del signor prefetto. Tale proroga aveva il fine di convenire su un progetto di massima che prevedesse nel lungo termine, ripeto nel lungo termine, la totale riconversione delle attuali attività industriali in attività turistico-alberghiere. La nostra società ha presentato una propria proposta-progetto che prevede la progressiva riconversione e riqualificazione degli opifici dismessi e dell'area di cava, sino alla chiusura delle cave di pomice. Il Comune di Lipari ha presentato una proposta che prevede invece l'immediato blocco delle attività estrattive al 30 giugno, l'avvio della riqualificazione e solo dopo la fine del 2008 l'attività di riconversione. Al momento le due i-potesi sono all'attenzione dell'assessorato Industria di Palermo».
- Ritenete che vi sia la possibilità di deroga a quanto richiesto dall'Unesco?
«Nessuna deroga riteniamo sia necessaria, in quanto l'esigenza dell'Unesco è quella della regolamentazione del territorio; nello specifico per quanto riguarda le attività pomicifere. Così come indicato anche dal ministero dei Beni Culturali, si richiede la chiusura "nel lungo termine" solo dopo la riconversione in attività turistico-ricettive e di servizi al turismo. La proposta della Pumex Spa, con pari riguardo alla tutela degli attuali posti di lavoro, è perfettamente coerente con quanto richiesto».
- Secondo lei, c'è ancora una possibilità di dialogo, d'incontro fra Comune ed Azienda?
«La proposta presentata dalla società è una proposta-progetto di massima che, rispettando quanto richiesto dall'Unesco, mantiene gli attuali livelli di occupazione. Parimenti la proposta del Comune contiene degli aspetti condivisibili. Riteniamo che vi siano ampi spazi per il conseguimento di una proposta unica che possa garantire le esigenze prioritarie della Comunità eoliana».
- Per tre mesi però c'è stato un dialogo tra sordi. Lei crede veramente che ci siano margini di mediazione?
«Già la settimana scorsa è stata richiesta al prefetto una urgente convocazione. Le proposte sono attualmente all'attenzione dell'assessore all'Industria, d'Aquino, e del suo staff tecnico. Siamo in attesa di conoscerne l'opinione e le relative indicazioni».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news