LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Sardegna) L'arte finisce in rosso: musei sempre più deserti
Francesco Pinna
L'UNIONE SARDA, 26 giugno 2005


La situazione in Sardegna emerge dall'indagine del Ministero dei Beni culturali. Cinquantamila visitatori in meno nel giro di un anno mentre cresce il numero di ingressi nei siti religiosi

Cinquantamila visitatori in meno nel giro di un anno e un crollo del 17 per cento degli incassi legati ai biglietti staccati. I musei sardi e le aree archeologiche a pagamento si stanno svuotando mentre si registra un incremento degli ingressi nei siti gratuiti a carattere religioso: qui, ogni anno, si contano diecimila visitatori in più. Se la situazione è meno preoccupante per quanto riguarda la provincia di Cagliari (dove si registra anche qualche incremento del numero di biglietti staccati), è invece preoccupante il calo nei siti del Sassarese dove viene segnalata una pesante emorragia d'ingressi. Allarme rosso al museo garibaldino di Caprera che negli ultimi anni ha contato oltre 30 mila visitatori in meno (emorragia dovuta anche alle difficoltà di raggiungere il sito visto che l'accesso alla strada è vietato alle auto ed è possibile solo a bordo del pullmino).
DATI SCONFORTANTI. Numeri in caduta libera: sono stati quasi cinquantamila i visitatori che hanno disertato i musei isolani negli ultimi anni. Dai 320.169 del 2002 si è passati ai 277.975 dell'anno successivo con una flessione che, a conti fatti, ha superato il 13,18 per cento. I paganti sono passati da 114.561 a 92.803, mentre i non paganti da 205.608 sono finiti a 185.172. Un'emorragia pesante per gli istituti culturali che hanno perso quasi 45 mila euro di introiti derivati dalla vendita dei biglietti (meno 17,25 per cento). Gli oltre 257.824 euro incassati nel 2002 sono diventati 213.340 nel 2003. È quanto emerge dalla radiografia annuale effettuata dal Dipartimento per la ricerca, l'innovazione tecnologica e l'organizzazione del Ministero per i Beni e le Attività culturali che prende in esame i conti e i bilanci di tutti i musei italiani di proprietà dello Stato.
LA SITUAZIONE. Undici i musei e i siti della Sardegna finiti sotto la lente d'ingrandimento: l'area archeologica Su Nuraxi di Barumini (gratuita), il nuraghe Losa di Abbasanta (gratuito), il sito archeologico di Tharros a Cabras (gratuito), il Compendio Garibaldino di Caprera nell'isola di La Maddalena (a pagamento), l'Antiquarium Turritano e la zona archeologica Palazzo Re Barbaro di Porto Torres (a pagamento) e il museo archeologico-etnografico G.A. Sanna di Sassari (a pagamento). Sei, invece, quelli di Cagliari: il museo archeologico na-zionale e la pinacoteca (entrambi a pagamento), il sepolcro La grotta della Vipera (gratuito), il chiostro di San Domenico (gratuito) e la basilica di San Saturnino (gratuito). Presente nel capoluogo isolano anche un circuito museale a pagamento formato dalla pinacoteca e dal museo archeologico. Nonostante l'emorragia di visitatori (meno 30 mila) a fare la parte del leone con oltre 106 mila visitatori resta la tomba di Garibaldi (66 mila paganti, 40 mila ingressi gratuiti), seguita dal nuraghe di Barumini (71.070 vi-sitatori) e dal museo archeologico di Cagliari (13.646 paganti, 21.158 sono entrati senza pagare). Oltre ventimila ingressi anche al nuraghe Losa, mentre il museo Sanna di Sassari ha registrato 18.208 visitatori (11.771 non hanno pagato) con un calo di quasi cinquemila presenze rispetto all'anno precedente (23.215).
LE ECCEZIONI POSITIVE. Escono positivamente dal confronto col 2002 il museo archeologico e la pinacoteca di Cagliari: il primo ha registrato oltre duemila visitatori in più, il secondo circa un centinaio. Stabili l'Antiquarium turritano (più 200 visitatori) e il chiostro di San Domenico. Oltre al museo Sanna, diminuiscono le presenze anche nei complessi nuragici di Barumini e Abbasan-ta (meno cinquemila presenze).
LE DIFFICOLTÀ PIÙ GRAVI. A picco il compendio Garibaldino: 135.344 nel 2002, 106.193 nel 2003. «Ci sono una serie di circostanze che hanno determinato questa situazione», spiega Luigi Spagnolo, responsabile della sicurezza e da anni dipendente del museo dedicato all’Eroe dei due mondi. «Primo fra tutti - spiega - le difficoltà di collegamento e il problema della mancanza di un deposito bagagli. Inoltre c'è stato anche un pesante calo turistico legato all'euro. Sino a qualche anno fa avevamo un forte incremento di presenze nel periodo estivo, mentre ora la tendenza è radicalmente invertita. Quest'anno forse andrà meglio, ma siamo ben lontani dai 130 mila visitatori degli anni passati e soprattutto dagli oltre 220 mila di vent'anni fa».
LA SOPRINTENDENZA. E sul calo delle presenze nei musei della provincia di Sassari interviene anche il sovrintendente France-sco Nicosia. «È un calo fisiologico -spiega-, e se non vengono spesi soldi per sistemare i musei la situazione andrà peggiorando. Senza manutenzione c’è il rischio di un impoverimento progressivo. I musei sono edifici dove vengono custoditi oggetti importanti: se non mettiamo a disposizione nemmeno la carta igienica nei bagni, i visitatori smettono di venire». Alle volte si tratta quindi non di grossi problemi, bensì di difficoltà minime legate alla cattiva accoglienza del visitatore. L'analisi del Ministero segnala, infine, un'elevata presenza di visitatori che non pagano il biglietto. Ma attenzione: quelli classificati come "non paganti" non sono imboscati o portoghesi, bensì scolaresche, studenti e altre categorie professionali con particolari agevolazioni. Per i ragazzi un modo per ammirare l'arte e la storia.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news