LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia Basilea. Due modi di creare eventi opposti e vicini
Achille Bonito Oliva
la Repubblica, 27 giugno 2005

In che modo oggi sono confrontabili la Biennale veneziana e la
Fiera mercato? Ecco perch larte si globalizzata
Una una rassegna no profit, mentre l'altra punta al profitto
La distanza tra l'istituzione culturale e il mercato si annullata

Roma
Facciamo un gioco. Facciamolo insieme. E seriamente. Prendete da una parte la Biennale di Venezia, la 51 esima edizione, e dall'altra la Fiera di Basilea, la 36esima edizione. Fino agli anni Settanta sarebbe stato far giocare il diavolo e l'acqua santa. Dove l'acqua quella lagunare che circonda i giardini e i padiglioni della Biennale di Venezia, esposizione ultracentenaria d'arte contemporanea. Il diavolo, naturalmente, sta per la Fiera di Basilea, ultratrentennale incontro internazionale del mercato d'arte moderna e contemporanea.
Ora, nel 2005, con mente lucida e cuore sgombro, sappiamo che non un gioco blasfemo e che il denaro da statuto di realt alla produzione fantasmatica dell'artista. Il collezionismo ed il museo esprimono il desiderio privato e pubblico di tesaurizzare i valori dell'arte contemporanea.
La Biennale rappresenta per statuto l'appuntamento per testare l'attualit pi ultima della ricerca artistica e la Fiera di Basilea, anche quest'anno, stato un appuntamento unico per lo stesso scopo. Malgrado la differenza di intenti, una no profit e l'altra profit, esistono strutturali affinit tra i due eventi.
I numerosi stand della Fiera sono direttamente proporzionali ai padiglioni nazionali sempre pi numerosi della Biennale. La mostra Art Unlimited a Basilea, curata da Simon Lamunire, sta alla Esperienza dell'arte curata da Maria de Corrai per la Biennale, come la mostra Sempre pi lontano di Rosa Martinez all'Arsenale sta a Statementes e Liste, che raccoglie, extra moenia dalla Fiera, le gallerie pi giovani.
Evidentemente ormai esiste distanza zero tra l'istituzione culturale e quella di mercato. Entrambe concorrono a vetrinizzare la ricerca artistica contemporanea dentro un sistema dell'arte sempre pi globale ed omologante.
Se da qualche secolo l'arte ha dovuto rinunciare al popolo ed accontentarsi del pubblico la sua identit fa la differenza fra Venezia e Basilea. Generico quello della Biennale, una fascia allargata dagli addetti ai lavori agli amateurs.
Personalizzato quello della Fiera, fatta da soggetti interessati a collezionare-comprare-vendere, se pur con godimento per la qualit delle opere. Stabile e statico il pubblico di Venezia, un picnic di degustazione visiva a conduzione familiare, sempre gli stessi. Istantaneo ed incursore quello di Basilea, fatto di new entry, di galleristi e collezionisti, attratti dall'esplo-sione dei prezzi dell'arte contemporanea, proprio per questo bene rifugio e status symbol, investimento oculato e senso del gioco. A fronte del peso centenario e diplomatico della Biennale c' il dinamismo giovane e disinibito della Fiera di Basilea. E se quest'ultima sembra affermare senza ipocrisia che Vargentfait la guere, la Biennale sembra gestire il dopo-guerra.
Che fare? Io credo che la Biennale di Venezia non abbia bisogno di curatori ma di guaritori. Portatori cio di un progetto magari tematico e unitario capace di emendarla di un male cronico e storico, una frammentariet espositiva dovuta ad un ente che ricalca ancora nei suoi padiglioni una struttura da Expo Universale, dove ogni paese presenta i propri ultimi prodotti, tranne quello italiano, smarritosi tre edizioni fa.
La sovrapposizione a tale frammentariet di due mostre internazionali esalta ancor pi tale identit antiquariale. Il progetto guaritore dovrebbe essere improntato ad una strategia transnazionale di interferenze e dialogo con i padiglioni nazionali e ad una scrittura espositiva capace di presentare artisti inediti nello spirito di Laboratorio quale stata la Biennale di Venezia in alcuni casi.
Naturalmente il godimento non manca, nel padiglione inglese con Gilbert & George, in quello spagnolo con Montadas, in quello albanese con Sisley Xhafa, nel padiglione Venezia Cecchini, e ancora austriaco, cinese e belga. Come anche, nelle due mostre internazionali, con le opere di Araujo, Meireles, Lopez, Whiteread, Wal-linger, Garaicoa, Esposito, Durham, Paci, Vega.
Ma L'esperienza dell'arte non dettata da alcuna autorit critica, cos personale da sfiorare il privato di un silenzioso orgoglio ispano-americano ben temperato, da non giustificare l'assenza di Burri, Fontana, Beuys, Klein, Warhol e taglio di Transavanguardia e Arte Povera. Inaccettabile nel clone di Aperto, cio Sempre pi lontano, la presenza di opere precotte della Bourgeois, Marito Mori e della Hatum.
In questa Biennale echeggia il silenzio stabile di un museo gi previsto, una regia ortopedica che gioca a togliere, a creare intervallo e distanza tra le diverse opere a favore dell'eco magniloquente dell' arsenale che fagocita ogni cosa.
All'indubbia buona organizzazione di questa 51 Biennale, che paradossalmente evidenzia il gesso espositivo, risponde a distanza di una settimana, con vitalit ed energia un altro anello del sistema dell'arte, la Fiera di Basilea.
Nell'implosione di uno spazio ospitante i piccoli padiglioni, gallerie di tutto il mondo che promuovono la formazione differenziata del gusto collettivo con opere storiche e nuove di artisti di diverse generazioni, esplode un'avvincente corto circuito, nella coesistenza delle differenze tra la resistente qualit di Bacon e la forza architettonica di Merz, tra il cannibalismo pittorico di Picasso e gli erotici tagli di Fontana, tra la visionaria pittura di Cucchi e la concentrazione spaziale di Kapoor. In allegra brigata De Chirico, Magritte, Giacometti, Fautrier, De Maria, Chen Zhen, Longo e tant'altro.
La figura del curatore, generalmente portata alla manutenzione del presente dell'arte, sembra qui trovare (come si suoi dire) la morte sua, l'esaltazione del ruolo, nella mostra Art Unlimited. Qui sono radunate e selezionate le proposte dei galleristi riguardanti opere multimediali: il video di Bill Viola, l'installazione di Buren, la performance di Gianni Motti, e, tra i giovani, Sasnal e Escheibitz.
Niente morte dell'arte dunque, ma sicuramente trasparenza dei ruoli, il direttore della fiera Samuel Keller che ospita senza falsi pudori Liste, pi che una mostra uno stato d'animo documentativo degli sforzi emergenti dell'ultima leva artistica.
In definitiva nel sistema dellarte ai convenzionali caratteri dell'opera evidenziati dalla Biennale, universalit, immortalit e oggettualit delle forme, la Fiera di Basilea contrappone circolazione, velocit e oggettivit del denaro.
L'infier Biennale dello storico Aperto ormai preconizzato dall'annuale Fiera. Il futuro fagocitato dal presente. Non pi differenza tra chi passa alla storia e chi alla geografia. Fine del gioco.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news