LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E ora l'Accademia restaura raddoppia e riscopre Palladio
Nuova Venezia-Mattino di Padova-Tribuna di Treviso, 26 giugno 2005

La riscoperta di un Palladio che la citt quasi non conosce, il raddoppio degli spazi e delle opere esposte, con la creazione di un'importante sezione dedicata alla pittura del Seicento, oggi quasi assente. La realizzazione di una pinacoteca all'avanguardia, dove il rigoroso rispetto della sua veste monumentale si coniugher con le esigenze di un moderno museo, con i sottoservizi e gli impianti tecnologici interrati a diversi metri di profondit sotto il cortile palladiano. Saranno tutto questo e altro ancora le nuove Gallerie dell'Accademia pronte per la fine del 2007 e di cui ieri a Venezia a circa cinque mesi dall'inizio dei restauri si svolta una sorta di celebrazione anticipata, con la presentazione nella Sala del Piovego di Palazzo Ducale, del bel volume che documenta l'intervento (Progettare un museo - Le nuove Gallerie dell'Accademia di Venezia, a cura di Renata Codelio e pubblicato da Electa) e l'inaugurazione, al piano terra del restaurando museo, di una mostra dedicata al progetto.
L'importo complessivo dell'appalto per le Grandi Gallerie di circa 23 milioni di euro ed esso riunisce sia la ristrutturazione complessiva del museo e dell'ex convento della Carit lasciato libero dall'Accademia di Belle Arti
sia i nuovi allestimenti previsti per la raccolta che, grazie ai nuovi spazi, dovrebbe arricchirsi di circa 200 opere di grande qualit, da anni conservate nei depositi delle Gallerie e mai esposte. Una parte di esse gi stata fatta rientrare da musei e istituzione del Veneto a cui erano stato prestate proprio per mancanza di spazi, come una grande tela di Sebastiano Ricci, di ritorno dalla Fondazione Cini, che arricchir la sezione della pittura barocca. La superficie espositiva passer da quattromila a ottomila metri quadrati consentendo anche di creare una nuova gipsoteca, con i gessi di Canova. Il chiostro di circa mille metri quadri che sorge nel complesso della Carit sar utilizzato per spettacoli e manifestazioni. La parte storica delle Gallerie non sar comunque toccata dai lavori e potr continuare ad essere visitata. Il restauro gi partito con il piano terra, dove l'attuale aula magna dell'Accademia di Belle Arti, dove saranno ricavati nuovi spazi espositivi, il book-shop e la caffetteria. Queste ultime due aree saranno a disposizione di tutti e non solo dei visitatori del museo, cos come il chiostro palladiano, nuovamente fruibile, come la magnifica scala ovoidale. Ieri, a celebrare l'evento, con l'architetto Codello che curer la parte architettonica dell'intervento c'erano l'architetto Tobia Scarpa che, sulle orme di suo padre Carlo, curer e integrer la parte degli allestimenti, il sovrintendente del polo museale veneziano Giovanna Nepi Scir (padrona di casa in quanto detentri-ce del museo), lo storico dell'architettura Francesco dal Co, il sindaco di Venezia Massimo Cacciari.
Se il sovrintendente Nepi Scir ha insistito sulla ricomposizione di una collezione che ora si mostrer ai visitatori nella sia completezza dai dipinti trecenteschi di Jacobello del Fiore, a quelli ottocenteschi di Francesco Hayez l'architetto Codello, della Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici di Venezia, ha invece insistito proprio sull'integrazione tra conservazione e innovazione che caratterizzer il nuovo museo, il pi importante d'Italia per la pittura dopo gli Uffizi.
Ma, come ha ricordato Dal Co, il progetto di ampliamento degli Uffizi stato affidato a tre obiettori di coscienza in forza alla Soprintendenza che hanno distrutto l'ala vasariana, mentre a Venezia si scelta un'altra strada, mantenendo l'integrit della sede museale, ma affidandosi anche a grandi architetti come Tobia Scarpa. Quest'ultimo ha spiegato a grandi linee il difficile equilibrio raggiunto nell'intervento tra salvaguardia dell'antico e nuove esigenze degli allestimenti, mentre Cacciari, lodando le nuove Gallerie dell'Accademia, anche come un grande esempio di collaborazione tra istituzioni veneziane, ha lanciato alle Soprintendenze un messaggio. Ora dobbiamo colla-borare ha detto per il restauro e il recupero della Punta della Dogana, che deve divenire un grande polo del contemporaneo, per
quello della Scuola della Misericordia, che il pi bell'edificio rinascimentale della citt, e infine per quello dell'Arsenale, che la grande scommessa di questa Amministrazione anche a fini culturali e espositivi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news