LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II treno dell'arte e un grido a Venezia: Ridateci la Pala
Renato Piva
Corriere del Veneto, 26 giugno 2005

In viaggio con duecento cittadini di Castelfranco, la citt che chiede la restituzione del capolavoro di Giorgione


VENEZIA Col tempo, suggerisce Giorgio Barbarella da un angolo del ritratto che racconta la fragilit delle cose terrene. E siccome il tempo pu essere la soluzione del problema o il problema stesso, la citt di Giorgio Barbarella detto Giorgione ha pensato che fosse arrivato il momento di agire. Ieri mattina, con un treno speciale per Venezia, un corteo di duecento castellani ha raggiunto la sede regionale della Soprintendenza per i beni architettonici e il paesaggio. Sotto palazzo Soranzo Cappello, i manifestanti hanno gridato tutta la loro voglia di riportare a casa la Madonna di Giorgione, dipinto che simbolo prima che vanto della loro citt. La tavola, uno dei capolavori del Rinascimento italiano, ha lasciato il duomo di Castelfranco tre anni fa in condizioni pessime per essere restaurata nei laboratori della soprintendenza. Il tempo del ritorno maturato, ha gridato il popolo della Pala, occupando per un paio d'ore la vetrina mediatica di Venezia.
Arte, orgoglio, business Giorgione torni a casa
In treno da Castelfranco a Venezia per il dipinto del '500 La Madonna nostra da secoli, la rivogliamo indietro
Dalla fine del 2003 la Pala esposta al museo dell'Accademia: magliette e manifesti per reclamarne la
restituzione al Duomo del centro trevigiano


Chi arriva a Castelfranco e non trova la Madonna di Giorgione prova la stessa delusione di quelli che visitavano il Louvre mentre la Gioconda era a New York, dice Francesco Amezzoli, un passato da maggiordomo nella villa del Solvay, re Mida del bicarbonato. Sessantanove anni, Amezzoli vive l'arte col cuore e sulla questione Pala ha idee limpide: Non capisco perch, terminato il restauro, l'opera non possa tornare a casa.
Alle 8,50 del mattino il treno della protesta si lancia in direzione Venezia. C' qualche sedile vuoto di troppo ma la compagnia allegra, perch quello organizzato dalla Pro Loco dev'essere l'annuncio di un ritorno, come si affretta a ricordare il vice sindaco di Castelfranco, Fiorenzo Vanzetto. Manifesti La Pala nostra, Ridateci la Pala , cappellani e magliette ad hoc... tutto in regola, tutto bello, ma i castellani si contano e qualcuno dondola il capo perplesso: l'annunciato plotone dei 600 ridotto di due terzi ma si parte.
Purtroppo ricorda Amezzoli tanti amici anziani, che non sarebbero mai mancati, sono rimasti a casa per il caldo. Per qualcuno, me compreso, partecipare oggi un rischio. Visto che il ritorno della Pala non questione da risolvere in poco tempo, a settembre potremmo organizzare una visita alla Madonna, portando all'Accademia i tanti anziani del paese.
Di carrozza in carrozza, Giorgione e la tavola dipinta nel 1503 tiene banco: nella regione abitata dal popolo delle partite
Iva una notizia. In Veneto ci sono molte opere minori in stato di abbandono dice Silvano Baggio, 70 anni, pensionato e non bello. La Pala l'orgoglio di Castelfranco, una cosa bellissima, che i altri no g. Significa che la Pala un'opera minore? No che non minore, infatti la rivogliamo con noi.
Maria Grazia Lizza, trentenne neoletta consigliere comunale, vuole sensibilizzare gli organi superiori per il ritorno della tavola di Giorgione a Castelfranco, e in tempi brevi. Poi la patina politica si scioglie e l'architetto Lizza comunica un profondo attaccamento al dipinto, che sento mio, pur non essendo originaria di Castelfranco. Col vice presidente dell'Ascom, Gianfranco Giovine, gli ultimi scampoli del viaggio in treno: L'idea della nostra associazione di cercare una politica di valorizzazione della citt come sito artistico, anche attraverso la ritrovata
consapevolezza del valore della Pala.
Arte, storia, orgoglio e business, ma giusto cos. Arriva la laguna e si scopre che del passaggio hanno approfittato anche due giovanissime studentesse. A Venezia dovevano andarci comunque, quindi perch non gratis? Salutano e ringraziano il presidente della Pro loco Gherardo Battistel: il treno della Pala una sua idea e adesso tocca a lui. Megafono, fischietti e cori: Siamo i cittadini di Castelfranco e siamo venuti a riprenderci la Pala di Giorgione. Il corteo invade piazzale Roma e la scorta di carabinieri si rilassa: solo festa. Il serpentone dei castellani sale ponte degli Scalzi: Ve demo a Pala e anca naltra, che ghe nemo tante, gridano da dietro una bancarella. Ma la Madonna unica, basta e avanza. Due calli e la protesta raggiunge la sede della Sovrintendenza, chiusa perch sabato. Noi comunque siamo qui urla il megafono di Battistel per ricordare che a Castelfranco aspettiamo la Pala e poco c'importa di non essere ricevuti.
I cartelli con la riproduzione del dipinto di Giorgione Maria in trono, affiancata dai santi Francesco e Nicasio addobbano la facciata di palazzo Soranzo, dove stanno gli uffici del sovrintendente. Something religious?, chiede una turista inglese. No, non una manifestazione religiosa. E' una protesta. L'ultima tappa la visita all'Accademia: la Pala dorme in una teca di cristallo, 31 gradi e umidit costanti. Torna presto. Col tempo, risponde Giorgione.

IL RESTAURO
La disputa
La Pala di Giorgione manca da Castelfranco -citt d'origine dell'artista che l'ha dipinta - da quattro anni. Da sempre custodita in nel duomo castellano, la tavola era entrata in crisi per le cattive condizioni climatiche della cappella che porta il nome dei committenti, l'antica famiglia Costanzo. Il ritorno a casa del dipinto subordinato alla climatizzazione della cappella. La parrocchia, proprietaria del luogo e pure della Pala, ha messo a norma il
riscaldamento del duomo, mentre la Sovrintendenza, curato il restauro del Giorgione, sta sviluppando un progetto di climabox, una teca a temperatura e umidit costanti.

IL VIAGGIO
La protesta
Ieri, un treno speciale organizzato da pr loco di Castelfranco ha portato duecento castellani a Venezia. Il corteo ha rivendicato, sin sotto la sede della Soprintendenza ai beni artistici e al paesaggio, la restituzione del dipinto simbolo della citt, oltre che motivo d'attrazione per un discreto numero di turisti.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news