LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Donnafugata, un gioiello per tutti
Gazzetta del Sud, 27 giugno 2005

RAGUSA Concluso il restauro del maestoso parco dello storico Castello degli Arezzo
Recuperati tutti gli alberi, il parterre ricostruito fedelmente
Alessandro Bongiorno

RAGUSA - Restaurato e riportato all'antico splendore come si conviene a un vero e proprio bene culturale. Il parco del castello di Donnafugata pronto a riaprire i battenti. Si presenta come un museo all'aperto e c' da giurare che sar u-na delle attrazioni turi-stiche dell'estate che appena cominciata. Un motivo in pi per visitare la provincia di Ragusa e godere, oltre che dei centri barocchi e delle spiagge basse e sabbiose, anche di uno dei paesaggi rurali pi suggestivi che si possano incontrare.
Per raggiungere Donnafugata occorre infatti attraversare i campi co-lor oro ombreggiati da maestosi carrubi e dagli ulivi che producono uno dei migliori oli del mondo. Ad accogliere il visitatore c' il castello che fu del barone Corrado A-rezzo. Alle sue spalle un parco storico che, grazie al progetto di recupero di Biagio Guccione e Giacometto Nicastro, tornato ad assumere le forme ricche e maestose dell'inizio del secolo scorso. I lavori di questo primo stralcio di interventi hanno consentito il recupero di tutti gli alberi, la ricostituzione fedele del parterre realizzato agli i-nizi del Novecento e il restauro dei vialetti principali. In precedenza si e-ra gi intervenuto ripristinando il labirinto (sollazzo del barone e vera gioia di grandi e piccini), il finto monaco in cartapesta, la coffee house e il tempietto.
Il parco del castello, cos come gi anticipato, sar aperto al pubblico sabato prossimo con un concerto della The bass gang offerto da Enel gas e dal Comune di Ragusa. Oggi il sindaco Tonino Solarino, l'assessore Vito Frisina, la soprintendente Beatrice Basile e il responsabile della comunicazione di Enel gas Giacomo Pistone illustreranno, nella salone degli stemmi del castello, i lavori di restauro eseguiti.
Alla base degli interventi progettati da Guccione e Nicastro ci sta un'importante fase di studio e di documentazione sia storico-architettonica che botanica. Troppi interventi si erano succeduti nel tempo finendo con lo snaturare l'armonia del parco. Decisivi si sono rivelati i rilievi di Salvatore Campo, lo studio di Tiziana Turco, le ricerche di Maria Grazia Carf e Carmelo Dazzi.
Il parco stato diviso in tre grandi zone omogenee: l'orto-frutteto, i giardini formali e i giardini informali. L'intervento pi incisivo ha riguardato l'area dei cosiddetti giardini delle delizie o formali. Il giardinetto delle palme e il par-terre sono stati ricostruiti cos come apparivano nelle immagini d'epoca in quella che era la loro conformazione originaria.
Il giardinetto di palme si presentava con un elegante impianto geometrico, attiguo alla villa dal lato ovest. Occupava una superficie di forma quadrata al cui interno e-ra iscritto un anello, diviso in quattro spicchi, con un'aiuola circolare al centro. Il disegno era stato cancellato dall'incuria e dal tempo. Oggi tornato a rivivere nelle sue forme originarie con il reimpianto delle quattro palme e dell'araucaria centrale. Il disegno delle siepi di rosmarino, delle quali rimanevano ampie tracce, stato ricostituito.
Interventi radicali hanno riguardato anche il parterre che era ridotto a una boscaglia informe, un grumo inestricabile di cespugli, senza disegno e senza qualit alcuna: il simbolo del degrado del parco. Del disegno d'inizio secolo, formato da stelle e mezze lune, non restava pi nulla, e anche la superficie i-niziale si era ridotta, limitandosi a due sole aiuole di forma rettangolare. Nicastro e Guccione hanno scelto di ricostituire il parterre come si presentava nelle foto dell'inizio del secolo e del quale stato possibile ricostruire fedelmente il disegno attraverso un fotomontaggio accurato di molte foto d'epoca.
Anche l'orto frutteto stato ripristinato reimpiantando nell'agrumeto cento alberi di madarino e restituendo un aspetto rigoglioso a carrubi, ulivi e mandorli. Il restauro del giardino informale ha invece riguardato il giardino inglese; l'area dei ficus, il labirinto, la cisterna e il grande lago, il bosco dei pini, i viali del Tramonto, delle Casuarine, della coffee house.
A grandi linee sono queste le prime operazioni eseguite per restituire il parco di Donnafugata al suo originario assetto. Con questi lavori, per la prima volta, si intervenuto in modo incisivo - affermano Biagio Guccione e Giacometto Nicastro - anche sull'assetto vegetale: si tratta di un tangibile segnale d'inversione di tendenza, u-na tappa significativa, che ci restituisce parte del parco, se non all'antico splendore, quanto meno al disegno originario, ora ben leggibile, e lo apre alla fruizione pubblica con la messa in sicurezza di gran parte del patrimonio floristico. Certamente un'inversione di tendenza netta e visibile si registrata, ma ancora c' molto da fare, ed necessario - concludono i due progettisti -non tralasciare nulla affinch ci avvenga sia per il naturale orgoglio di salvaguardare un'opera importante, sia per contribuire alla rinascita di un risorsa culturale inestimabile per la nostra terra.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news