LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il principio e l'arbitrio
Paolo Conti
Corriere della Sera - cronaca Roma 25/6/2005

L'architettura razionalista italiana somiglia a Roma. Anzi, le appartiene. Basta ammirare le ampie finestrature, il marmo squisitamente non candido, la straordinaria curva della Sala della Scherma restituita ieri dal ministero della Giustizia al Comune di Roma. Infatti il distacco di quel capolavoro dalla citt era innaturale esattamente quanto naturale la sua appartenenza al tessuto urbanistico romano, quel suo dialogo col cielo del Mediterraneo e con la mole verde di Monte Mario.
Ieri il sindaco Walter Veltroni e il ministro Roberto Castelli hanno impartito una bella lezione di bipolarismo: due maggioranze, due diversi progetti politici hanno messo da parte ogni differenza per chiudere un conto che riguarda unicamente la collettivit. La battaglia stata lunga, ne sa qualcosa proprio Veltroni che cominci a occuparsi del problema legato all'uso troppo disinvolto che si fa dell'architettura contemporanea dai tempi in cui dirigeva il ministero per i Beni culturali. E da anni questo giornale segue con interesse e passione le vittorie e le sconfitte (purtroppo le seconde sono spesso pi numerose delle prime).
Sembra strano ma l'Italia, e Roma in particolare, hanno un tempestoso rapporto con l'architettura contemporanea. Dicono sia un retropensiero legato al retaggio fascista. Fatto sta che massacri e devastazioni non si contano. Italia Nostra e il Comitato per la Bellezza non fanno che protestare e indignarsi. Spesso c: sordit. capitato con lo scellerato restauro della palazzina Furmanik sul lungotevere Flaminio, cos amata da Gropius, svuotata e sfigurata. L'Ambra Jovinelli irriconoscibile. Cadono a pezzi i meravigliosi villini di Adalberto Libera a Ostia. Ma oggi il ritorno della Casa della Scherma alla citt, dopo trent'anni di un uso a dir poco improprio, un motivo di allegria per il sindaco e per questa citt. E torniamo al bipolarismo. Roma ha molti conti in sospeso, simili alla Casa della Scherma. Il pi clamoroso palazzo Barberini. E qui va notata una vistosa differenza di stili. Castelli ha mostrato totale disponibilit alle esigenze culturali della Capitale. Manca invece chiarezza definitiva, sia da parte del ministero per i Beni culturali che dalla Difesa, sul futuro della Galleria nazionale di Arte antica che continua a non disporre di tutto lo spazio necessario: particolare non secondario per la Capitale di un Paese che dovr sempre di pi puntare sul turismo culturale nel suo futuro economico. I militari sostengono che il Circolo ufficiali ha compiti essenziali di rappresentanza. Ma esiste un accordo che impegna la Difesa alla restituzione ai Beni culturali, come ha ricordato giorni fa Veltroni. E come dimostra l'intesa di ieri tra Castelli e il sindaco, gli impegni assunti dalle istituzioni trascendono i titolari politici del momento. Nel senso che vanno rispettati nel nome dello Stato. Principio elementare, che la vicenda della Casa della Scherma ci ha cos felicemente ricordato. Sarebbe splendido chiudere con lo stesso metodo anche il capitolo di palazzo Barberini. Perch se quel famoso principio elementare crollasse, resterebbe in piedi solo l'arbitrio.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news