LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ma è in abbandono l'altro capolavoro di Moretti: l'ex Gil a Trastevere
Edoardo Sassi
Corriere della Sera - cronaca Roma 25/6/2005

1933-1936: stesse date, stesso autore, e due edifici. Entrambi considerati oggi due capolavori dell'architettura italiana tra le due guerre. Per il primo, la Casa delle Armi al Foro Italico, dopo anni di battaglie il recupero pare ormai cosa fatta. Per il secondo, il futuro resta invece incerto. Si tratta della Casa del Balilla (poi ridenomìnata Gil, Gioventù italiana Littorio) a Trastevere, in largo Ascianghi, l'altro capolavoro firmato da Luigi Moretti. Semiabbandonato. Parzialmente distrutto. Comunque irriconoscibile rispetto al progetto originale.
Così, a proposito dell'edificio, scriveva Piero Ostilio Rossi nella sua «Guida all'architettura moderna di Roma» «Le modifiche e i rifacimenti apportati nel corso degli anni hanno profondamente modificato la fisionomia dell'edificio. Chiuse con tamponature le palestre all'aperto, sopraelevato il corpo basso di collegamento, alterato il disegno delle grandi finestre e i colori, solo a stento si potrebbe riconoscere in quella disordinata serie di costruzioni l'edificio dall'elegante articolazione volumetrica e dalle raffinate trasparenze progettato da Moretti». E ancora: «Per comprendere le dimensioni del degrado basterà ricordare che di recente sono state ritrovate le tracce del grande affresco di Mario Mafai che decorava una parete del Salone d'onore, che negli anni è scomparso sotto un'imprecisata quantità di tinteggiature o è stato addirittura raschiato».
Strano destino quello del romano Luigi Moretti (1907-1973), acclamato architetto superstar (con studio a palazzo Colonna) e al centro del potere sia negli anni del Fascismo sia nei decenni a venire: pupillo dell'apparato politico del Ventennio, vicino alla «Società Generale Immobiliare Romana» dal dopoguerra fino alla morte, proprio le sue due opere più rappresentative del decennio '30-'40 hanno dunque subito incredibili traversie. Un destino comune a quello del suo padre naturale, l'architetto Luigi Roland, la cui opera più importante, il cinema-teatro Adriano con la bella struttura a palchetti, è andata perduta per la recente destinazione a multisala.
Del genio Moretti - amico e collaboratore di artisti, fondatore della rivista «Spazio» e sodale del grande critico francese Michel Tapié - restano comunque molte testimonianze. All'estero (il Watergate a Washington) ; a Milano (le case-albergo immortalate anche da Antonioni nel film «La Notte») ; ma soprattutto tra Roma e dintorni: la palazzina detta del «Girasole» in viale Bruno Buozzi 64 (1950), la straordinaria villa La Saracena a Santa Marinella per la famiglia Pignatelli d'Aragona, capolavoro di immaginazione e scompaginatura volumetrica (1954), la palazzina in via Jenner 27 (1947), quella in via Romei a Monte Mario del 1965, con i caratteristici balconi curvilinei, o i due palazzi gemelli di piazzale dell'Industria all'Eur (1961-1965).



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news