LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Referendum per fermare un'opera di Portoghesi
Samuele Costantini
Corriere della Sera 25/6/2005

CAORLE (Venezia) La lista lunga. Scrittori, registi, attori. Uomini della cultura, dell'universit. Tutti veneti e tutti convinti che a Caorle un palazzone fronte mare da 13 metri d'altezza sia come un pugno sullo stomaco. L'antico villaggio di pescatori a pochi chilometri da Venezia si animato come mai si era visto prima. Ha puntato i piedi a tal punto che il Comune ha dovuto per forza indire un referendum. Domani i cittadini saranno chiamati alle urne per decidere cosa fare di un pezzo di centro cittadino a un passo dal mare. Sta succedendo il quarantotto contro l'architetto romano Paolo Portoghesi chiamato a progettare questo fazzoletto di 4.500 metri quadri senza nome, praticamente abbandonati da sempre. E prima di lui c' stato il portoghese Alvaro Siza. Quella volta se n'era andato da solo.
Il regista Carlo Mazzacurati, gli attori Vitaliano Trevisan e Marco Paolini, il poeta Andrea Zanzotto, gli scrittori Alvise Zorzi e Francesco Vallerani. L'etologo Danilo Mainardi, il sociologo Gianfranco Bettin, l'urbanista Edoardo Salzano, il fotografo Fulvio Roiter e il rettore dell'Universit di architettura di Venezia Marino Folin. Un pomeriggio intero. Siete con noi?. Ed stato quasi un contagio.
Felice Gusso, 200 giorni di mare l'anno, sale sul murazzo che protegge il centro di Caorle dalle mareggiate. Gonfia i polmoni che quasi si spaccano: Lo senti? Questi due non hanno capito niente. I due, ovvio, sono Siza e Portoghesi. Il primo, chiamato dal Comune nel '92, si visto rifiutare dalla soprintendenza ai Beni architettonici e ambientali del Veneto Orientale un complesso da 23 mila metri cubi a dieci metri dall'acqua. Quella volta i cittadini di Caorle hanno dovuto lavorare poco: El portoghese, cos lo chiamavano, ha visto la malaparata, ha ringraziato e ha detto che aveva altri impegni. Il secondo, Portoghesi appunto, proposto dai privati, ha progettato fronte mare questo complesso residenziale-com-merciale con 38 appartamenti, nove negozi, un grande parcheggio sotterraneo con 46 posti auto pubblici e 48 privati, a ridosso della diga, sotto il livello del mare. Un blocco di cemento da 50 metri di lunghezza e 13 d'altezza che il soprintendente Guglielmo Monti ha gi chiesto di modificare. La mia attenzione stata massima, nei colori forti che ormai caratterizzano il centro di Caorle e nei comignoli tipicamente veneti. Una lettura, una visione moderna che rispetta il territorio. Questa una buona architettura dice Portoghesi.
Ma non c' verso: Qui il vento non potr pi passare. l'Ostro, che viene da sud e alla sera gira a Garbin, portando la salsedine. Lo senti l'odore? Su questo spiazzo senza case e senza nome, su via Roma, i pescatori capivano se si poteva prender la barca. Annusando l'aria. Gusso sembra il marinaio Popeye.
I Comitati per il No lo chiamano l'ecomostro e ce l'hanno col giovane sindaco Marco Sarto: Io, cementificatore? Io che ho fermato il vero ecomostro, il Palalvo (un piano della Regione Veneto che prevedeva un intervento sulla laguna, ndr). Io, che ho non ho mai approvato nessuna lottizzazione, che ho fatto parchetti. Fatto sta che perfino il prete, monsignor Giuseppe Manzato, dal pulpito, domenica ha detto ai fedeli di andare a votare. L'ultima volta, sempre da l, aveva consigliato l'astensione ai suoi parrocchiani. Glielo ha fatto notare anche Sarto quando l'ha saputo. Lui nicchia. La questione troppo importante.
Da quando hanno deciso di fare il referendum gli aventi diritto sono saliti di tredici unit: 10.007 erano a novembre, 10.020 saranno domani. Bilancia in attivo, dicono per le calli. Baster la met pi uno per il quorum. E se c' il quorum, c' anche la vittoria dei comitati. Ma se qui Portoghesi non lo vogliono, a pochi chilometri di distanza c' la fila. Francesco Calzavara, sindaco di Jesolo, l'ha dichiarato ieri, all'antivigilia della consultazione: Non vogliono Portoghesi? Venga da noi, qui con i grandi architetti ci facciamo la riqualificazione della citt. E in effetti ci sono: da Richard Mayer, allo studio Tange. Torri da 25 piani nella pineta, da 21 nella centralissima Piazza Mazzini. Altra cosa.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news