LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quadri e sculture, depredate 30 case ai Parioli
Luca Lippera
Messaggero Cronaca di Roma 25/6/2005

«Qui non si tratta di semplici furti: è in corso una razzia». I Parioli stanno scoprendo sulla loro pelle che le parole dei carabinieri non sono affatto esagerate. Decine di appartamenti pieni di opere d'arte sono stati svaligiati nelle ultime settimane e i colpi si sono ulteriormente intensificati da metà primavera. Da via Panama, via Archimede, viale Bruno Buozzi fioccano le denunce. Venti dipinti portati via dalla casa di un noto avvocato, una "Natività" sparita da un attico di piazzale delle Muse, una "Madonna con Putti" sparita da viale Tiziano. «Sanno dove andare — dicono gli investigatori — e sanno benissimo dove piazzare la merce: è una banda, non un gruppo di sprovveduti».
I ladri avrebbero già ripulito tra i venti e i trenta appartamenti. I carabinieri del Nucleo per la tutela del patrimonio culturale", che affiancano
la polizia nelle indagini, ritengono che i colpi siano stati messi a segno da un gruppo di extracomunitari. «Ma probabilmente - spiega un ufficiale - gli immigrati sono soltanto la manovalanza di una organizzazione gestita da malviventi italiani. Siamo di fronte a persone che sanno dove prendere e dove portare. Non sono cose che uno straniero riesce ad improvvisare dall'oggi al domani».
Il bottino dei furti si aggirerebbe complessivamente intorno ai tre milioni di euro. Ma una valutazione esatta non è semplice. Gli uomini del reparto operativo del "Nucleo per la Tutela del Patrimonio", guidati dal colonnello Ferdinando Musella, si sono trovati in molti casi di fronte a proprietari disperati che non sapevano neppure valutare esattamente il valore degli oggetti trafugati. «Sono state portati via dipinti, sculture, statuette - dice il maggiore Michele Facciorusso — Si tratta, in tutti i casi, di cose di grande valore».
L'entità dei colpi è tale che il Ministero dei Beni Culturali, attraverso il suo ufficio comunicazione, ha diramato un comunicato non abituale. Il titolo: «Furti nelle abitazioni dei Parioli. Osservati speciali sul mercato dell'antiquaria-
to». Il sospetto — è chiaro — è che la quasi totalità dei furti sia stata compiuta su commissione. D'altronde l'elenco delle opere mostra «che nella razzia sono implicati veri professionisti».
La bellezza di ventuno dipinti, tra cui sette quadri seicenteschi di scuola fiamminga, sono spariti in un colpo soìo dalla casa di un avvocato. Un altro dei "tesori" finiti in mano ai ladri è un "Segno di Davide" dell'olandese Gerrit van Honthorst, un fiammingo che durante il suo soggiorno a Roma, nel Seicento, fu profondamente influenzato dal lavoro del Caravaggio.
«Ma oltre ai quadri — aggiungono i carabinieri — sono stati portati via gioielli, busti, statuette, sculture di un certo rilievo». I ladri sono entrati, in molti casi, dalle finestre, ma in altri «hanno usato apparentemente chiavi false». L'impressione è che la banda abbia potuto contare su «diverse complicità» e soprattutto che «la razzia non sia affatto finita».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news