LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - La lunga marcia di Baccei "Dopo due anni di lavoro la Sicilia non pi anomala"
23 dicembre 2015 LA REPUBBLICA



IL PERSONAGGIO

Abbiamo fatto in meno di due anni quello che non si era compiuto nel mezzo secolo precedente . Anche il poco loquace Alessandro Baccei, alla fine, fa una concessione alla vanteria. Dopo essere stato sull'ottovolante per un paio di mesi, avere rotto con Crocetta e mezza maggioranza, l'assessore all'Economia giunto a Palermo come ultima tappa della rotta Firenze-Roma, il (presunto) commissario del governo Renzi, il liquidatore della Sicilia secondo l'opposizione, propone il suo, di bilancio. E lo fa alla fine di un 2015 che, comunque lo si voglia leggere, ha segnato alcuni punti di non ritorno nella controversa storia dell'Autonomia. Sar solo il cammino della Finanziaria in aula, all'Ars, a consentire l'ultima valutazione. Ma di certo ci avviamo al termine di una stagione che vede scomparire consolidati privilegi della Sicilia e del suo Statuto. Lasciando sul campo, per, alcuni nodi legati soprattutto al peso finanziario dello sterminato personale che campa attorno (e grazie) alla Regione.

L'anno che si conclude quello che ha visto cadere il totem delle pensioni d'oro della Sicilia. L'allineamento dei trattamenti regionali a quelli statali cancella mitiche guarentigie come quelle che portavano a pensioni superiori al 110 per cento dell'ultimo stipendio. Nella Finanziaria del 2015 previsto che il trattamento pensionistico annuo lordo non pu superare l'85 per cento della media degli ultimi tre anni. In passato, bene ricordarlo, ci sono stati burocrati che si mettevano a riposo con un'indennit da quasi 1.400 euro (lordi) al giorno. Nella Regione del posto sotto casa passata una norma che consente, per ragioni di servizio, il trasferimento di un dipendente da un ufficio all'altro nel raggio di 50 chilometri. La disposizione stata contestata dai sindacati ma la

ratio, in un'amministrazione che vede 10 mila dei suoi 15 mila dipendenti distaccati in strutture perifiche, non pu che essere condivisibile. stato scritto un principio, seppur non ancora attuato e invischiato anzi nella ragnatela della burocrazia.

Altre norme contenute nella "vecchia" Finanziaria allineano la Sicilia al rischio d'Italia: come quelle che danno un colpo di forbici a permessi per malattia o congedi parentali. Il rischio, quando si tocca queste materie, quello di colpire nel mucchio, di fare discriminazioni generalizzate, ma il punto di partenza era quello degli abusi figli della legge 104. Era un'amministrazione in cui, fino a qualche anno fa, si poteva andare in pensione anche a 40 anni per accudire un parente con la salute malferma.

E questa era anche la Sicilia dell'anomalia anche per sindaci e consiglieri comunali. Che per numero e indennit guardavano dall'alto in basso i colleghi delle altre regioni. L'Ars a giugno ha approvato una legge che cancella le differenze, limitando anche i rimborsi-scandalo per i datori di lavoro, che avevano generato inchieste in diverse citt dell'Isola. Poi, per carit, rispetto alla proposta della giunta Sala d'Ercole ha imposto una deroga, rinviando i tagli al momento del rinnovo dei Consigli. La nuova Finanziaria, che si appresta a fare il suo viaggio in Assemblea, punta ad anticipare a subito l'entrata in vigore della riforma.

E alle porte ci sono le settimane della verit, per Baccei e per Crocetta che ora nolente o volente con il suo assessore ha ripreso a dialogare. Perch nel mezzo milione di tagli previsti dalla manovra ci sono anche altre norme che dovrebbero abbattere alcuni privilegi proliferati all'ombra dello Statuto. Fra cui permessi e distacchi sindacali, che dati alla mano sono stati concessi in misura dieci volte superiore rispetto al resto d'Italia.

La legge di Stabilit ha un'altra caratteristica peculiare: non si aggrediscono i fondi per investimenti al fine di dirottarli su spesa assistenziale. Non una questione di poco conto. Ma qui si entra in un altro settore, quello delle uscite incomprimibili e intoccabili, dopo gli interventi populisti e scardina-bilanci del passato: perch quell'esercito di 140 mila persone che viene foraggiato da mamma Regione (esclusi incarichi e consulenze), che comprende ovviamente non solo i dipendenti fissi ma i precari degli enti locali e i Pip, i forestali e i custodi dei Beni culturali, il personale dei consorzi di bonifica come quello delle partecipate, rimane la grande specialit della Regione siciliana. E la politica delle proroghe, in questo comparto, continua a essere la preferita.

D'altro canto, i piani di snellimento si sono sovrapposti l'uno all'altro, negli ultimi anni, senza produrre ancora una concreta soluzione. Superate per gran parte le anomalie legate alle previsioni dello Statuto (spesso malamente interpretate), sulla strada del risanamento rimane la zavorra di un personale vasto e mal distribuito. Il vero nodo da sciogliere per Baccei e Crocetta. Per chi, magari, prima di passare alla storia si accontenti di scrivere una cronaca diversa.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news