LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biblioteche, no al ticket sui libri
Emanuela Zoncu
Il Tempo - cronaca Roma 25/6/2005

Il prestito in biblioteca si pagherà. A deciderlo non sono stati i bibliotecari, ma una direttiva dell'Unione Europea nata per tutelare il diritto d'autore. Forte il coro di no, specialmente nel mondo della ricerca, tanto che anche la Biblioteca Nazionale ha aderito alla campagna «Non pago di leggere». La scappatoia adottata fino a oggi consisteva nel dichiarare «esenti dal pagamento di tali diritti» le 12 mila biblioteche italiane. Ma ora che c'è un procedimento di infrazione aperto dall'Unione Europea, l'escamotage non regge più.
Non hanno avuto ancora il tempo di fare i conti su quanto è costato il pacchetto-istruzione 2005, le famiglie, che già si trovano davanti lo spettro di un nuova spesa. Nuova si fa per dire, perché il cosiddetto ticket sui libri presi in prestito nelle biblioteche pubbliche dovrebbe essere stato digerito da tempo. Almeno per l'Unione Europea, che con la direttiva 92/100 già dal 1992 prevedeva il pagamento di una «Royalty per il diritto d'autore». Una tassa sul libro, di cinquanta centesimi o un euro magari, ma pur sempre una tassa.
I bibliotecari romani però non ci stanno e ancora una volta gridano a gran voce quello che a loro avviso suona come la violazione di un diritto: alla lettura. Il presupposto da cui parte la direttiva europea è semplice: «Il prestito fa diminuire le vendite dei libri». Ma agli studenti, ai professori universitari, alle famiglie e ai bibliotecari l'antifona suona diversamente: «Il provvedimento andrà semplicemente a discapito di chi ha già grandi difficoltà economiche e non può permettersi di comperare i libri a causa dei prezzi troppo alti».
Il grido d'allarme però purtroppo non è servito e nel gennaio 2004 la Commissione Europea ha aperto un provvedimento d'infrazione nei confronti di sei paesi, Italia compresa, che non hanno mai recepito la direttiva. Il provvedimento continua però a produrre un forte malcontento nell'intero Paese e nella capitale in particolare, dove il circuito Biblioteche di Roma, la Biblioteca Nazionale e molte tra quelle universitarie già un anno fa avevano deciso di aderire alla campagna «Non pago di leggere», che si è sviluppata soprattutto in rete.
«Il prestito risponde a finalità sociali», tuona il direttore della Biblioteca Nazionale Osvaldo Avallone, secondo cui la direttiva europea è inaccettabile soprattutto perché l'onere, andando a gravare direttamente sull'utente, «metterebbe in serie difficoltà tutte quelle persone che non possono permettersi di comprare i libri e si rivolgono al servizio pubblico». Inoltre, secondo i bibliotecari romani, il provvedimento potrebbe costituire un incentivo alla riproduzione abusiva. E l'idea della tutela degli autori convince ben poco: «Col prestito non vengono lesi grossi interessi commerciali - spiega Avallone - perché il danno è funzionale al successo del libro. Il problema si propone infatti solamente davanti alla pubblicazione del libro di un autore importante. Ma i nostri scaffali sono pieni di testi poco richiesti, che prestati ogni tre mesi finiscono al
massimo nelle mani di dieci persone l'anno. E cosa sono dieci copie non vendute davanti alla possibilità di diffondere cultura?».
Come fare allora? La scappatoia adottata fino a òggi dal governo italiano consisteva nel dichiarare «esenti dal pagamento di tali diritti» le 12 mila biblioteche italiane. Ma davanti al procedimento di infrazione aperto dall'Unione Europea, l'escamotage non regge più.
Nella città dei Sette Colli il parere comunque resta unanime: dell'onere non si possono fare carico le famiglie su cui grava già pesantemente il diritto allo studio dei figli, E neppure si hanno dubbi sul giro d'affari che il provvedimento, una volta applicato, andrà a muovere. Per ora l'unica a non essersi mobilitata sulla questione è la Siae. Avrebbe dovuto? «Preferisco non rispondere», chiude Avallone.


La protesta è on line
II dissenso viaggia on line, con un sito - www.nopago.org - che dalla biblioteca di Cotogno Monzese accende gli animi dei bibliotecari. Insieme alle pagine web dell'Associazione italiana biblioteche - www.aib.it - offre un quadro completo della situazione. Non mancano le forme di protesta, garbata ma efficace, per cercare di far capire agli utenti cosa si rischia col «ticket» sul libro. Ad esempio, che testi «rarissìmì» che solo le biblioteche ormai possiedono finiscano nel dimenticatoio. L'elenco dei libri «impagabili» - perché nessuno li pubblica più - occupa tre pagine.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news