LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Genova non mi vuole. E Renzo Piano lascia
Paolo Di Stefano
CORRIERE DELLA SERA 24-GIU-2005

Non c' niente da fare. Se non mi vogliono tolgo il disturbo. Cos reagisce Renzo Piano di fronte alle crescenti resistenze che incontra il suo progetto che ridisegna la zona portuale di Genova. Il piano era partito con la giunta regionale di centrodestra, ora tra i perplessi c' il successore Claudio Burlando (Ds).

Waterfront venne avviato con il govenatore Biasotti di centrodestra. Con il successore Burlando (Ds) non decollato
Piano rompe con Genova: qui non mi vogliono

L'architetto ha rdisegnato gratis la zona portuale: Progetto utopico? S, come tutti gli altri gi realizzati
Ne gh' ninte de fa'. Non c' niente da fare. Se non mi vogliono, tolgo il disturbo. Renzo Piano lascia il porto di Genova al suo destino. La questione lunga. L'estate scorsa, l'architetto offr alla sua citt, a titolo gratuito come ambasciatore Unesco, un Grande Affresco con cui ridisegnava il volto non solo del cosiddetto waterfront ma dell'intera area urbana. Passati quasi dodici mesi, dopo gli entusiasmi della prima ora, siamo sempre l. Con un sovrappi di mugugni se non di resistenze. Bello, ma un sogno irrealizzabile, dicono in molti. Le resistenze pi tenaci vengono dagli attuali operatori del porto (in particolare quelli legati alle riparazioni navali) che secondo il nuovo assetto dovrebbero traslocare in alto mare. S, perch il porto pensato da Piano preve1 de isole e piattaforme galleggianti al largo, in modo da liberare le coste congestionate di container.
Cos, abituato a trattare con amministrazioni pubbliche e private del mondo intero, dal Giappone agli Usa, dalla Germania alla Svizzera, Renzo Piano ha perso la pazienza e ha esclamato in genovese: Ne gh' ninte de fa'. Specie dopo aver sentito gli ultimi mugugni dell'Associazione industriali, che lamentavano di non essere stati consultati. Ognuno pensa al suo giardintto, dice Giovanni Novi, presidente dell'Autorit portuale, anch'essa protagonista della vexata quaestio. L'impressione che, al di l delle dichiarazioni di stima a Piano, nessuno abbia il coraggio di portare avanti la cosa, osserva il sociologo Chito Guala, che studia da anni le strategie urbanistiche di Genova: Certo, lo spostamento a mare dell'areoporto su un'isola artificiale la costruzione di un'altra isola per le riparazioni navali, la demolizione della sopraelevata, la creazione di un parco lineare urbano da Voltai a Nervi eccetera eccetera, insomma, i venti punti in cui articolato l' Affresco, richiedono un impegno finanziario ma anche mentale.
Il giorno dopo la sua uscita, Piano parla di una nuova visione di crescita sostenibile della citt. E aggiunge: E' vero che la fabbrica del porto , e deve restare, il motore di Genova, ma non a discapito del rapporto dei cittadini con il mare. Rimprovera agli altri di opporre alla sua una non-visione, che impone il perpetuarsi di scempi, come la costruzione (indecente) di porticcioli turistici attorno a cui far crescere casette.
Non si tratta di scelte o gusti diversi, ma di una visione umanistica da una parte e di una soluzione di piccolo cabotaggio dall'altra. In realt, il timore, inconfessato, degli attuali operatori pare quello di ritrovarsi in futuro con spazi pi ampi e dunque con la concorrenza di nuovi soggetti. Io non ho niente da guadagnarci - rincara Piano - sono libero sia economicamente, sia politicamente. Per mi riconosco nelle parole di Bobbio: sono indipendente dalla politica, ma non indifferente alla politica come polis. E per chi parla di progetto utopistico, ha la risposta pronta: Quando l'anno scorso presentai l'Affresco" a Ciampi, gli dissi: vedr che qualcuno dir che non si pu fare. La mia vita costellata di cose irrealizzabili che si realizzano, dal Beaubourg all'aeroporto di Osaka. L'Affresco che ridisegna Genova dovrebbe raddoppiare la fabbrica portuale, facendone uno dei centri maggiori del Mediterraneo, al pari di Barcellona, per, sottolinea Piano, insieme c' l'idea di difendere l'urbanit della Superba, la mia citt. Una citt oggi miope, la definisce.
Nessun ripensamento possibile? Giovanni Novi ci conta. Ci contano anche il sindaco Pericu (Ds) e il neo-presidente della Regione Burlando (Ds anche ii), al quale si attribuisce un velo di riserve maggiore rispetto al suo predecessore di Forza Italia Biasotti, ma che esclude ogni dissenso: L'ispirazione di fondo condivisa da tutti. E' sempre stato cos, per questo l'uscita di Piano mi ha sorpreso. Certo, le richieste di chiarimento, per un progetto cos complesso, sono comprensibili. Gi
ho chiesto a Piano di correggere alcuni punti, trovando collaborazione, n fatto che la citt, da qui a vent'anni, deve sopravvivere. Negli anni '80, da sindaco, per la trasformazione del Porto Vecchio trovai le stesse resistenze da parte di enti coinvolti. Era normale allora, figurarsi adesso... E' chiaro poi che i committenti siamo noi. Intanto il sindaco Pericu
si dice tanto convinto dell'Affresco che minaccia di lasciare l'incarico se il progetto Piano cadesse. Tutti d'amore e d'accordo, dunque? Le condizioni ideali perch Piano torni sui suoi passi. Io dice lavoro solo per le persone che mi vogliono. La mia dichiarazione non stata tattica, come si fa con una fidanzata con la quale hai litigato. Ma se fra un mese o fra sei mesi mi diranno che sono convinti dell'idea di crescita sostenibile che io ho proposto... si vedr. Altrimenti mi avvarr di un vecchio diritto che valeva sugli imbarchi: il diritto di mugugno.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news