LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali e burocrazia
Ledo Prato
Arena 24-GIU-2005

Non c'è più molto da fare. Si può sintetizzare così la lunga intervista dell'ex ministro Urbani a "Il Giornale dell'Arte", per spiegare le ragioni dell'abbandono. E per completare il quadro fa presente che ha riferito al noo ministro Buttiglione questa sua valutazone. C'è sicuramente un fondo di verità in quanto afferma Urbani. Molti sono i provvedimenti adottati durante il suo dicastero, anche se non sempre limpidamente coerenti. Ma sembra eccessivo sostenere che si è fatto tutto ciò di cui c'era necessità. Vediamo perché.
Vorrei raccontare brevemente una piccola storia, senza citare i protagonisti. Nel dicembre del 2004 una Direzione regionale del Ministero per i beni e le attività culturali indice una "gara informale" e invita alcune società e associazioni specializzati; a presentare una propria proposta per progettare la realizzazione del Sistema Museale di quella regione. I soggetti invitati accettano e presentano, nei tempi previsti (metà dicembre), i propri elaborati.
La Direzione affida l'incarico ad uno dei tre concorrenti a fine dicembre, quindi con grande celerità. Si tenga presente che, nel consegnare le proprie proposte, ciascuno dei concorrenti ha presentato i documenti richiesti e fatto ricorso alla cosiddetta autocortificasdone (strumento introdotto per responsabilizzare i cittadini e alleggerire il ricorso alla produzione e moltiplicazione di documenti burocratici).
A febbraio, 2005 la Direzione regionale comunica all'aggiudicatario "provvisorio che farà richiesta, agli enti preposti, della documentazione che confermi quanto e stato dichiarato con l'autocertificazione (che quindi non si capisce a cosa serve). Con posta ordinaria ad una serie di uffici (INPS, camera di commercio, tribunale, Inail ecc.) di fornire informazioni sull'aggiudicatorio provvisorio. A metà giugno 2005 la Direzione generale conferma ai concorrenti che il "provvisorio" è diventato definitivo. Ora dovranno passare alla stesura e sottoscrizione del contratto fra le due parti, Mesi trascorsi: sette (senza contare quelli impiegati dalla Direzione Regionale per impastire la decisione di realizzare il Sistema Museale regionale e predisporre le procedure).
Questa vicenda, una delle tante che caratterizzano l'attività burocratica delle amministrazioni pubbliche, non si è sviluppata così per la "miopia" di qualche funzionario. E, al contrario, la modalità che presiede la pubblica amministrazione. E' alla base dei continui richiami della Corte dei Conti sull'accumulo dei cosiddetti residui passivi del ministero per i beni e le attività culturali.
Ora guardiamo il risvolto economico di una tale procedura. Chi ha "perso", per 7 mesi non ha saputo l'esito finale. Chi, alla fine, ha "vinto", ha sopportato oneri in vista di un lavoro da fare, senza sapere a partire da quando.
Ma c'è un altro aspetto. Promuovere e realizzare un Sistema Museale è operazione complessa ma straordinariamente utile. Consente, infatti, a più soggetti (pubblici, privati, ecclesiastici ecc) di riconoscersi in un'unica strategia di tutela e valorizzazione del proprio patrimonio, avvia una politica di marketing per la promozione e la fruizione dei musei, concorre a dare slancio allo sviluppo del turismo culturale di un'area vasta, favorisce nuovi investimenti. Quanto ha pesato, sul piano economico, il tempo perso nell'applicazione di un così tormenlato iter Burocratico? Quante occasioni sono state perdute? Ai lettori la risposta.
Al Ministro Buttigliene un invito: ci sono riforme, come quelle che riguardano le procedure burocratiche, che non costano niente ma possono dare un contributo allo sviluppo del Paese. Non è solo un ritornello caro al Presidente di Confindustria, è una verità inconfutabile. E nel caso in questione potrebbe essere un impegno per "smentire" Urbani. Semplificare e snellire aiuterebbe tante Direzioni regionali e Sovrintendenze a fare di più e meglio, in tempi più rapidi. Magari aiutandoli a promuovere sistemi museali capaci di aiutare i territori a competere meglio sul piano nazionale e internazionale. Se la situazione del Paese è così difficile, tocca a ciascuno, secondo il ruolo e il grado di responsabilità, fare la propria parte. Anche con "piccole" riforme.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news