LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quadri dellIstria: si alza il sipario
Marianna Accerboni
Il Piccolo, 23/06/2005

TRIESTE. E stato Vittorio Sgarbi l'appassionato e al tempo stesso equilibrato protagonista della conferenza stampa di presentazione della mostra che, sotto il titolo significativo di Histria, dedicata negli spazi del Museo Revoltella ai capolavori istriani restaurati, e che si inaugurata ieri sera alla presenza del ministro per i Beni e le attivit culturali Rocco Bottiglione.
Un'opera non appartiene all'autore, ma alla comunit che ne gode - ha detto il ministro Buttiglione -, Queste opere non erano semplicemente nascoste, ma rimosse dalla coscienza della nazione, cos come il dramma di Trieste e dei profughi istriani. Ha aggiunto: Bisogna riportare alla luce il rimosso, ma essere capaci di perdonare e di chiedere il perdono. Queste opere spero saranno fonte di riconciliazione fondata sulla verit.
Da oggi fino al 6 gennaio 2006 saranno visibili al pubblico, dopo pi di cinquant' anni di ergastolo, come lo ha definito il critico ferrarese, le preziose opere d'arte veneta firmate tra il trecento e il settecento da grandi maestri come Paolo Veneziano, Alvise Vivarini, Alessandro Algardi, Giambattista Tiepolo, Vittore e Benedetto Carpaccio ed altri autori minori, rimosse dall'Istria nel 1940 per essere salvate dai rischi della guerra.
I ventun pezzi, in gran parte opere pittoriche dipinte su tavola e su tela, alcune fusioni in bronzo e una scultura lignea, furono spostati dalle sedi originarie in base alla legge Bottai del '40 sulla protezione delle cose d'interesse artistico, storico, bibliografico e culturale della Nazione in caso di guerra.
I capolavori, provenienti dalle chiese e dai musei di Capodistria e Pirano, trovarono riparo da bombardamenti e depredazioni, custoditi in apposite casse di legno in ricoveri segreti dell'entroterra friulano; poi, nel '48, dopo varie peripezie, furono trasferite a Roma e, nel '72, al Museo Nazionale di Palazzo Venezia. Nel 2002 prese il via il progetto di Roberto Menia, allora assessore alla Cultura del Comune di Trieste, di riportare alla luce tali opere in un'importante sede istituzionale della citt - allora si disse Palazzo Gopcevic - e la tenace opera di Sgarbi (ho passato una vita a disseppellire opere d'arte!), allepoca sottosegretario per i beni e le attivit culturali, che ne promosse il restauro e l'esposizione, consentendo l'apertura delle casse in cui i pezzi erano racchiusi.
Davanti a un Auditorium affollato dai rappresentanti della stampa delle grandi occasioni, tra cui molti giornalisti stranieri, lapidario ma diplomatico, il critico ferrarese, ha per gettato subito acqua sul fuoco di eventuali polemiche, che per altro non si sono verificate. Non c' motivo di polemica. Non possiamo pensare a dei contrasti basati su delle presunzioni se ci fosse stato un buon diritto per gli sloveni di avere queste opere. Le soluzioni erano due, o di restituirle come avrei fatto io per primo o di tenerle nascoste come pensavano forse di fare alcuni amici dei profughi istriani per una ragione, cio di compensare le propriet in qualche modo sequestrate agli istriani con delle opere che erano in Italia casualmente.
Le opere furono portate fuori dai luoghi dove stavano, essendo quello territorio italiano, in alcuni depositi dove sono rimaste, ma i trattati che stabilivano ci che doveva essere degli Sloveni e ci che doveva essere degli Italiani, sono successivi a quella data, quindi non c' il diritto. Poi ci pu essere l'opportunit, che pu nascere da un rapporto amicale fra istriani profughi e autorit locali o da opportunit di ordine generale, perch le opere devono tornare nei loro luoghi, ma niente pi importante del fatto che la comunit internazionale ed europea possa vedere le opere. Questa la festa: poterle vedere.
Dove andranno poi, le opere a chiusura della mostra? Saranno collocate nelle Scuderie del castello di Miramare, una sede prestigiosa - sottolinea il Soprintendente reggente Giuseppe Franca - che stiamo definitivamente attrezzando a tale scopo. Franca ha poi ricordato l'impegno dell'allora Soprintendente Giangiacomo Martinez e la sinergia con la Soprintendenza speciale per il polo museale romano, le Soprintendenze del Veneto e l'Istituto Centrale di Restauro che hanno collaborato al restauro e quella fra vari istituti e storici dell'arte per la redazione delle schede esplicative che accompagnano in mostra le opere. E ha espresso grande soddisfazione per la restituzione alla comunit di opere da troppo tempo dimenticate. Analoghi sentimenti sono stati espressi dalla direttrice del Museo, Maria Masau Dan, che ha ricordato la grande cura apprestata nella realizzazione del catalogo, e dal senatore Lucio Toth, che ha ricordato le peripezie subite dalle opere dopo lo spostamento dall'Istria e il coraggio di chi se n' occupato.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news